Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori rivelano una strategia terapeutica potenziale contro la leucemia linfoblastica acuta a cellula T

La leucemia linfoblastica acuta a cellula T (ALTA) è un tipo aggressivo di leucemia in cui troppi lymphoblasts a cellula T, o globuli bianchi acerbi, sono trovati nel midollo osseo e nel sangue. I ricercatori dall'istituto del Cancro di Rutgers del New Jersey, il solo Cancro nazionale dello stato Istituto-hanno designato il centro completo del Cancro, recentemente scoperto che una droga disgiungente mitocondriale è tossica contro le celle leucemiche, rivelanti una strategia terapeutica potenziale contro ALTO. Daniel Herranz, PharmD, il PhD, il ricercatore residente all'istituto del Cancro di Rutgers e l'assistente universitario di farmacologia alla facoltà di medicina di Rutgers Robert Wood Johnson, è autore senior del lavoro e divide più circa i risultati pubblicati nell'edizione online del 19 aprile di sangue [doi.org/10.1182/blood.2020008955].

Perché è questo argomento importante da esplorare per questa popolazione paziente particolare?

ALTA è una malignità ematologica che pregiudica principalmente i bambini, ma può anche accadere in adulti. Anche se gli avanzamenti recenti nei trattamenti con i regimi intensificati della chemioterapia provocano la maggior parte dei pazienti che sono essiccati, 20 - 50 per cento dei pazienti mostrano la resistenza primaria ai trattamenti o finalmente ricadono. Con rincrescimento, la prognosi è misera in questi casi ed i pazienti infine muoiono della loro malattia. Quindi, c'è una chiara necessità di identificare gli obiettivi terapeutici novelli in ALTO che potrebbe contribuire a migliorare le tariffe della maturazione.

Descriva il lavoro e che cosa voi ed i vostri colleghi hanno trovato.

Descriviamo una droga disgiungente mitocondriale novella con i buoni beni chimici per il suo uso negli organismi viventi (in vivo). Questa droga pregiudica la funzionalità dei mitocondri, che è la centrale elettrica della cella. Abbiamo deciso di verificare i sui effetti in ALTO dai risultati priori dal laboratorio abbiamo suggerito che l'attività mitocondriale potrebbe essere di importanza critica per le celle di leucemia. I nostri risultati dimostrano che disgiungere mitocondriale mostra un forte effetto anti-leucemico non solo nelle linee cellulari ALTE fuori degli organismi viventi, ma anche nei modelli del mouse della leucemia in vivo ed in mouse harboring paziente-ha derivato gli xenotrapianti ALTI.

Che cosa sono le implicazioni di questi risultati e che cosa sono i punti futuri pertinente a questo lavoro?

Forniamo in vivo la prova del potenziale terapeutico delle droghe disgiungenti mitocondriali in ALTO. Quindi, i nostri risultati offrono una nuova strategia terapeutica per il trattamento della leucemia, che potrebbe essere particolarmente pertinente per i casi ricaduti con poche alternative terapeutiche. Gli studi supplementari già che subiscono in laboratorio dovrebbero delucidare se disgiungere mitocondriale potrebbe potenziare con altre droghe corrente utilizzate nel trattamento di ALTO o se il trattamento con questa droga scopre le vulnerabilità novelle in celle leucemiche. Ancor più importante, i test clinici in pazienti ALTI nel breve/metà trimestre dovrebbero dimostrare l'efficacia di disgiungere mitocondriale in questa malattia.

Source:
Journal reference:

da Silva-Diz, V., et al. (2021) A novel and highly effective mitochondrial uncoupling drug in T-cell leukemia. Blood. doi.org/10.1182/blood.2020008955.