Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori esaminano se una proteina naturale può essere usata per impedire la perdita di vista il glaucoma

I ricercatori costituiti un fondo per dalla lotta per vista, in società con la carità dei creatori dello spettacolo' ed il glaucoma Regno Unito, stanno studiando se una proteina naturale nell'organismo può essere usata per impedire la perdita di vista il glaucoma.

I ricercatori esaminano se una proteina naturale può essere usata per impedire la perdita di vista il glaucoma
Credito di immagine: Lotta per vista

Lo studio, avente luogo all'università di Cardiff, sta esplorando se un agente neuroprotective chiamato fattore Neurotrophic Cervello-Derivato (BDNF) può essere rilasciato in un modo controllato dal sangue una volta stimolato con un ultrasuono come trattamento mirato a per il glaucoma.

Ci sono 500,000 persone nel Regno Unito con il glaucoma ed è la seconda causa principale di cecità nel mondo. Il glaucoma è caratterizzato dalla perdita di celle retiniche del ganglio (RGCs) e piombo a perdita irreversibile di vista. RGCs è situato vicino alla superficie interna della retina e che è responsabile dell'invio dei messaggi al cervello, permettendo che noi vediamo. Un campo chiave della ricerca del glaucoma quindi sta esplorando come conservare questo RGCs ed impedire ulteriore perdita di vista.

Il fattore Neurotrophic Cervello-Derivato (BDNF), che si presenta naturalmente in piastrine, già è stato indicato per avere gli effetti protettivi su RGCs come pure molti altri tipi di cellule nervose. Tuttavia BDNF è difficile da consegnare alle celle corrette ed i sui effetti benefici sembrano essere diminuiti col passare del tempo ed in modo dai nuovi modi gestire il dosaggio e la consegna sono necessari.

Il glaucoma è collegato ad alta pressione dell'occhio ed in modo dai trattamenti correnti per la circostanza sono puntati sulla riduzione di questa pressione. Tuttavia, molti pazienti continuano a perdere la vista malgrado efficace controllo della pressione che evidenzia una necessità urgente trovare i trattamenti supplementari. Vogliamo a catturare i vantaggi di BDNF veduto nel lavoro priore più vicino ad un trattamento clinico possibile indirizzando varie delle difficoltà nel controllo della dose e della consegna. Poichè la strumentazione di ultrasuono è già ampiamente usata nelle cliniche di occhio, se il nostro esperimento riesce, questo assicurerebbe un itinerario rapido, sicuro e redditizio a consegnare questo trattamento nelle cliniche.„

Dott. Andrew Want, guida di ricerca, università di Cardiff

L'amministratore delegato provvisorio alla lotta per vista, Ikram Dahman, ha detto: “Siamo deliziati per partner con la carità dei creatori dello spettacolo' ed il glaucoma Regno Unito per costituire un fondo per questo progetto di ricerca apprezzato. Se riuscita, questa ricerca ha il potenziale di contribuire ad assicurare i migliori risultati per la gente innumerevole con il glaucoma. Aspettiamo con impazienza di vedere i risultati dello studio del Dott. Want.„

Il glaucoma è una malattia dell'occhio complessa. Non c'è corrente maturazione e la vista persa al glaucoma è irreversibile, in modo da siamo soddisfatti di partner con la lotta affinchè vista e la carità dei creatori dello spettacolo' costituiamo un fondo per questa ricerca che esamina la possibilità di utilizzare una proteina naturale nell'organismo per impedire la perdita di vista il glaucoma. Aspettiamo con impazienza di imparare i risultati dello studio del Dott. Want, in grado di aprire la strada per gli avanzamenti nel trattamento del glaucoma e migliorare la qualità di vita per tutta la gente che vive con il glaucoma.„

Karen Osborn, amministratore delegato, glaucoma Regno Unito

I ricercatori utilizzeranno un modello genetico nel laboratorio per determinare i tempi di esposizione e la frequenza ottimali dell'ultrasuono stati necessari per BDNF. Su un periodo di quattro settimane rifletteranno i livelli di pressione dell'occhio di modello del glaucoma e daranno i trattamenti intermittenti di ultrasuono per determinare se il BDNF diminuisce la degenerazione di RGCs veduta nel glaucoma, dimostranti la capacità di questo trattamento di proteggere queste celle.