Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovo test clinico per verificare terapeutica possibile a COVID-19 in pazienti ospedalizzati

La rete di test clinici del Tennessee (CTN2) al centro di scienza di salubrità di University of Tennessee ha contratto un nuovo test clinico per verificare la terapeutica possibile a COVID-19 in pazienti ospedalizzati. Questa nuova prova porta il totale generato dai contratti CTN2 per l'università a quasi $7 milioni.

Poiché il suo lancio nel 2018, CTN2 ha rappresentato più di 200 occasioni di test clinico all'università ed ai cittadini di Tennessee. Steven R. Goodman, PhD, rettore per la ricerca a UTHSC, che piombo la creazione di CTN2, ha lodato “il successo tremendo„ del senza scopo di lucro che permette alla facoltà clinica della ricerca attraverso tutte le città universitarie di UTHSC, che sono affiliate con gli ospedali, efficacemente per rispondere alle opportunità per i test clinici con farmaceutico, Biotech ed i partner dell'industria dell'apparecchio medico.

CTN2 è stato creato per aumentare il numero dei test clinici importanti che possono essere condotti dalla nostra facoltà, mentre accordando crediti a UTHSC per queste prove e migliorando il suo posto nazionale come centro sanitario accademico di ricerca. La crescita di CTN2 in una rete in tutto lo stato dei partner di pianificazione dell'ospedale 13 e di pratica su un biennio è stata notevole. Per di più, questi test clinici di CTN2-contracted miglioreranno la sanità dei cittadini del Tennessee.„

Steven R. Goodman, PhD, rettore, ricerca, centro di scienza di salubrità di University of Tennessee

Questa nuova prova, il terzo per CTN2 che comprende la ricerca di COVID-19-related, valuterà l'efficacia e la sicurezza delle droghe già disponibili per trattare l'infiammazione del sistema immunitario in pazienti COVID-19. L'infiammazione del sistema immunitario connessa con COVID-19 è emerso come fattore chiave che pregiudica il tasso di sopravvivenza di gruppi a rischio.

“La gente con COVID-19 severo avverte una risposta immunitaria insufficiente,„ ha detto Ivan Romero-Legro, il MD, assistente universitario della medicina polmonare e critica di sonno e di cura a UTHSC e del ricercatore principale della prova. “L'infiammazione, la reazione dell'organismo ad un'infezione, è la risposta normale dell'organismo all'infezione.

Se non controllato, piombo agli effetti offensivi sull'organismo. Crediamo che l'infiammazione gestente possa fare diminuire la severità della malattia e della mortalità. I farmaci che proveremo sono stati approvati per l'artrite psoriatica, la psoriasi della placca, l'artrite reumatoide, la dermatite atopica e la colite ulcerosa dovuto i beni antinfiammatori. L'importanza di questa prova è di trovare un nuovo farmaco per combattere COVID-19 e fare diminuire la severità della malattia nella nostra comunità.„

Phil Cestaro, rettore del socio per la ricerca e lo sviluppo di affari nell'ufficio della ricerca a UTHSC, ha precisato quello test clinici di conduzione per i punti culminanti COVID-19 la necessità per le collaborazioni innovarici nel mercato di sanità di combattere la pandemia.

“Invece di diverse società che eseguono simultaneamente le prove separate, i protocolli di COVID hanno combinato le varie droghe nell'ambito di singolo studio. Ciò tiene conto il confronto delle droghe dalle società multiple con la capacità di includere secondo i bisogni le droghe supplementari,„ Cestaro ha detto.

Julio Lanfranco Molina, MD, professore associato di cura e della medicina polmonari e critiche di sonno a UTHSC, è il sotto-ricercatore sullo studio in doppio cieco, che sarà condotto ad una salubrità regionale con i pazienti che sono stati valutati nell'ospedale e sono stati determinati per essere buoni candidati.