Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli interventi di salute pubblica COVID-19 hanno diminuito altre infezioni respiratorie

Maschere d'uso e quarantining mentre il malato ha contribuito ad attenuare la diffusione del coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo. Un vantaggio indiretto di questi sforzi sembra essere una diminuzione nei casi di influenza ed in altre infezioni respiratorie. La nuova ricerca piombo da Lisa G. Winston dell'università di California, San Francisco, interventi confermati di salute pubblica COVID-19 aiutati fa diminuire il numero dei virus dispersi nell'aria.

I risultati suggeriscono gli orientamenti di salute pubblica di COVID come mascheranti sono i modi nonpharmaceutical diminuire la malattia respiratoria in futuro. I ricercatori notano questi interventi sono rimanere utili anche quando la gente ha cominciato a riunirsi più esterno.

“Mentre i nostri risultati aggiungono alla prova per quanto riguarda le efficaci strategie di diminuzione di malattia, è egualmente notevole che l'a tariffa ridotta di rilevazione respiratoria del virus è rimanere basso durante i mesi intermittenti di interazione e di movimento pubblici aumentati nell'area della campata, compreso i periodi quando i commerci sono stati permessi parzialmente riaprire, i tempi a cui proteste civili hanno accaduto ed i periodi di attività ricreative all'aperto aumentate dell'estate. Ciò suggerisce un ruolo centrale per il mascheramento e la riduzione della riunione dello spazio chiuso per la rottura della trasmissione virale respiratoria.„

La diminuzione significativa e continua dello studio “nelle infezioni virali respiratorie non-SARS-CoV-2 durante gli interventi di salute pubblica COVID-19„ è disponibile come pubblicazione preliminare sul " server " del medRxiv*, mentre l'articolo subisce la revisione tra pari.

Come lo hanno fatto

L'area di San Francisco Bay ha avuta il 16 marzo 2020 un ordine del protezione-in-posto in effetti, con un mandato della maschera applicato il 17 aprile 2020. I ricercatori hanno raccolto dal gennaio 2019 al dicembre 2020 le informazioni sui virus dispersi nell'aria nella zona circostante per confrontare la prevalenza dei virus respiratori un l'anno prima e durante la pandemia.

Hanno usato un'analisi respiratoria del comitato dell'agente patogeno - usata per individuare i virus respiratori contagiosi - dal sistema di informazione clinico del laboratorio del policlinico di Zuckerberg San Francisco per esaminare 17 agenti patogeni virali e 4 organismi batterici. I ricercatori hanno analizzato le tendenze mensili dei risultati positivi per gli agenti patogeni respiratori non-SARS-CoV-2.

La proporzione di prove respiratorie positive dell
La proporzione di prove respiratorie positive dell'agente patogeno entro il mese nel 2019 ha confrontato a 2020. La proporzione di positivo delle prove nel 2019 e 2020 sono indicati entro il mese. Le diagnosi virali respiratorie di malattia sono diventato da marzo all'aprile 2020 significativamente meno frequenti e da aprile-dicembre 2020, la proporzione di positivo delle prove era coerente più basso confrontata al mese corrispondente nel 2019. NS, non significativo; *, P<0.05; **, P<0.01; ***, P<0.001; il ****, p<0.0001 un Protezione-in-Posto è entrato in effetto il 16 marzo 2020. l'ordinanza di mascheramento di b è entrato in effetto il 17 aprile 2020.

Diminuzioni nelle infezioni respiratorie non-COVID

I ricercatori hanno valutato 1.484 prove nel 2019 e 2.037 prove nel 2020. Le prove hanno variato da 13,6% al positivo 39,1% per un'infezione respiratoria dal gennaio 2019 al marzo 2020.

Gli aprile al dicembre 2020 hanno rappresentato il periodo durante la pandemia COVID-19. Le infezioni respiratorie sono caduto con la tariffa di una positività 0 - 11,1% per le infezioni non-SARS-CoV-2.

“La proporzione di prove positive totali non era significativamente differente per gennaio, febbraio e marzo di 2019 contro gli stessi mesi nel 2020. Tuttavia, la proporzione di prove positive era più bassa per ogni mese aprile-dicembre 2020 durante le restrizioni COVID-19 confrontate a 2019,„ ha scritto i ricercatori.

I rhinoviruses/enterovirus umani erano il più delle volte individuati di tutti i virus respiratori. Circa 89,6% dei risultati dei test positivi per le infezioni respiratorie sono venuto dai rhinoviruses/enterovirus umani durante la pandemia confrontata al 55% osservato nel 2019.

I dati di San Francisco non hanno mostrato casi di influenza per 2020 alla stagione di influenza 2021's.

Limitazioni di studio

Determinate limitazioni di studio potrebbero influenzare i risultati. Il disegno della ricerca ha compreso esaminare i dati di due anni da un singolo sistema sanitario, che non può essere traducibile ad altre vicinanze con differenti livelli di infezioni respiratorie. Ci può anche essere altro confonde quali una persona demografica o un'aderenza al mascheramento che potrebbe influenzare i risultati. Inoltre, i cambiamenti nelle restrizioni dell'interno di polizza in risposta ai casi aumentanti o le vaccinazioni aumentate hanno potuto causare le considerevoli variazioni nella trasmissione respiratoria mensile.

La gente può anche avvertire le infezioni respiratorie come l'influenza ma ugualmente è stata spaventata per cercare l'assistenza medica durante la pandemia. “Malgrado questa, il nostro fuoco sui ricoverati esaminati ad infezioni respiratorie, piuttosto che la più grande popolazione dei pazienti esterni, dovrebbe fare diminuire la variazione nelle pratiche di prova che possono accadere dal workup della malattia delicata e non differenziata.„

Rimane inconcludente che la polizza o la combinazione di polizze era più efficace nell'abbassamento del numero delle infezioni respiratorie. I ricercatori concludono quello che trovano la risposta a questo problema potrebbero aiutare le strategie di salute pubblica di forma per la diminuzione della trasmissione respiratoria della gocciolina a casa, in pubblico, o persino sul lavoro.

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Jocelyn Solis-Moreira

Written by

Jocelyn Solis-Moreira

Jocelyn Solis-Moreira graduated with a Bachelor's in Integrative Neuroscience, where she then pursued graduate research looking at the long-term effects of adolescent binge drinking on the brain's neurochemistry in adulthood.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Solis-Moreira, Jocelyn. (2021, May 18). Gli interventi di salute pubblica COVID-19 hanno diminuito altre infezioni respiratorie. News-Medical. Retrieved on January 23, 2022 from https://www.news-medical.net/news/20210518/COVID-19-public-health-interventions-reduced-other-respiratory-infections.aspx.

  • MLA

    Solis-Moreira, Jocelyn. "Gli interventi di salute pubblica COVID-19 hanno diminuito altre infezioni respiratorie". News-Medical. 23 January 2022. <https://www.news-medical.net/news/20210518/COVID-19-public-health-interventions-reduced-other-respiratory-infections.aspx>.

  • Chicago

    Solis-Moreira, Jocelyn. "Gli interventi di salute pubblica COVID-19 hanno diminuito altre infezioni respiratorie". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210518/COVID-19-public-health-interventions-reduced-other-respiratory-infections.aspx. (accessed January 23, 2022).

  • Harvard

    Solis-Moreira, Jocelyn. 2021. Gli interventi di salute pubblica COVID-19 hanno diminuito altre infezioni respiratorie. News-Medical, viewed 23 January 2022, https://www.news-medical.net/news/20210518/COVID-19-public-health-interventions-reduced-other-respiratory-infections.aspx.