Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I punti culminanti di studio devono integrare i bisogni cura-specifici critici nella pianificazione di risposta al disastro

I disastri naturali, gli attacchi del terrorismo, le fucilazioni di massa e la pandemia COVID-19 hanno evidenziato l'importanza della pianificazione di risposta al disastro in tutto il sistema sanitario.

I trapani di disastro mettono a fuoco spesso sugli effetti di un incidente, come la gestione dell'impulso iniziale del paziente e della valutazione nel pronto soccorso e verificare il sistema di comando di incidente dell'ospedale. Tuttavia, un disastro anche può richiedere la capacità critica di cura di espandersi ad una rapida e ad un modo continuo.

“I feriti di massa e le implicazioni di disastro per la cura critica Team„ le varie considerazioni dei dettagli per integrare i bisogni cura-specifici critici nella pianificazione di risposta al disastro, compreso la capacità di espandere la capacità per i letti (ICU) dell'unità di cure intensive, il numero del personale formato, le offerte e le attrezzature. L'articolo è pubblicato nella cura critica avanzata AACN.

I co-author John Gallagher, DNP, Marina militare, CCNS, CCRN-K, TCRN, RRT, FCCM e Jennifer Adamski, DNP, APRN, ACNP-BC, CCRN, FCCM, hanno risposto agli incidenti multipli del ferito di massa durante le loro carriere di professione d'infermiera e le numerose organizzazioni aiutate sviluppano le pianificazioni di risposta al disastro.

Un professore all'università di banco di Pittsburgh di professione d'infermiera, Gallagher ha quasi 30 anni di esperienza nella professione d'infermiera di trauma. Adamski è un assistente universitario e un Direttore del programma acuto all'Emory University, Atlanta del professionista dell'infermiere di cura di adulto-gerontologia. È egualmente un professionista critico dell'infermiere di cura sul gruppo critico di volo di cura per la clinica di Cleveland. Entrambi servire sul consiglio d'amministrazione nazionale per l'associazione americana di Critico-Cura curano (AACN), che pubblica il giornale.

Gli ospedali devono avere un piano d'emergenza ICU-specifico come componente della loro più grande pianificazione della funzione, dovuto i requiremens unici per espansione dello spazio, di assunzione di personale, delle offerte e delle attrezzature di ICU. È cruciale che i fornitori di ICU prevedono le sfide prima di un disastro reale.„

John Gallagher, co-author di studio ed il professor, università di banco di Pittsburgh di professione d'infermiera

“La pianificazione di disastro può catturare un generale approccio o di tutto rischio che mette a fuoco su un rischio specifico che la funzione può essere all'elevato rischio per, dovuto la sua posizione ed altri fattori,„ Adamski ha detto. “Pensare con le ramificazioni di un incidente, preparare per gli scenari peggiori e praticare la risposta possono salvare letteralmente le vite in cui un disastro accade.„

Quando gli stati dell'impulso di disastro aumentano la pressione sulle operazioni di sanità, gli impianti si muovono da convenzionale verso la contingenza o degli gli standard livelli della crisi per soddisfare le esigenze dei loro pazienti.

La pianificazione di Predisaster comprende la cattura dell'inventario di spazio disponibile per ampliare lo spazio di ICU, con la possibilità che altre aree all'interno dell'ospedale possono avere bisogno di di trasformarsi in in ICUs. Quando lo spazio interno è alla capacità, l'esterno o l'espansione remota e gli ospedali da campo di ICU possono essere necessaria.

Fornendo le considerazioni di personale comprenda l'uso dei modelli d'assunzione di personale creativi e a file e della formazione puntuale affinchè i clinici ed il personale ausiliario moltiplichino rapidamente il numero del personale capace negli stati dell'impulso.

Oltre a spazio ed il personale, gli impianti devono identificare l'offerta e bisogni e le vulnerabilità della strumentazione. Questi comprendono l'ossigeno personale, i ventilatori, l'ultrasuono di punto-de-cura e le componenti del sangue protettivi e ridondanti di emergenza. Alcuni farmaci critici comuni di cura possono scarseggiano dovuto la domanda aumentata, mentre altri, quali gli antidoti del gas nervino e delle armi chimiche, possono essere necessari soltanto durante i tipi specifici di disastri.

Gli indirizzi dell'articolo egualmente trasferiscono e trasportano le considerazioni che dovrebbero essere incluse con i piani d'emergenza come pure prevedendo i bisogni potenziali delle popolazioni speciali nella comunità.

L'articolo è uno di vari ha pubblicato in primavera l'edizione 2021 del giornale che forniscano gli aggiornamenti nelle aree chiave di cura paziente di trauma per assistere gli infermieri avanzati ed altri di pratica nella cura dei pazienti danneggiati. Altri articoli nei simposi mettono a fuoco sopra:

  • Trauma cranico traumatico
  • Strategie emostatiche nel trauma
  • Considerazioni critiche di cura per controllo dei danni nei pazienti di trauma
  • Controllo di dolore nei pazienti di trauma, compreso uso di minimizzazione dell'opioide
Source:
Journal reference:

Gallagher, J. J., et al. (2021) Mass Casualties and Disaster Implications for the Critical Care Team. AACN Advanced Critical Care. doi.org/10.4037/aacnacc2021235.