Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ascoltando la musica prima di andare a letto può migliorare la qualità di sonno fra gli adulti più anziani

Ascoltando la musica prima di andare essere può migliorare la qualità di sonno fra gli adulti più anziani, secondo un'analisi di tutti i test clinici pubblicati pertinenti.

Nell'analisi, che è pubblicata nel giornale della società americana della geriatria, cinque prove ripartite con scelta casuale hanno risposto ai criteri dei ricercatori. Gli adulti più anziani che hanno ascoltato musica hanno avvertito la qualità significativamente migliore di sonno che coloro che non ha ascoltato musica. Inoltre, gli adulti più anziani che hanno ascoltato musica calmante hanno avvertito un maggior miglioramento nella qualità di sonno che coloro che ha ascoltato musica più ritmica. Ancora, ascoltare la musica più lungamente di quattro settimane era particolarmente efficace a migliorare la qualità di sonno.

L'intervento di musica è un'efficace strategia ed è facile da amministrare da un badante o da un lavoratore di sanità. La musicoterapia potrebbe essere la prima riga di terapia da raccomandare in adulti più anziani con i disturbi del sonno, che avrebbero diminuito l'esigenza di dipendenza dai sedativi e dal farmaco di sonno.„

Autori di studio, Wiley

Legga i riassunti approfonditi degli articoli attuali delle INTACCATURE come questo sulla salubrità della società americana della geriatria nel blog di invecchiamento.

Source:
Journal reference:

Chen, C-T., et al. (2021) Effect of music therapy on improving sleep quality in older adults: A systematic review and meta‐analysis. Journal of American Geriatrics Society. doi.org/10.1111/jgs.17149.