Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I professionisti di pronto intervento sopravvalutano i rischi di malattia che piombo alla sovra-diagnosi e al overtreatment

Sopravvalutazione dei professionisti di pronto intervento spesso la probabilità di un paziente che ha una condizione medica basata sui sintomi e sui risultati dei test riferiti del laboratorio. Tali sopravvalutazioni possono piombo al overdiagnosis e al overtreatment, secondo gli studi recenti intrapresi dai ricercatori alla scuola di medicina dell'università del Maryland (UMSOM) pubblicata nella medicina interna di JAMA.

Un grande spazio esiste fra i preventivi del professionista ed i preventivi scientifici della probabilità della malattia. I professionisti che sopravvalutano la probabilità della malattia potrebbero usare quella sopravvalutazione quando decide se iniziare terapia, in grado di piombo all'esagerare dei farmaci rischiosi e delle procedure.„

Daniel Morgan, MD, guida di studio, il professor di epidemiologia & di salute pubblica a UMSOM

Per intraprendere gli studi, il Dott. Morgan ed i suoi colleghi hanno esaminato 553 professionisti primari di salubrità, compreso i residenti, i medici di partecipazione, i professionisti dell'infermiere e gli assistenti del medico, in Maryland ed altri sette stati. I dichiaranti di indagine sono stati chiesti di determinare come potrebbero stimare il rischio di quattro stati di salute ben noti basati sugli scenari diagnostici ipotetici. I ricercatori hanno trovato, in base ai sintomi ed ai risultati dei test, che i fornitori di cure mediche hanno sopravvalutato significativamente la probabilità delle circostanze. Per esempio, i fornitori di cure mediche, hanno stimato in media una probabilità di 70 per cento di ischemia cardiaca in pazienti che hanno avuti un'individuazione positiva su una prova di sforzo. In realtà, in base a prova dagli studi medici, la probabilità reale di ischemia cardiaca è 2 - 11 per cento.

Lo studio egualmente ha trovato che i dichiaranti di indagine hanno stimato un rischio di 50 per cento di cancro al seno dopo un'individuazione positiva su un mammogramma quando la prova suggerisce una probabilità di 3 - 9 per cento di cancro al seno. Hanno stimato una probabilità di 80 per cento di un'infezione di apparato urinario da una cultura positiva dell'urina e la vasta maggioranza dei dichiaranti di indagine ha detto che avrebbero trattato con gli antibiotici in questi casi. Il rischio reale di un UTI con una cultura positiva dell'urina, tuttavia, è al massimo 8 per cento.

“Risolvere questo problema non è circa chiedere ai fornitori di cure mediche di memorizzare i numeri o per la matematica di pratica per migliorare la loro comprensione dei rischi,„ il Dott. Morgan ha detto. “Dovremmo, tuttavia, usare la probabilità e la migliore utilizzazione degli strumenti decisionali per aiutarli per effettuare le migliori valutazioni.„

Ha sviluppato uno strumento gratuito chiamato Testing Wisely, costituita un fondo per dagli istituti della sanità nazionali, che è destinata per migliorare la comprensione del clinico e l'ordinazione dei test diagnostici per rendere la cura paziente più sicura. Il sito egualmente include un calcolatore di rischio per valutare i sintomi dei pazienti, l'esposizione e le tariffe locali della positività dove vivono per calcolare il loro rischio determinato di avere COVID-19.

“Il processo decisionale medico informato è incredibilmente importante ed i medici dovrebbero avere accesso agli strumenti che rendono il loro processo più facile e migliorano la sicurezza paziente,„ hanno detto E. Albert Reece, il MD, il PhD, MBA, vice presidente esecutivo per gli affari medici, il UM Baltimora ed il John Z. e professore di Akiko K. Bowers Distinguished e decano, scuola di medicina dell'università del Maryland. “Questo studio dimostra la necessità per i migliori strumenti decisionali di aiutare i fornitori di cure mediche a fornire la cura migliore ai loro pazienti.„

Source:
Journal reference:

Morgan, D.J., et al. (2021) Accuracy of Practitioner Estimates of Probability of Diagnosis Before and After Testing. JAMA Internal Medicine. doi.org/10.1001/jamainternmed.2021.0269.