Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'intolleranza preoperatoria di esercizio e di sarcopenia predice i risultati dopo la chirurgia del cancro polmonare

Il cancro polmonare è una causa globale importante della mortalità, secondo le informazioni ricevute rappresentante ogni anno 1,7 milione morti. Il modulo più comune del cancro polmonare è cancro polmonare della non piccolo cella (NSCLC) e la fase iniziale NSCLCs può essere resecata spesso chirurgicamente.

Purtroppo, alcuni pazienti ancora avvertono i risultati difficili dopo resezione chirurgica, richiedente ulteriore ricerca sulla relazione fra lo stato preoperatorio di un paziente e la probabilità di buoni risultati postoperatori.

Dato questo fabbisogno di informazioni, il Dott. Shinya Tanaka dal dipartimento di ripristino e prof. Naoki Ozeki dal dipartimento di ambulatorio toracico, dell'università di Nagoya e dei loro colleghi hanno deciso di studiare. Gli studi precedenti avevano identificato alcuni fattori di rischio per la mortalità dopo resezione di NSCLC, compreso il sarcopenia, che è definito come la perdita progressiva di massa e di resistenza del muscolo e principalmente si presenta in persone più anziane. Un altro fattore di rischio conosciuto per i risultati postoperatori sfavorevoli è la prestazione fisica difficile come misurato con la prova minuta di distanza di camminata 6 (6MWD), che comprende misurare fin dove un paziente può camminare su un corridoio nella portata di 6 minuti.

Al Dott. Tanaka ed a prof. Ozeki, questi risultati passati hanno indicato chiaramente “l'importanza completamente di valutazione dello stato fisico preoperatorio di un paziente per determinare i suoi rischi di risultati difficili.„ Tuttavia, nessuno studio precedente sui risultati postoperatori in pazienti con NSCLC aveva considerato sia il sarcopenia che la prestazione fisica. Il Dott. Tanaka, prof. Ozeki ed i loro colleghi quindi hanno deciso di intraprendere gli studi che hanno indirizzato questo spazio nella ricerca. I loro risultati compaiono in un documento recentemente pubblicato nel giornale di cachessia, di Sarcopenia e del muscolo.

I ricercatori hanno analizzato i dati da 587 pazienti con NSCLC che ha subito gli ambulatori di resezione all'ospedale universitario di Nagoya fra 2014 e 2017. Hanno messo a fuoco le loro analisi sulla determinazione come l'intolleranza preoperatoria di esercizio e di sarcopenia (definita come l'incapacità di camminare più ulteriormente di 400 metri sul 6MWD) ha influenzato il rischio di un paziente di mortalità durante il periodo postoperatorio di seguito, che è durato in media 3,1 anni.

Le analisi dei ricercatori hanno indicato che i pazienti con il sarcopenia preoperatorio hanno avuti un'più alta probabilità di 1,78 volte della morte durante il seguito che i loro pari senza intolleranza preoperatoria di esercizio e di sarcopenia. Ancora, i pazienti con intolleranza preoperatoria di esercizio hanno avuti un elevato rischio di 2,26 volte della morte che i pazienti senza intolleranza preoperatoria di esercizio e di sarcopenia.

Tuttavia, i più forti effetti sono emerso quando l'intolleranza di esercizio e di sarcopenia ha coinciso: i pazienti che hanno avuti il sarcopenia preoperatorio ed intolleranza preoperatoria di esercizio hanno avuti un'più alta probabilità di 3,38 volte della morte che i pazienti che erano esenti da intolleranza di esercizio e di sarcopenia prima di chirurgia.

Questi risultati hanno implicazioni importanti per la valutazione preoperatoria dei pazienti con NSCLC. In breve, quando gli oncologi stanno tentando di predire le prognosi di postresection, dovrebbero considerare completamente lo stato fisico di un paziente perché le variabili come intolleranza di esercizio e di sarcopenia interagiscono a vicenda per aumentare il rischio di un paziente di mortalità.

Il Dott. Tanaka e prof. Ozeki sperano che i loro risultati “possano contribuire all'istituzione dei metodi di intervento per migliorare le prognosi dei pazienti con NSCLC.„ Più largamente, sperano che “più gente renda conto l'importanza di nutrizione ed eserciti e provi a piombo le vite più sane„.

Source:
Journal reference:

Tanaka, S., et al. (2021) Preoperative paraspinous muscle sarcopenia and physical performance as prognostic indicators in non‐small‐cell lung cancer. Journal of Cachexia, Sarcopenia and Muscle. doi.org/10.1002/jcsm.12691.