Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il meccanismo chiave dietro il trattamento mutante dell'aggregazione p53 è collegato a patologia del cancro

Il Cancro recentemente è stato indicato per essere influenzato dai cluster della proteina, specialmente dall'aggregazione delle varianti mutanti della proteina p53 del soppressore del tumore, che sono presenti in più della metà dei tumori maligni. Tuttavia, come i cumuli sono formati ancora completamente non è capito. La comprensione di questo trattamento si pensa che fornisca i nuovi strumenti terapeutici capaci di impedire le proteine per agglutinarsi e la progressione del cancro.

Nel Brasile, i ricercatori all'università federale di Rio de Janeiro hanno identificato un meccanismo chiave dietro il trattamento dell'aggregazione del mutante p53, collegato a cancro la patologia, aprente i nuovi percorsi per lo sviluppo delle droghe dei romanzi contro la malattia.

Gli ultimi risultati sono stati pubblicati in anticipo nella scienza chimica del giornale scientifico, dalla società reale di chimica.

Piombo dal Silva di Lima di prof. Jerson, il gruppo di ricerca ha scoperto che la formazione di cumuli di p53 è preceduta dalla separazione di fase del liquido--liquido, da una segregazione chimica di liquido omogeneo, che poi diventa la transizione di fase, o dai cambiamenti di fase, con conseguente etere uno stato del tipo di gel o uno stato del tipo di solida della proteina.

Una transizione di fase ad uno stato solido è stabilita una volta, i cumuli del mutante p53 comparabile agli amiloidi osservati nelle malattie neurodegenerative è formata, quindi svolgente un ruolo cruciale nello sviluppo del cancro. Questo trattamento è stato indicato per accadere nel nucleo, particolare in compartimenti nucleari, mediante l'uso degli strumenti differenti di fluorescenza e biofisica di microscopia.

Nello studio presente, è indicato che i polyanions, quali l'eparina ed il RNA, potevano modulare la separazione di fase e la transizione di fase in vitro. L'eparina piombo i condensati p53 in uno stato del tipo di gel, mentre il RNA ha provocato la conversione in uno stato del tipo di solida della proteina.

I nuovi risultati estendono il concetto della separazione di fase e dell'aggregazione del tipo di amiloide ha trovato nelle malattie neurodegenerative ai tumori maligni che comprendono il mutante p53.

Lo studio egualmente precisa che le transizioni di fase agli stati amorfi e del tipo di amiloide del tipo di solida del mutante p53 sono obiettivi ardui per lo sviluppo delle strategie diagnostiche e terapeutiche novelle contro cancro.

Fornendo la visione della formazione di condensati p53 ed identificando le circostanze esatte che piombo alla formazione di strutture cumulate, possiamo ora lavorare verso le strategie di sviluppo per impedire la loro formazione. Alla fine, questo può piombo alle nuove terapie per il trattamento dei tumori maligni differenti, quali il petto, ovarico ed il carcinoma della prostata.„

Silva di Lima, principale inquirente di progetto, istituto nazionale di scienza e tecnologia di biologia strutturale e rappresentazione

Il laboratorio del Silva all'università federale di Rio de Janeiro sta studiando le mutazioni p53 e l'aggregazione per oltre 18 anni.

Source:
Journal reference:

Petronilho, E. C., et al. (2021) Phase separation of p53 precedes aggregation and is affected by oncogenic mutations and ligands. Chemical Science. doi.org/10.1039/D1SC01739J.