Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Più di un quarto dei vaccini comuni non ricevuti americani di infanzia degli infanti

Più di un quarto degli infanti americani nel 2018 non avevano ricevuto i vaccini comuni che li proteggessero dalle malattie quali la polio, il tetano, il morbillo, la parotite epidemica e la varicella, la nuova ricerca di infanzia dall'università di Virginia che la scuola di medicina rivela.

Soltanto 72,8% degli infanti hanno invecchiato 19-35 mesi avevano ricevuto la serie completa dei sette vaccini raccomandati, cadente lontano a corto dello scopo del governo federale di 90%. Quei meno probabili completare la serie vaccino includono gli infanti afroamericani, gli infanti nati dalle madri con di meno che una formazione della High School e gli infanti in famiglie con i redditi sotto la soglia di povertà federale.

I ricercatori avvertono che l'omissione di completare la serie vaccino lascia i bambini al rischio aumentato di infezione, di malattia e di morte. Egualmente diminuisce l'immunità del gregge dell'intera popolazione, permettendo che le malattie si spargano più facilmente.

Questi risultati evidenziano che le disparità significative ancora esistono in infanti proteggenti dalle malattie evitabili negli Stati Uniti. Le tariffe basse di serie del sette-vaccino in famiglie a basso reddito stanno scoraggiando, particolarmente con i programmi federali quale il vaccino per i bambini, che fornisce la copertura per il loro servizio.„

Rajesh Balkrishnan, PhD, ricercatore, il dipartimento di UVA delle scienze di salute pubblica

Tendenze relative alla vaccinazione di infanzia

Lle certe buone notizie: C'era un aumento di 30% nel numero globale degli infanti che ottengono la serie vaccino completa durante il 2009-2018, il periodo di dieci anni i ricercatori esaminati.

Tuttavia, le disparità nell'assorbimento vaccino si sono sviluppate fra le famiglie a basso reddito e le famiglie più con reddito elevato in quel tempo. Nel 2009, le famiglie sotto la soglia di povertà federale erano 9% meno probabili ottenere la serie vaccino completa che le famiglie con reddito annuo superiore a $75.000. Nel 2018, le famiglie a basso reddito erano 37% meno probabili completare la serie vaccino.

I ricercatori dicono che il più a tariffa ridotta fra le famiglie a basso reddito sta scoraggiando particolarmente considerando la disponibilità dei programmi federali quale il vaccino per i bambini, che fornisce ai vaccini liberi per i bambini non assicurati, underinsured e Medicaid-ammissibili.

“La vaccinazione libera accoppiata senza le tasse dell'amministrazione del medico, collegate con i programmi potenziali che sono frequentemente usati dalle famiglie a basso reddito, potrebbe essere una soluzione potenziale per aumentare le tariffe di immunizzazione,„ Balkrishnan ha detto che “il ruolo dei professionisti di sanità quali i farmacisti potrebbe anche essere ampliato per fornire in modo redditizio questi servizi.„

Lo studio ha trovato che le madri che non avevano completato la High School erano quasi 27% meno probabili fare i loro vaccinare infanti completamente che le mamme con insegnamento superiore. Quella disparità era aumentato marcato da uno studio precedente che valuta 1995-2003. Lo studio precedente ha trovato che le madri con formazione della High School meno erano 7,8% meno probabili completare la serie vaccino.

Fra gli afroamericani, il completamento della serie vaccino era significativamente più basso di sia nei bianchi che in latino-americani. I ricercatori chiamano questa disparità “inaccettabile„ e che dicono che gli interventi redditizi sono necessari aumentare le tariffe di immunizzazione ed indirizzare la perplessità vaccino.

“Questi risultati sono particolarmente importanti nel contesto della pandemia corrente di COVID,„ Balkrishnan ha detto. “Particolare attenzione deve essere pagata alle popolazioni vulnerabili nell'assicurazione la disponibilità e dell'accesso ai vaccini importanti di salvataggio.„

Circa la ricerca

Per montare la loro analisi, i ricercatori hanno esaminato i dati dall'indagine nazionale di immunizzazione (NIS) condotta annualmente dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie federale. Il gruppo di ricerca ha consistito di Ansh A. Kulkarni, di Raj P. Desai, di Hector E. Alcala e di Balkrishnan. Balkrishnan lo ha rivelato è un consulente per Merck ed il Co.

I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati nell'azione ordinaria di salubrità del giornale scientifico.

Source:
Journal reference:

Kulkarni, A.A., et al. (2021) Persistent Disparities in Immunization Rates for the Seven-Vaccine Series Among Infants 19–35 Months in the United States. Health Equity. doi.org/10.1089/heq.2020.0127.