Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I risultati di prova ripartita con scelta casuale piombo a riduzione dell'uso come minimo di intervento di alta chirurgia per cancro cervicale

In un articolo della corrispondenza pubblicato nell'emissione del 29 aprile 2021 di New England Journal di medicina, in ricercatori dal centro medico (UH) di Cleveland degli ospedali universitari e nell'ospedale presbiteriano di New York - la medicina di Weill Cornell in New York, ha trovato una riduzione sostanziale dell'uso come minimo di intervento di alta chirurgia per cancro cervicale dopo la pubblicazione dei risultati uno studio importante chiamata l'approccio Laparoscopic a Cancro cervicale (LACC) nel novembre 2018.

Lo studio più iniziale, che ha paragonato come minimo l'intervento di alta chirurgia all'isterectomia radicale addominale aperta in pazienti con il cancro cervicale della fase iniziale, trovato che come minimo l'intervento di alta chirurgia è stato associato con la sopravvivenza sana e globale peggiore che l'ambulatorio aperto. Come conseguenza di quello studio e di altri studi relativi, molte linee guida hanno raccomandato che ambulatorio aperto di uso dei chirurghi piuttosto che come minimo l'intervento di alta chirurgia.

Nel nuovo articolo, i ricercatori hanno cercato di rispondere alle dimensioni a come la pratica è cambiato.

Hanno valutato l'uso come minimo di intervento di alta chirurgia rispetto all'isterectomia radicale aperta per cancro cervicale prima e dopo la pubblicazione della prova di LACC.

Hanno studiato le registrazioni di 2.437 pazienti che hanno ricevuto la cura a 283 centri medici fra novembre 2015 e marzo 2020. Circa 61 per cento di questi pazienti è stato curato ai centri accademici ed a circa 39 per cento ai centri nonacademic.

La percentuale delle isterectomie eseguite con un approccio come minimo dilagante è stata calcolata ogni mese e le percentuali prima e dopo la pubblicazione dei risultati di prova di LACC sono state confrontate. Un periodo di tre mesi da tenere conto la diffusione dei risultati di prova di LACC si è escluso da questo confronto.

David Sheyn, MD, uno degli autori e un ginecologo al centro medico di UH Cleveland e l'istituto dell'urologia di UH, ha detto l'uso come minimo di intervento di alta chirurgia in diminuzione drammaticamente dopo la pubblicazione della prova di LACC.

Dopo adeguamento, le probabilità come minimo di intervento di alta chirurgia erano 59 per cento più basse dopo la pubblicazione dei risultati di prova; ciò dimostra una risposta notevolmente veloce ai dati clinici solidi.„

Dott. David Sheyn, MD, autore

Prima che i risultati di prova siano pubblicati, l'approccio come minimo dilagante è stato utilizzato in 58 per cento delle isterectomie, rispetto a 42,9 per cento dopo la pubblicazione.

Jonathan Shoag, MD, l'autore senior dello studio e un oncologo urologico dall'urologia di UH istituisce, detto che le probabilità erano ancora più alte per come minimo intervento di alta chirurgia ad un centro medico non accademico rispetto ad un centro medico accademico; 0,81 contro 0,27. Ha detto che i risultati di nuovo studio indica un'opportunità di migliorare i risultati ai centri medici non accademici.

Spyridon Basourakos, MD, residente di urologia dall'ospedale presbiteriano di New York - la medicina di Weill Cornell in New York, ha specificato che quella capire l'impatto dei test clinici sui reticoli nell'ambiente di pratica può aiutare per colmare la lacuna fra le nuove scoperte e dei i risultati clinici livelli della popolazione.

Source:
Journal reference:

Lewicki, P.J., et al. (2021) Effect of a Randomized, Controlled Trial on Surgery for Cervical Cancer. New England Journal of Medicine. doi.org/10.1056/NEJMc2035819.