Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Donne incinte ospedalizzate meno probabilmente da morire da COVID-19 che i pazienti non gravidi

Le donne incinte che sono ospedalizzate con COVID-19 e polmonite virale sono meno probabili che le donne non gravide morire da queste infezioni, secondo un nuovo studio dai ricercatori con il centro di scienza di salubrità dell'università del Texas a Houston (UTHealth) e la scuola di medicina dell'università del Maryland (UMSOM).

Lo studio è stato pubblicato oggi negli annali di medicina interna.

Lo studio hanno esaminato le cartelle sanitarie da quasi 1.100 pazienti incinti e le più di 9.800 età non gravide 15 - 45 delle donne chi sono stati ospedalizzati con COVID-19 e polmonite. Meno di 1% dei pazienti incinti è morto da COVID-19 confrontato a 3,5% dei pazienti non gravidi, secondo i risultati di studio.

Corrente, i centri per le malattie ed il controllo e la prevenzione (CDC) dicono che le donne incinte sono ad un ad alto rischio di sviluppare le complicazioni severe da COVID-19.

Siamo stati sorpresi quando in primo luogo abbiamo analizzato i dati. Avevamo pensato confermare i risultati del CDC e di altri ricercatori degli Stati Uniti che indicano che la gravidanza aumenta il rischio per la morte da COVID-19. Tuttavia, una volta che confrontassimo i nostri risultati ai dati dal Regno Unito ed esaminassimo i rapporti di CDC più con attenzione, abbiamo trovato la conferma che i nostri risultati erano probabili rappresentare i rischi veri di COVID-19 in queste popolazioni, malgrado la limitazione delle donne incinte che sono più giovani e donne più sano non gravide.„

Beth Pineles, MD, PhD, un collega materno-fetale della medicina nel dipartimento di ostetricia, ginecologia e scienze riproduttive con la facoltà di medicina di McGovern a UTHealth ed il primo autore dello studio

I ricercatori hanno trovato che i pazienti incinti erano più probabili essere più giovani ed avere meno stati di salute, compreso il diabete, l'obesità, l'ipertensione e l'affezione polmonare cronica, confrontata ai pazienti non gravidi. Dato il piccolo numero delle morti vedute nello studio, i ricercatori non potevano determinare se queste circostanze hanno pregiudicato significativamente la differenza nel rischio della mortalità fra i pazienti incinti e non gravidi.

“All'inizio della pandemia, i dati attuali ha indicato che le donne incinte avrebbero affrontato le complicazioni severe se contrattassero il virus,„ hanno detto Jacqueline Parchem, MD, assistente universitario nel dipartimento dell'ostetricia, ginecologia e scienze riproduttive con la facoltà di medicina di McGovern a UTHealth ed il co-author sullo studio. “Mentre le donne incinte sono certamente suscettibili delle complicazioni severe di COVID-19 compreso la morte, osserviamo questi dati abbiamo rassicurazione che il rischio assoluto di morte è basso.„

Pineles e Parchem ancora vogliono incoraggiare le donne incinte a indossare la loro maschera ed ad ottenere il loro scatto COVID-19. Il rischio di ottenere severamente malato o di morte è basso, ma è ancora molto superiore a per le donne incinte in buona salute senza COVID-19.

“Penso che questo stia rassicurando le notizie per le donne che sono incinte e si sono preoccupate per ottenere infettate con COVID-19 mentre le nuove varianti emergono,„ hanno detto Anthony Harris, MD, MPH, professore dell'epidemiologia & della salute pubblica a UMSOM ed autore senior e corrispondente dello studio.

Source:
Journal reference:

Pineles, B.L., et al. (2021) In-Hospital Mortality in a Cohort of Hospitalized Pregnant and Nonpregnant Patients With COVID-19. Annals of Internal Medicine. doi.org/10.7326/M21-0974.