Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo “documento di consenso„ può contribuire a riuscire a ferire la cura

DURANTE la pandemia COVID-19, i farmacisti sempre più hanno svolto un ruolo chiave come essendo il primo punto di contatto per la gente con le ferite, sia croniche che acute.

Poichè il carico di cura della ferita aumenta attraverso la popolazione di invecchiamento e con molta gente che è riluttante ad entrare in ospedale o regolazione di pronto intervento, questo ruolo chiave continuerà a svilupparsi e svilupparsi.

Ora, un gruppo di esperti pluridisciplinare, compreso un gruppo dall'università di istituto di Huddersfield di integrità dell'interfaccia e della prevenzione di infezione (ISIaIP), sta lavorando in collaborazione con le ferite Regno Unito, un affare internazionale di comunicazioni di sanità di maggiore con uno sbraccio globale nella gestione della ferita, per creare “un documento di consenso„ che fornirà l'orientamento ed assisterà i gruppi della farmacia per gestire le ferite e selezionare i condimenti appropriati con fiducia.

Il documento ha autorizzato “per ferire la cura e la selezione del condimento per i gruppi della farmacia„ indirizza la mancanza corrente di informazione disponibile scritta circa il ruolo, le responsabilità e le abilità del farmacista nella gestione della ferita.

“Il documento di consenso„ egualmente informerà i colleghi della farmacia circa i principi di sostegno di best practice e di ultima base di prova sulla cura della ferita e sulla selezione del condimento ed istruirà altri clinici circa il ruolo che la farmacia teams il gioco nella cura della ferita.

Come sempre, lo scopo globale è di migliorare i risultati clinici per il paziente. È affermato che la gestione delle ferite è praticata il più bene da un gruppo pluridisciplinare organizzato che può offrire il supporto alla persona. Il ruolo del farmacista all'interno di quel gruppo è inestimabile e richiede un approccio integrato con i colleghi di cura della ferita.„

Barbara Conway, il professor e capo, dipartimento della farmacia, università di Huddersfield