Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli eosinofilo modificano la barriera respiratoria durante l'infezione di influenza A, manifestazioni studiano

Per la prima volta in letteratura pubblicata, l'ospedale pediatrico di Le Bonheur ed i ricercatori del centro di scienza di salubrità di University of Tennessee (UTHSC) hanno indicato che vari globuli bianchi conosciuti come gli eosinofilo modificano la barriera respiratoria durante l'infezione di influenza A (IAV), secondo un documento recente nelle celle del giornale.

Questa ricerca potrebbe avere implicazioni nella comprensione dell'infezione SARS-CoV-2 (COVID-19) in pazienti asmatici.

Lo studio di Le Bonheur/UTHSC ha trovato che celle epiteliali della galleria di ventilazione del immunomodulate degli eosinofilo durante l'infezione di IAV, contribuendo a neutralizzare il virus ed a proteggere le vie respiratorie.

Lo studio piombo dal collega postdottorale Meenakshi Tiwary, PhD del centro di scienza di salubrità di University of Tennessee, dal laboratorio di Direttore del programma di ricerca di asma e della presidenza pediatrici delle fondamenta dell'aratro di eccellenza nella pediatria, di Amali Samarasinghe, PhD, in collaborazione con Robert Rooney, PhD, assistente universitario della pediatria al centro di scienza di salubrità di University of Tennessee ed al Direttore del Biorepository e dell'iniziativa integrante di genomica a Le Bonheur e Swantje Liedmann, il PhD, un collega postdottorale all'ospedale della ricerca dei bambini della st Jude.

“Abbiamo esaminato le risposte dell'eosinofilo al virus di influenza A durante la fase in anticipo di infezione ed abbiamo trovato che gli eosinofilo esibiscono le funzioni multiple come mediatori attivi della difesa antivirale ospite,„ abbiamo detto Samarasinghe. “Questi comprendono la neutralizzazione del virus, trafficando allo scarico degli organi linfoidi e, per di più, a proteggere la barriera della galleria di ventilazione dal cytopathology indotto da virus.„

Lo studio ha usato sia i modelli del mouse che i modelli della coltura cellulare per osservare le risposte dell'eosinofilo durante le fasi in anticipo di infezione di IAV. I ricercatori hanno trovato che gli eosinofilo hanno alterato il transcriptome epiteliale respiratorio per migliorare la difesa delle cellule epiteliali contro da danno indotto da virus. Poichè i mouse allergici eosinofilo-carenti avevano intensificato dal il danneggiamento indotto da virus della barriera epiteliale, le interazioni delle cellule epiteliali e dell'eosinofilo sono necessarie per la protezione ospite durante l'influenza.

Ulteriori risultati hanno incluso quanto segue:

Gli eosinofilo sono attivati in 20 minuti di infezione virale. Come conseguenza dell'infezione di IAV, del movimento dell'eosinofilo in e dai polmoni aumentati e dagli indicatori espressi eosinofilo attivati necessari per migrare negli organi linfoidi dal sito dell'infezione

L'interferenza fra le celle epiteliali della galleria di ventilazione e gli eosinofilo promuove l'attivazione in entrambi i tipi delle cellule. La presenza di eosinofilo ha diminuito l'espressione degli indicatori della superficie specifica in celle epiteliali una volta collocata nella grande prossimità durante l'infezione di IAV. Ciò è particolarmente importante poichè questo studio fornisce la prova diretta che gli eosinofilo non sono tossici ospitare il tessuto.

Configurazioni di questo studio su ricerca dal laboratorio di Samarasinghe che studia perché gli asmatici erano meno probabili soffrire dalla malattia severa che gli non asmatici durante la pandemia di influenza di maiali di 2009. La ricerca precedente ha indicato che gli eosinofilo hanno un'più alta prevalenza in polmoni asmatici ed in pazienti aiutati durante l'infezione.

I rapporti dalla pandemia COVID-19 hanno indicatori in anticipo che i pazienti con asma allergica non sono al rischio aumentato di COVID-19 severo. Sta tentando di speculare che gli eosinofilo possono svolgere un ruolo antivirale contro SARS-CoV-2, simile alla loro funzione contro influenza A ed altre infezioni virali.„

Amali Samarasinghe, PhD, centro di scienza di salubrità di University of Tennessee

Source:
Journal reference:
  • Tiwary, M., et al. (2021) Eosinophil Responses at the Airway Epithelial Barrier during the Early Phase of Influenza a Virus Infection in C57BL/6 Mice. Cells. doi.org/10.3390/cells10030509.