Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La severità dei sintomi COVID-19 è riflessa dai livelli elevati del biomarcatore chimico

La severità variante dei sintomi COVID-19 in pazienti è riflessa dai livelli di biomarcatore chimico nel loro organismo che gli scienziati dicono potrebbero essere usati per gestire meglio i trattamenti ed altri interventi, compreso le vaccinazioni.

In un nuovo documento in giornale internazionale delle malattie infettive, i medici specialisti in Italia ed i livelli esaminati l'Australia di prodotto chimico hanno chiamato l'amiloide A, (SAA) una proteina del siero sintetizzato nel fegato che può chiodare la volta fino a 1.000 nelle prime 24-48 ore di un'infezione.

A sua volta, un aumento in SAA può più ulteriormente perpetuare l'infiammazione e causare le anomalie del grumo ed il danno dell'organo, i ricercatori dicono, concludendo i livelli di SAA sono associati con il più alte severità COVID-19 e mortalità.

L'università di ricercatori di Flinders University e di Sassari messi a fuoco sull'ultima ricerca compreso 19 studi di più di 5.600 pazienti COVID-19 affinchè indicatori specifici predicano severità e progressione di malattia.

Le nostre analisi hanno indicato che i pazienti COVID-19 con la malattia severa o chi finalmente è morto hanno avuti livelli elevati significativamente di SAA una volta rispetto ai pazienti a COVID-19 delicato.„

Arduino Mangoni, studia l'autore ed il professor corrispondenti senior, farmacologia clinica, Flinders University, Australia del sud

“I pazienti con i moduli severi della malattia 2019 di coronavirus hanno l'eccessiva infiammazione, le alterazioni nella formazione del grumo e danno significativo in parecchi organi, specialmente il polmone, il rene, il cuore ed il fegato,„

Dato il ruolo chiave di infiammazione in COVID-19, gli indicatori che riflettono uno stato di eccessiva infiammazione potrebbero essere particolarmente utili per la stratificazione di rischio e l'efficace gestione.

“Questo prodotto chimico può aiutare, insieme ad altre caratteristiche pazienti, nella predizione quale pazienti COVID-19 sono probabili deteriorare e richiedere la gestione aggressiva,„ dei ricercatori dice.

Mentre i vaccini sicuri ed efficaci stanno srotolandi universalmente ci sono corrente poche efficaci terapie per trattare COVID-19 nella comunità ed in ospedale.

In questo contesto, l'uso degli indicatori specifici predire la severità di malattia e faciliterebbe l'identificazione in anticipo dei pazienti che richiedono la gestione ed il video aggressivi ed assisterebbe all'uso giudizioso delle risorse di sanità.

Il collegamento fra la severità SAA e COVID-19 e la mortalità ha messo a fuoco sui dati raccolti da 5.617 pazienti ospedalizzati con COVID-10 con differenti gradi di severità e di stato di sopravvivenza, con letteratura corrente.

Source:
Journal reference:

Zinellu, A., et al. (2021) Serum amyloid A concentrations, COVID-19 severity and mortality: An updated systematic review and meta-analysis. International Journal of Infectious Diseases. doi.org/10.1016/j.ijid.2021.03.025.