Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio contribuirà a studiare le risposte immunitarie innate alle infezioni virali

I ricercatori dalla scuola di medicina di Boston University (BUSM) riferiscono la formazione di cellule umane che contengono una proteina o un GFP fluorescente verde (una delle proteine più importanti nella rappresentazione di fluorescenza e di biologia) geneticamente fuso con due geni stimolati interferone (ISGs), vale a dire Viperin e ISG15. Questa nuova creazione prepara a queste celle i reagenti altamente apprezzati per la segnalazione delle risposte immunitarie innate alle infezioni virali, compreso quelle causate dai coronaviruses.

Queste celle costruite, che girano il verde una volta trattate con interferone, sono altamente novelle perché questo è la prima volta un gene del reporter (un gene che permette alla rilevazione o alla misura di espressione genica), quale GFP, è stata inserita nei luoghi endogeni degli ISG.

Le infezioni virali inducono le cellule umane a dare un allarme biochimico via la segnalazione dell'interferone, piombo ad un'espressione ad alto livello degli ISG. Tuttavia, gli ISG sono geni molto strettamente regolamentati, perché troppa espressione e un'incapacità più successivamente tamp giù i livelli dell'ISG possono essere appena come nocive a salubrità cellulare.

Questa segnalazione immune innata iperattiva piombo “ad una tempesta di citochina„ (quando un'infezione avvia il sistema immunitario per sommergere la vostra circolazione sanguigna dalle proteine infiammatorie chiamate citochine) che distingue un caso delicato di infezione virale dai sintomi completamente debilitanti, un risultato tutto troppo prevalente nella pandemia COVID19.

I migliori strumenti della ricerca per lo studio del regolamento dell'ISG ancora sono necessari, non ora per la ricerca di coronavirus ma per molti altri virus cui la nostra società si contenderà con.„

Il Nelson Lau, PhD, autore Co-Corrispondente di studio e professore associato della biochimica, scuola di medicina di Boston University

Per etichettare con successo i geni antivirali umani con GFP, i ricercatori in primo luogo hanno dovuto produrre una nuova metodologia per la creazione del modello lungo della riparazione del DNA per il genoma più efficiente e più autentico CRISPR-Cas9 che modifica in celle animali. Hanno nominato la sua metodologia del modello il BL3SSO (sonda come “il blasso„) perché ha installato il DNA per la riparazione più accurata e per introduzione di un transgene fluorescente come GFP nel sito tagli da Cas-9 durante modificare del genoma.

Questi risultati sono il risultato di una collaborazione fra il laboratorio di Lau ed il laboratorio di Mohsan Saeed, PhD, sia docenti nel dipartimento di BUSM della biochimica che ricercatori ai laboratori emergenti nazionali delle malattie infettive dei BU (NEIDL).

Source:
Journal reference:

Bandyopadhyay, S., et al. (2021) DNA templates with blocked long 3' end single-stranded overhangs (BL3SSO) promote bona fide Cas9-stimulated homology-directed repair of long transgenes into endogenous gene loci. G3: Genes, Genomes, Genetics. doi.org/10.1093/g3journal/jkab169.