Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Gli attacchi di asma sono diminuito fra i pazienti neri e del latino-americano/Latinx durante la pandemia

Gli attacchi di asma rappresentano quasi 50 per cento del costo di cura di asma che ammonta ogni anno a $80 miliardo negli Stati Uniti. L'asma è più severa nei pazienti neri e del latino-americano/Latinx, con il doppio le tariffe degli attacchi e delle ospedalizzazioni come la popolazione in genere.

Quando la pandemia COVID-19 ha spazzato sopra gli Stati Uniti, una serie di rapporti ha suggerito che meno gente stesse venendo ai pronto soccorsi per tutte le specie di problemi di salute, compreso gli attacchi di asma e perfino gli attacchi di cuore. Nel caso di asma, non era chiaro se la goccia fosse dovuto la gente che evita i servizi di soccorso o dovuto migliore controllo di asma.

Una nuova analisi dai ricercatori a Brigham ed all'ospedale delle donne splende il nuovo indicatore luminoso su questo problema. In un rapporto dei dati raccolti come componente di una prova nei pazienti neri e del latino-americano/Latinx con asma che ha cominciato prima che COVID-19 colpisse gli Stati Uniti, hanno trovato gli attacchi di asma totali in diminuzione da maggior di 40 per cento con l'inizio della pandemia. I risultati sono pubblicati nel giornale dell'allergia & dell'immunologia clinica: In pratica.

Abbiamo trovato una diminuzione sostanziale nell'esacerbazione di asma -- sull'ordine di cui vediamo per le terapie biologiche per asma severa. Sebbene non conosciamo di sicuro chi nel gruppo ha cambiato il loro comportamento, è probabile che l'esposizione in diminuzione ai grilletti ambientali o virali ha contribuito ai nostri risultati.„

Justin Salciccioli, MBBS, mA, collega nella divisione della medicina polmonare e critica di cura al Brigham

Mentre non c'è nessun cambiamento probabile rappresentare la grande diminuzione negli attacchi di asma, Salciccioli ed i colleghi notano che l'esposizione in diminuzione agli allergeni quale coregone lavarello, gli acari e la muffa della polvere come pure i virus gradiscono l'influenza, sono più probabili da rappresentare la diminuzione negli attacchi di asma. Durante la pandemia, le misure per fare diminuire l'esposizione al virus che causa COVID-19, compreso le maschere d'uso, distanziare di fisico medica e più, possono anche fare diminuire l'esposizione ai grilletti di asma.

Salciccioli ed i colleghi hanno analizzato i dati raccolti come componente della prova di PREPARAZIONE (il sollievo di asma autorizzato persona). La prova di PREPARAZIONE, piombo da Elliot Israele, MD, Gloria M. e la presidenza di Anthony C. Simboli Distinguished nell'asma ricercano e Direttore della ricerca clinica nella divisione polmonare e critica di Brigham di cura, è interventi d'esame di una prova ripartita con scelta casuale del cittadino per diminuire gli attacchi di asma negli adulti neri e del latino-americano/Latinx con asma moderato--severa di supporto da PCORI (l'istituto di ricerca concentrato paziente di risultato). Come componente dello studio, i sui quasi 1.200 partecipanti hanno compilato a distanza i questionari mensili per 15 mesi, online, dal telefono o per posta.

“Dai pazienti hanno partecipato a distanza una volta che fossero iscritti, potrebbero dirci che circa lo stato della loro asma a parte da tutte le preoccupazioni circa lasciare la casa o avere contatto con i fornitori di cure mediche„ ha detto l'Israele.

Ciò ha permesso che il gruppo valutasse l'impatto dell'indipendente pandemico COVID-19 da perplessità utilizzare la sanità.

Per capire meglio come la pandemia può pregiudicare la gente con asma, il gruppo di ricerca ha paragonato dal 2020 le tariffe dell'esacerbazione di asma fra l'inverno e la primavera di 2019 a quelle. C'era una diminuzione di 40 per cento fra l'inverno (dal 1° gennaio al 31 marzo) e la primavera (dal 1° aprile al 30 giugno) per 2020 confrontati a 2019. I partecipanti che hanno lavorato fuori della casa quando in primo luogo si sono iscritti allo studio hanno avuti una diminuzione di 65 per cento. Le diminuzioni erano egualmente più grandi per le persone con tipo„ meno “allergico di asma conosciuto come un'asma “di TH2-low„ -- un tipo di asma che potrebbe essere avviato dagli irritanti ambientali quali inquinamento, fumo, o ozono, rispetto all'esposizione agli allergeni quali l'acaro o la muffa della polvere.

Mentre questo studio ha incluso i partecipanti soltanto del nero e del latino-americano/Latinx, quei gruppi fra più sono urtati da asma.

“Questo è il primo studio per valutare l'esacerbazione di asma prima e dopo la pandemia COVID-19 facendo uso dei dati che sono improbabili da essere influenzato dai pazienti che evitano il sistema sanitario,„ ha detto Salciccioli. “Poiché questo fa parte di una prova futura che ha cominciato prima che la pandemia e pianificazione per essere remota, ci ha dato una finestra unica in come i cambiamenti durante la pandemia possono piombo ad una diminuzione drammatica nell'esacerbazione di asma.„

La prova di sollievo di asma autorizzata (PREPARE) persona è supportata da un premio Paziente-Centrato di programma del progetto (PCORI) dell'istituto di ricerca di risultati (PCS-1504-30283). Non c'erano fondi supplementari per questo lavoro. Tutte le istruzione in questo lavoro rappresentano il lavoro degli autori e non rappresentano le visualizzazioni di PCORI, il consiglio superiore o il comitato di metodologia.

Source:
Journal reference:

Salciccioli, J.D., et al. (2021) Effect of Covid19 on asthma exacerbation. Journal of Allergy and Clinical Immunology: In Practice. doi.org/10.1016/j.jaip.2021.04.038.