Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Collegiale-atleti neri trovati per avere conoscenza più bassa di sintomo di commozione cerebrale che le controparti bianche

Fra i giocatori di football americano collegiali ed altri atleti, gli atleti neri riconoscono meno sintomi in relazione con la commozione cerebrale che le loro controparti bianche, rapporti uno studio nell'edizione di maggio/giugno del giornale di ripristino di trauma capo (JHTR). La Gazzetta ufficiale dell'associazione del trauma cranico dell'America, JHTR è pubblicata nel portafoglio di Lippincott da Wolters Kluwer.

“Malgrado i requisiti di formazione di commozione cerebrale del NCAA degli atleti, gli collegiale-atleti neri sono stati trovati per avere conoscenza più bassa di sintomo di commozione cerebrale che gli collegiale-atleti bianchi,„ secondo la nuova ricerca da Jessica Wallace, il PhD, il MPH, il LAT, ATC, dell'università di Alabama, di Tuscaloosa e di colleghi. Lo studio egualmente trova le differenze razziali nelle sorgenti di conoscenza di sintomo di commozione cerebrale.

Debba per “le strategie eque„ comunicare le informazioni di commozione cerebrale

Nello studio, 768 atleti collegiali - circa 83 per cento bianchi e 17 per cento nero- hanno completato una valutazione standard di conoscenza di sintomo di commozione cerebrale. I partecipanti hanno incluso 196 giocatori di football americano, di cui 59 per cento erano bianchi e 41 per cento era nero.

I punteggi sul questionario di conoscenza di sintomo di commozione cerebrale sono stati paragonati per gli atleti in bianco e nero, ad adeguamento per altre caratteristiche. Agli atleti egualmente sono stati interrogati riguardo alle loro fonti di informazione circa i sintomi di commozione cerebrale.

“Gli atleti neri erano più probabili avere punteggi più bassi di conoscenza di sintomo di commozione cerebrale che gli atleti bianchi,„ secondo gli autori. La differenza era piccola: i punteggi medii sul questionario di 34 punti erano 27,7 per gli atleti bianchi e 25,9 per gli atleti neri. Tuttavia, la differenza del fra-gruppo è rimanere statisticamente significativa dopo adeguamento per altri fattori. I risultati erano simili per i giocatori di football americano confrontati a tutti gli atleti.

La conoscenza di sintomo di commozione cerebrale ha variato per un intervallo di sonno, dell'umore, del fisico medica e dei sintomi conoscitivi della commozione cerebrale. In particolare, gli atleti neri erano meno probabili riconoscere correttamente i sintomi della sensibilità come “in una nebbia,„ nausea o vomitare e ritenere più irritabili/arrabbiati.

La maggior parte dei atleti hanno identificato gli istruttori atletici come sorgente principale di informazioni di commozione cerebrale. Gli atleti bianchi erano piuttosto più probabili citare altri professionisti scolastici (quali gli insegnanti o gli infermieri), le sorgenti mediche online, o l'associazione atletica collegiale nazionale (NCAA). Gli atleti neri erano più probabili citare gli arbitri come sorgente di informazioni di commozione cerebrale.

La conoscenza di base dei sintomi di commozione cerebrale è fondamentale richiedere il riconoscimento e la segnalazione delle commozioni cerebrali. Gli studi hanno suggerito che 50 - 80 per cento delle commozioni cerebrali potessero andare non riferiti.

Negli studi precedenti, il Dott. Wallace ed i colleghi hanno riferito le disparità razziali nella conoscenza di commozione cerebrale fra gli atleti della gioventù e della High School. La conoscenza di commozione cerebrale era più bassa per gli atleti che assistono ai banchi di stato socioeconomico più basso e senza accesso agli istruttori atletici.

Queste differenze nella conoscenza di commozione cerebrale possono estendere al livello di istituto universitario, il nuovo studio suggerisce. La disparità può essere collegata con tendenziosità/distinzione storica e sistematica ed accesso ingiusto alla sanità e ad altre risorse, o alla diffidenza razziale nelle risorse mediche ed alla sanità complessiva.

Tutti questi fattori di contributo dell'ingiustizia e della disparità al livello comunitario, la gioventù mettono in mostra a livello e gli sport della High School livellati potrebbero urtare l'esposizione e/o il receptiveness ai materiali di formazione di commozione cerebrale che possono infine spiegare la conoscenza più bassa di sintomo di commozione cerebrale degli collegiale-atleti neri.„

Dott. Jessica Wallace, università di Alabama, di Tuscaloosa e di co-author

I ricercatori sottolineano la necessità per le strategie di assicurare l'accesso equo a formazione ed alla prevenzione di commozione cerebrale che non perpetuano la disparità: “Muovendosi in avanti, un tentativo cosciente è necessario ricostruire le iniziative di formazione di commozione cerebrale come razziale, culturalmente e linguisticamente incluso, rispondendo ai bisogni di tutti gli atleti collegiali ugualmente ed equamente.„

Source:
Journal reference:

Wallace, J., et al. (2021) Assessing Differences in Concussion Symptom Knowledge and Sources of Information Among Black and White Collegiate-Athletes. Journal of Head Trauma Rehabilitation. doi.org/10.1097/HTR.0000000000000672.