Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La prova in corso delle persone immunizzate sarà chiave attenuare gli scoppi futuri COVID-19

In rari casi, la gente che completamente è stata vaccinata contro COVID ed è immune al virus può tuttavia sviluppare la malattia. I nuovi risultati dalla Rockefeller University ora suggeriscono che questi cosiddetti casi dell'innovazione possano essere guidati da evoluzione rapida del virus e che la prova in corso delle persone immunizzate sarà importante da contribuire ad attenuare gli scoppi futuri.

La ricerca, pubblicata questa settimana in New England Journal di medicina, riferisce i risultati dal video in corso all'interno della comunità di Rockefeller University in cui due persone completamente vaccinate hanno verificato il positivo a coronavirus.

Entrambi avevano ricevuto due dosi del Moderna o del vaccino di Pfizer, con la seconda dose che accade più di due settimane prima della prova positiva.

Una persona era inizialmente sintomi tipici asintomatici ed allora sviluppati COVID-19; gli altri sintomi sviluppati prima della prova. Entrambe le persone recuperate a casa, un risultato coerente con prova che suggerisce la vaccinazione è efficaci nell'impedire la malattia severa.

Il sequenziamento del genoma ha rivelato le mutazioni multiple in entrambi i campioni virali, compreso la variante di E484K in una persona, in primo luogo identificata nel Sudafrica e nel Brasile e la variante di S477N nell'altra persona, che sta spargendosi in New York da novembre.

“Questi pazienti ottengono vaccinati, hanno avuti grandi risposte immunitarie e ciò nonostante hanno attraversato con un'infezione clinica,„ dice Robert B. Darnell, il Robert e professore di Harriet Heilbrunn, che piombo la ricerca con l'immunologo Michel C. Nussenzweig, il virologo Paul Bieniasz ed il genetista Richard P. Lifton.

I ricercatori potevano discernere una quantità quantificabile di virus nei campioni della saliva dalla prova sistematica in corso a Rockefeller ed ordinano il RNA virale facendo uso di nuovo metodo di collaudo di coronavirus messo a punto nel laboratorio di Darnell dal socio postdottorale Ezgi Hacisuleyman con l'aiuto del socio di ricerca senior Nathalie Blachere.

Da gennaio, l'università ha richiesto tutti gli impiegati che lavorano sul posto per essere provato settimanalmente facendo uso di questa a analisi basata a saliva di PCR.

Le osservazioni suggeriscono che cosa è probabile un piccolo ma rischio in corso fra le persone vaccinate e la possibilità che possono continuare a spargere il virus.

L'idea che potremmo interamente essere fatti con la prova nel mondo del post-vaccino non è probabilmente buon'ora; per esempio, anche la gente completamente vaccinata che sviluppa i sintomi respiratori dovrebbe studiare la possibilità di ottenere provata a COVID-19. Per contro, esposizione alle persone con l'infezione conosciuta, anche se completamente vaccinato, dovrebbe essere catturato seriamente e le persone dovrebbero studiare la possibilità ancora di ottenere provate.„

Il professor di Robert B. Darnell, di Robert e di Harriet Heilbrunn, Rockefeller University

“Dato la portata della pandemia, c'è un gran quantità del virus nel mondo ora, significante un'opportunità enorme affinchè le mutazioni si sviluppi e spargersi,„ aggiunge. “Che sta andando essere una sfida per i rivelatori dei vaccini nel corso dei mesi e degli anni futuri.„

Source:
Journal reference:

Hacisuleyman, E., et al. (2021) Vaccine Breakthrough Infections with SARS-CoV-2 Variants. New England Journal of Medicine. doi.org/10.1056/NEJMoa2105000.