Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Si in cinque adulti più anziani ha avvertito la salute mentale peggiore dalla pandemia

Quasi uno in cinque adulti più anziani dice la loro salute mentale ha peggiorato da quando la pandemia ha cominciato nel marzo 2020 e una percentuale uguale dice che il loro sonno ha sofferto in quel tempo anche. Più di uno in quattro dice che sono più ansiose o preoccupati che prima dell'era COVID-19, secondo un nuovo scrutinio della gente invecchi 50 - 80.

Donne, la gente nel loro 50s ed inizio degli anni 60 ed adulti più anziani che hanno un grado di istituto universitario o più su erano più probabili di altri riferire la salute mentale peggiore che prima della pandemia, secondo i nuovi risultati dallo scrutinio nazionale su invecchiamento sano. Gli adulti più anziani che dicono la loro salubrità fisica è equi o povero erano più probabile da riferire la salute mentale peggiore, con 24% che dice questo.

Ed una volta chiesta notizie sull'ultimo due settimane prima che fossero esaminate, la percentuale che ha detto che hanno avute riguardo ai sintomi di salute mentale era ancora più alta, con 28% dicendo hanno ritenuto depresse o disperate in quel tempo, 34% che dice erano state nervose o ansiose e 44% dicendo recentemente ha ritenuto sollecitato.

Appena nell'ambito di due terzi (64%) ha detto che avevano avute la caduta di difficoltà addormentata o restare addormentate almeno una volta nella settimana passata, due volte la percentuale che ha detto questa in uno scrutinio 2017 di simile gruppo di adulti più anziani.

Lo scrutinio è basato all'università di istituto di Michigan per polizza e l'innovazione di sanità e riceve il supporto da AARP e dalla medicina del Michigan, il centro medico accademico di U-M. Ricava dalle risposte di un campione nazionale di più di 2.000 adulti invecchiati 50 - 80 ad uno scrutinio alla fine di gennaio, quando le tariffe di caso COVID-19 erano alte attraverso la nazione e la vaccinazione degli adulti più anziani aveva cominciato appena.

Lo scrutinio egualmente rivela i segni promettenti che molti adulti più anziani stanno mostrando l'elasticità a lungo termine. Due terzi dicono che la loro salute mentale corrente è eccellente o molto buona. Appena più di 80% dica che la loro salute mentale è buona quanto, o migliore di, era di 20 anni fa.

Appena nell'ambito della metà (46%) dei dichiaranti dica che ritengono isolati, che proviene giù da 56% di una primavera contenuta simile scrutinio 2020, ma su da 28% prima della pandemia. Quasi uno in tre (29%) dice che hanno fatto un cambiamento di stile di vita per migliorare la loro salute mentale dall'inizio della pandemia quali l'esercizio, la dieta e la meditazione.

“Come forniamo una nuova fase della pandemia, con la maggior parte dei adulti più anziani che ottengono vaccinati, è importante assicurare l'accesso adeguato alla selezione di salute mentale e cura per individuare ed indirizzare qualsiasi effetti prolungati di questo periodo prolungato di sforzo,„ dice Lauren Gerlach, D.O., M.Sc., uno psichiatra geriatrico alla medicina del Michigan che ha lavorato con il gruppo di scrutinio. “Questo è particolarmente importante a coloro che potrebbe divertirsi accedere alla sanità mentale, compreso quelli con i redditi più bassi e la salubrità fisica peggiore.„

I dati egualmente suggeriscono che gli adulti più anziani siano più aperti a guida di ricerca di salute mentale che la ricerca di esperienza potrebbe suggerire, con 71% dicendo che non avrebbero esitato a vedere un professionista di salute mentale in futuro e 13% dicendo avevano parlato con il loro fornitore di pronto intervento circa una nuova preoccupazione di salute mentale da quando la pandemia ha cominciato.

Voti Direttore Preeti Malani, M.D., un medico della malattia infettiva della medicina del Michigan anche formato in geriatria, nota che i medici di pronto intervento svolgono un ruolo chiave nell'identificazione, nel video e nel trattamento delle preoccupazioni di salute mentale degli adulti più anziani.

È incoraggiante vedere quell'quasi un terzo degli adulti più anziani stimati il loro fornitore di pronto intervento come la persona la maggior parte vorrebbero parlare con circa le preoccupazioni di salute mentale e quel 19% ha detto che realmente agito in tal modo durante i due anni ultimi. I sistemi e gli assicuratori di salubrità dovrebbero supportare questo ruolo e gli sforzi diminuire il marchio di infamia intorno a guida di ricerca per che i pazienti che ancora ritengono questo modo.„

Lauren Gerlach, D.O., M.Sc., psichiatra geriatrico, medicina del Michigan

Fra il 29% degli adulti più anziani che hanno detto avrebbero esitato a vedere un professionista di salute mentale per il trattamento in futuro, le ragioni comuni erano che hanno pensato che non aiutasse, che si sarebbero sentiti imbarazzanti o che hanno avuti preoccupazioni circa il costo.

“Gli adulti più anziani sono stati sbattuti con violenza dalla pandemia COVID-19 ed ha urtato la salute mentale per molti,„ dice Alison Bryant, il Ph.D., vice presidente senior della ricerca per AARP. “Stiamo vedendo i punti luminosi della resilienza in alcuno durante il così tempo difficile, ma dobbiamo continuare a fornire il supporto mentre emergiamo dalla pandemia e facciamo fronte alle conseguenze.„