Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La sicurezza e l'efficacia dei vaccini di AstraZeneca e di Pfizer COVID-19 anche migliorano che i test clinici preveduti

I ricercatori nel Regno Unito e negli Stati Uniti hanno dimostrato l'efficacia di una dose del vaccino di Oxford-AstraZeneca o di Pfizer-BioNTech contro l'infezione con il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo in una regolazione nell'ambiente della comunità nel Regno Unito.

Il virus del romanzo SARS-CoV-2 è l'agente responsabile della pandemia di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19) che continua a rappresentare una minaccia alla salute pubblica globale ed ora ha reclamato le vite di più di 3,1 milione di persone universalmente.

Il grande studio d'osservazione futuro di più di 627.000 persone ha trovato che i gradi di infezione auto-riferiti fra i partecipanti che hanno ricevuto qualsiasi vaccino erano significativamente più bassi di fra i comandi unvaccinated.

Come riportato in The Lancet: Le malattie infettive, gradi di infezione documentati che seguono un d'una sola dose del vaccino di Pfizer-BioNTech (BNT162b2) erano 58% più in basso dopo i 12 - 20 giorni, 69% più in basso dopo i 21 - 44 giorni e 72% più in basso dopo i 45 - 59 giorni, rispetto ai comandi unvaccinated.

A seguito di una dose del vaccino di Oxford-AstraZeneca (ChAdOx1), i gradi di infezione documentati erano 39% più in basso dopo i 12 - 20 giorni e 60% più in basso dopo i 21 - 44 giorni che fra i comandi unvaccinated.

Ancora, riferito gli effetti collaterali che seguono la vaccinazione erano moderato nella frequenza, secondaria nella severità e di breve durata, dei rapporti Cristina Menni dall'College Londra di re e dei colleghi.

“I nostri dati supportano i risultati dalle prove controllate ripartite con scelta casuale in un grande scenario a livello comunitario che mostra la prova di riduzione dell'infezione dopo i 12 giorni e la protezione sostanziale dopo 3 settimane,„ scrive il gruppo.

Il governo BRITANNICO ha deciso di ritardare le seconde dosi vaccino

Nel Regno Unito, lo srotolamento dei vaccini di Oxford-AstraZeneca e di Pfizer-BioNTech COVID-19 ha cominciato sui 8th del dicembre 2020 e sui 4th del gennaio 2021, rispettivamente.

Sulla base di consiglio dal comitato misto per la vaccinazione e l'immunizzazione, il governo BRITANNICO ha deciso alla fine del dicembre 2020 di ritardare l'amministrazione delle seconde dosi.

Le prove di fase 3 hanno riferito ad un'efficacia di 52% i dodici giorni che seguono successivamente una prima dose del vaccino BNT162b2 e dell'amministrazione seguente di 95% delle seconda dosi 3 - 4 settimane.

Tuttavia, un rianalisi dei dati dell'efficacia riferiti per BNT162b2 nella diminuzione l'infezione, la malattia severa, l'ospedalizzazione e della morte attraverso il tutto dell'Israele ha rivelato un'efficacia di 90% due settimane che seguono appena l'una dose.

Un test clinico del vaccino ChAdOx1 egualmente ha riferito ad efficacia contro COVID-19 sintomatico di 76% gli appena 22 giorni che seguono una dose.

Tuttavia, la sorveglianza all'interno della popolazione BRITANNICA generale è necessaria allo stadio attuale dello srotolamento della vaccinazione valutare la sicurezza e l'efficacia di questi vaccini nella regolazione in tempo reale della comunità, dice Menni ed i colleghi.

Che cosa lo studio ha compreso?

Il gruppo esaminatore auto-ha riferito gli effetti contrari fra 627.383 persone (invecchiate 16 - 99 anni) che hanno ricevuto una o due dose del vaccino BNT162b2 o di una dose dei vaccini ChAdOx1 fra l'8 dicembre 2020th ed il 10 marzo 2021th.

I partecipanti auto-hanno riferito gli effetti secondari in tempo reale via lo studio app di sintomo di COVID.

I ricercatori egualmente hanno confrontato i gradi di infezione in un sottoinsieme di 103.622 persone vaccinate che successivamente hanno registrato almeno una PCR o la prova di portata laterale con le tariffe fra 464.356 utenti unvaccinated di app che egualmente hanno registrato questi risultati dei test.

Che cosa lo studio ha trovato?

Delle 627.383 persone vaccinate, 282.103 hanno ricevuto una dose di BNT162b2, di cui i 28.207 più ancora hanno ricevuto una seconda dose e 345.280 hanno ricevuto una dose di ChAdOx1.

Gli effetti collaterali sistematici il più comunemente riferiti che seguono la vaccinazione erano fatica ed emicrania, che sono durato una media di 1·01 giorno. Gli effetti secondari locali il più comunemente riferiti erano la tenerezza e dolore al sito iniezione, che ha durato una media di 1·02 giorni.

Una proporzione elevata significativamente delle persone che hanno ricevuto una dose di ChAdOx1 ha riferito gli effetti secondari sistematici, rispetto a coloro che ha ricevuto una dose di BNT162b2, a 33,7% contro 13·5%.

Al contrario, gli effetti secondari locali sono stati riferiti meno frequentemente dopo una dose di ChAdOx1 che dopo una dose di BNT162b2, a 58·7% contro 71·9%

Gli effetti secondari sistematici erano 1·6 volte più comune dopo una dose di ChAdOx1 e di 2·9 volte più comune dopo una dose di BNT162b2 fra le persone con l'infezione precedente SARS-CoV-2 che fra quelli senza infezione precedente.

Gli effetti locali erano similmente più comuni fra le persone con l'infezione precedente che fra quelle senza (1·4 volte più comune dopo una dose di ChAdOx1 e di 1·2 volte più comune dopo una dose di BNT162b2).

Che cosa circa il grado di infezione SARS-CoV-2?

Nel sottoinsieme dei partecipanti che hanno registrato la PCR o i risultati laterali della prova di portata, 3.106 (0,03%) di 103.622 hanno vaccinato le persone hanno verificato il positivo ad infezione SARS-CoV-2, rispetto a 50.340 (9,22%) dei 464.356 comandi unvaccinated.

Il gruppo ha osservato le riduzioni significative del rischio di infezione a partire dal giorno 12 che segue una dose vaccino, raggiungendo 60% per ChAdOx1 e 69% per BNT162b2 dopo i 21 - 44 giorni e 72% per BNT162b2 dopo i 45 - 59 giorni.

I ricercatori dicono che sebbene la natura d'osservazione di questi dati direttamente non rifletta l'efficacia, la diminuzione osservata nell'infezione che segue col passare del tempo una dose vaccino supporta la decisione del governo BRITANNICO per ritardare la sincronizzazione di una seconda dose a 12 settimane per massimizzare il numero della gente che riceve almeno una dose.

Tuttavia, la sorveglianza a lungo termine per la protezione SARS-CoV-2 in persone che hanno ricevuto le seconde dosi in ritardo rispetto a quelle che ricevono le seconde dosa secondo le linee guida iniziali (21 giorno dopo che la prima dose) sarà richiesta per determinare se questi preventivi iniziali della protezione persistano, conclude il gruppo.

Journal reference:
  • Menni C, et al. Vaccine side-effects and SARS-CoV-2 infection after vaccination in users of the COVID Symptom Study app in the UK: a prospective observational study. The Lancet: Infectious Diseases, 2021. DOI: https://doi.org/10.1016/S1473-3099(21)00224-3
Sally Robertson

Written by

Sally Robertson

Sally first developed an interest in medical communications when she took on the role of Journal Development Editor for BioMed Central (BMC), after having graduated with a degree in biomedical science from Greenwich University.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Robertson, Sally. (2021, April 28). La sicurezza e l'efficacia dei vaccini di AstraZeneca e di Pfizer COVID-19 anche migliorano che i test clinici preveduti. News-Medical. Retrieved on May 13, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20210428/Safety-and-efficacy-of-Pfizer-and-AstraZeneca-COVID-19-vaccines-even-better-than-clinical-trials-predicted.aspx.

  • MLA

    Robertson, Sally. "La sicurezza e l'efficacia dei vaccini di AstraZeneca e di Pfizer COVID-19 anche migliorano che i test clinici preveduti". News-Medical. 13 May 2021. <https://www.news-medical.net/news/20210428/Safety-and-efficacy-of-Pfizer-and-AstraZeneca-COVID-19-vaccines-even-better-than-clinical-trials-predicted.aspx>.

  • Chicago

    Robertson, Sally. "La sicurezza e l'efficacia dei vaccini di AstraZeneca e di Pfizer COVID-19 anche migliorano che i test clinici preveduti". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210428/Safety-and-efficacy-of-Pfizer-and-AstraZeneca-COVID-19-vaccines-even-better-than-clinical-trials-predicted.aspx. (accessed May 13, 2021).

  • Harvard

    Robertson, Sally. 2021. La sicurezza e l'efficacia dei vaccini di AstraZeneca e di Pfizer COVID-19 anche migliorano che i test clinici preveduti. News-Medical, viewed 13 May 2021, https://www.news-medical.net/news/20210428/Safety-and-efficacy-of-Pfizer-and-AstraZeneca-COVID-19-vaccines-even-better-than-clinical-trials-predicted.aspx.