Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Soltanto la metà degli Americani con una cronologia della malattia di cuore ottiene l'iniezione antinfluenzale annuale

La gente con la malattia di cuore è più probabile diventare seriamente malata dall'influenza e da altre malattie respiratorie, compreso il coronavirus. Tuttavia, la nuova ricerca trova quella soltanto metà degli Americani con una cronologia del rapporto del colpo o della malattia di cuore che ottiene un'iniezione antinfluenzale annuale, malgrado le raccomandazioni diffuse agire in tal modo. Le tariffe della vaccinazione erano ancora più basse fra i nero ed i latino-americani, secondo i dati che sono presentati all'istituto universitario americano della sessione scientificath annuale della cardiologia 70.

I ricercatori dicono che i risultati dovrebbero rinnovare gli sforzi per assicurare la vaccinazione di influenza è una parte sistematica di cura cardiovascolare di qualità.

Come nazione, il sistema sanitario degli Stati Uniti deve fare un migliore processo che protegge una popolazione che è a molto ad alto rischio per le complicazioni e la morte serie dall'influenza. Come medici, è il nostro processo aiutare i pazienti ad approntare queste misure preventive semplici ma efficaci come pure a determinare che cosa le barriere alla vaccinazione sono, in modo da possiamo aiutare i nostri pazienti ad ottenere intorno loro.„

Varayini Pankayatselvan, MD, residente della medicina interna al centro medico di Beth Israele Deaconess a Boston e l'autore principale dello studio

Lo studio, che ha usato i dati dall'indagine comportamentistica del sistema di sorveglianza di fattore di rischio 2018-2019 ha condotto dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, fornisce il primo sguardo nell'ambiente ai reticoli nazionali della vaccinazione di influenza in adulti la malattia cardiovascolare. Pankayatselvan ha detto che gli studi più iniziali in questa area sono stati limitati ai campioni del ricoverato dai pazienti ospedalizzati.

Complessivamente 101.210 dichiaranti con una diagnosi del medico di attacco di cuore, della coronaropatia o del colpo sono stati inclusi nell'analisi. Sono stati chiesti se ottenessero un'iniezione antinfluenzale “nell'anno scorso.„ Soltanto 50,4% di questa popolazione hanno riferito essere aggiornati con la vaccinazione di influenza, che è in maniera sconvolgente minimo poichè il CRNA ed altre organizzazioni di salubrità principali raccomandano vivamente che chiunque con la malattia cardiovascolare ottenesse ad un'iniezione antinfluenzale ogni anno.

I risultati chiave non hanno evidenziato differenza nelle tariffe della vaccinazione fra le donne e gli uomini. La gente che è andato all'istituto universitario era più probabile ricevere un'iniezione antinfluenzale nell'anno scorso in paragone a coloro che ha avuto meno formazione. Gli adulti neri e ispani erano circa 20% meno probabili riferire ottenere un vaccino antiinfluenzale rispetto ai bianchi.

“Non abbiamo realizzato molti progressi quando si tratta dell'eliminazione dei divari persistenti della vaccinazione fra razziale ed i gruppi etnici ed i dati preliminari sulla vaccinazione COVID-19 egualmente indicano le disparità ancora che sono un'emissione, che sta interessando,„ Pankayatselvan hanno detto, aggiungendo che la gente con la malattia cardiovascolare egualmente sta invitanda ad ottenere il vaccino COVID-19. “Abbiamo bisogno della più ricerca di capire meglio la riluttanza vaccino, le ingiustizie nell'accesso ai vaccini come pure il valore di cercare le associazioni della comunità per migliorare le vaccinazioni generale.„

I pazienti con la malattia polmonare ostruttiva cronica, la malattia renale cronica ed il diabete erano sensibilmente più probabili ottenere un'iniezione antinfluenzale. Pankayatselvan ha detto questo suggerisce che questi pazienti potessero avere accesso più sistematico ai fornitori che amministrano il vaccino antiinfluenzale nel loro ufficio; ha detto che gli studi più iniziali hanno indicato quello rispetto a polmonare e pratiche dell'endocrinologia, uffici della cardiologia è molto meno probabile avere il vaccino antiinfluenzale sul posto. Ulteriormente, quando la gente pensa all'influenza o al COVID-19, pensano più prontamente alle emissioni del polmone, anche se queste infezioni possono causare i disturbi cardiaci anche. Queste infezioni possono collocare lo sforzo aggiunto sull'organismo ed il cuore dalla frequenza cardiaca d'accelerazione, arrampicandosi la risposta della lotta o del volo dell'organismo ed avviando l'infiammazione.

Che cosa è il messaggio di Pankayatselvan alla gente con la malattia di cuore? “La volta prossima vedete un medico--qualsiasi medico--chieda notizie sull'ottenere la vostra iniezione antinfluenzale. Il vostro medico può rispondere a tutte le domande che avete ed aiutarvi a fare una pianificazione per ottenergli ogni anno,„ ha detto. “È un modo facile, veloce e sicuro impedire molte complicazioni potenziali compreso la malattia, la polmonite, gli attacchi di cuore, l'infarto, l'ospedalizzazione e perfino la morte severi.„

Ci sono altri vantaggi anche, Pankayatselvan ha detto. “Anche influenza da parte, sappiamo che quello ottenere l'iniezione antinfluenzale può essere una misura cardioprotective per i pazienti ospedalizzati con influenza. La ricerca precedente ha indicato che, fra i pazienti ospedalizzati con influenza, il vaccino antiinfluenzale è collegato ad un più a basso rischio di insufficienza cardiaca acuta e della malattia di cuore ischemica acuta. Ulteriormente, una certa ricerca indica che l'effetto protettivo di ottenere il vaccino antiinfluenzale può essere simile a cessazione di fumo ed alcuni farmaci del cuore,„ ha detto.

Ottenere un'iniezione antinfluenzale egualmente impedisce alla gente di trasmettere l'influenza ad altre, che qualcosa i ricercatori stanno sperando si riveleranno fondato per il vaccino COVID-19 anche.

Questo studio è limitato in quanto conta sul ricordo della gente di ottenere un'iniezione antinfluenzale. Egualmente dà soltanto un'istantanea dei reticoli della vaccinazione nel 2018-2019; resta vedere se la minaccia di COVID-19 può spingere più gente con la malattia di cuore ad ottenere vaccinata contro l'influenza.