Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'incertezza durante il primo lockdown COVID-19 ha avuta impatto negativo sulla salute mentale

Molta gente in Svizzera ha avvertito la considerevole emergenza psicologica durante il primo lockdown COVID-19 da marzo al della fine dell'aprile 2020.

I ricercatori dal dipartimento del bambino e la psichiatria e psicoterapia adolescenti all'ospedale universitario della psichiatria Zurigo (PUK) ed all'università di Zurigo in collaborazione con il banco di sorgente della La di professione d'infermiera ora hanno esaminato le sorgenti più comuni dello sforzo fra i bambini, gli adolescenti, i loro genitori ed i giovani adulti. Per il loro studio, i ricercatori hanno utilizzato i campioni rappresentativi in Svizzera di 1.627 giovani adulti invecchiati 19 - 24 come pure 1.146 bambini ed adolescenti fra le età di 12 e 17 ed i loro genitori.

Incertezza, rottura, rinvio

L'incertezza durante il lockdown dell'anno scorso era considerevole ed ha avuta un impatto negativo sulla salute mentale.„

Meichun Mohler-Kuo, il professor, sorgente della La e ospedale universitario di psichiatria Zurigo

I bambini e gli adolescenti hanno ritenuto più sollecitati dal dovere cambiare, posporre o annullare le pianificazioni o gli eventi e non potere importanti partecipare alle attività sociali ed alle routine normali durante il tempo libero ed al banco. Le sorgenti principali dello sforzo per gli adulti non stavano sapendo quando la pandemia cesserà, facenti fronte alle rotture massicce alla vita sociale e non dovendo riorganizzare il lavoro e la vita familiare.

Problemi sanitari di salute mentale di giovani adulti

Lo studio ha trovato che molti giovani adulti e giovani donne in particolare, sintomi con esperienza della malattia mentale durante il primo lockdown. Più della metà (54%) delle giovani donne e di 38% dei giovani hanno riferito delicato ai sintomi severi della depressione. Quasi la metà delle giovani donne (47%) e di un terzo (33%) dei giovani ha sperimentato delicato ad ansia severa. “Questi risultati sono generalmente abbastanza simili ai risultati da uno studio rappresentativo effettuato nel 2018,„ Mohler-Kuo dice. “È notevole, tuttavia, che l'uso rischioso mensile dell'alcool è diminuito drammaticamente durante il lockdown, 34% - 21%. Questa diminuzione era più pronunciata in donne che negli uomini.„

Problemi sanitari di salute mentale dentro oltre un terzo dei capretti

In generale, più di un terzo dei bambini ed adolescenti ha schermato il positivo per uno dei problemi sanitari di salute mentale valutati nello studio. Più di 20% dei ragazzi e delle ragazze ha mostrato i sintomi relativi a disordine dell'iperattività di deficit di attenzione (ADHD). 18% delle ragazze e 11% dei ragazzi video il comportamento e così i sintomi indisciplinati ed arrabbiati di che cosa è conosciuto come disordine ribelle oppositivo (ODD).

“Questo ha sorpreso più spesso, poiché questi sintomi precedentemente erano stati osservati meno frequentemente globalmente, ma in ragazzi che in ragazze,„ dice Susanne Walitza, ultimo autore dello studio. Inoltre, 14% delle ragazze e 13% dei ragazzi hanno avvertito i sintomi di ansia, mentre i sintomi della depressione sono stati riferiti da 10% (ragazze) e da 5% (ragazzi). “I nostri risultati indicano che i bambini e gli adolescenti sono specialmente a rischio di sviluppare i disturbi mentali,„ dice Walitza.

Un quinto con uso problematico di Internet

Per sia i bambini/adolescenti che i giovani adulti, il tempo mediano passato su Internet al giorno era 240 minuti durante il lockdown. Più di 40% degli uomini e 35% delle donne hanno usato Internet per più di 4 ore al giorno, mentre circa 8% dei bambini, degli adolescenti e di giovani adulti erano online per più di 6 ore al giorno. In generale, 30% dei bambini e 21% di giovani adulti ha risposto ai criteri per uso problematico di Internet.

Più aiutano per gli asili, i banchi e le società polisportive

I risultati dimostrano quanto importante è di mantenere le routine, programmi, il sociale contatta e supporta le strutture durante il lockdown. Gli autori dello studio raccomandano così che le autorità di formazione e di salubrità dovrebbero fornire più supporto alle istituzioni, quali gli asili, banchi e metta in mostra le organizzazioni, per evitare i detrimenti dei lockdowns.

Source:
Journal reference:

Mohler-Kuo, M., et al. (2021) Stress and Mental Health among Children/Adolescents, Their Parents, and Young Adults during the First COVID-19 Lockdown in Switzerland. International Journal of Environmental Research and Public Health. doi.org/10.3390/ijerph18094668.