Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia conoscitiva e comportamentistica può produrre i risultati più significativi per la gente obesa

La qualità di vita concernente il fisico medica e la salute mentale può essere un elemento chiave nel trattamento degli adulti obesi. Per questo motivo, le misure cliniche interdisciplinari compreso la terapia conoscitiva e comportamentistica possono produrre i risultati più significativi per questa gente, diminuenti non appena il peso ma anche i sintomi della depressione.

Ciò è la conclusione principale degli studi intrapresi nel Brasile dal gruppo di ricerca dell'obesità all'università federale di São Paulo (UNIFESP) in Santos, stato di São Paulo e pubblicati nelle frontiere del giornale in nutrizione.

Quello considerato dei problemi sanitari di salute pubblica principali del mondo, l'obesità più di quanto è stato raddoppiato nel Brasile durante 17 anni ed è ora sempre più frequente fra i bambini ed i giovani adulti. Fra 2002 e 2019, la percentuale di adulti obesi è aumentato 12,2% - 26,8%. Fra le donne, ha raggiunto 29,5% (contro 21,8% fra gli uomini). La percentuale di adulti di peso eccessivo è aumentato 43,3% - 62,1%, o quasi due terzi di tutti i brasiliani, secondo l'indagine di salubrità del cittadino 2019.

“Il programma interdisciplinare e conoscitivo-comportamentistico di terapia era più efficace dell'esercizio fisico e la formazione ed i programmi di salute. Ha promosso i maggiori cambiamenti comportamentistici che gli altri due programmi nei fattori relativi a controllo del peso, quali il livello di radioattività e l'ingestione dietetica, con conseguente più perdita di peso. I cambiamenti in quasi tutte le variabili esaminarici sono stati osservati, compreso le riduzioni del peso, dell'indice di massa corporea, della massa grassa assoluta, della circonferenza della vita, della circonferenza del cinorrodo e della circonferenza del collo. Il programma è stato indicato per essere efficace nella qualità di vita aumentante in tutti i domini (fisico, psicologico, sociale, ambientale) e diminuendo i sintomi della depressione,„ i ricercatori concludono nell'articolo.

Lo studio ha fatto partecipare i professionisti nelle aree di nutrizione, della psicologia, dell'educazione fisica e della terapia fisica. È stato supportato da FAPESP via i due progetti (11/51723-7 e 15/06630-1). Egualmente ha ricevuto il finanziamento dal Ministero del coordinamento della formazione per il miglioramento di istruzione superiore personale (CAPI) ed il Consiglio Nazionale per scientifico e sviluppo tecnologico (CNPq), un braccio del Ministero di scienza, la tecnologia ed innovazione (MCTI).

Per il DOS Santos Moraes, primo autore di Amanda dello studio pubblicato, gli aspetti psicologici stanno risultando essere essenziali nel trattamento dell'obesità. “Questo è un fattore innovatore, combinante la terapia interdisciplinare con l'approccio conoscitivo-comportamentistico al trattamento dell'obesità. Gli aspetti conoscitivi sempre più stanno considerandi per il trattamento degli adulti con l'obesità,„ ha detto.

“la terapia Conoscitivo-comportamentistica è il più ampiamente l'intervento accettato per perdita di peso nella pratica clinica dello psicologo. Questo approccio mette a fuoco sui pensieri e sui sistemi centrali di credenza delle persone che possono fare avviare le sensibilità insufficienti ed i comportamenti dai pensieri disfunzionali circa il peso corporeo e l'obesità. Nel nostro studio, abbiamo osservato gli interventi più frequenti e una maggior riduzione dei sintomi della depressione per la terapia conoscitivo-comportamentistica data gruppo che gli altri due gruppi.„

Secondo Danielle Arisa Caranti, ricercatore co-principale per lo studio accanto a Ricardo José Gomes, la terapia interdisciplinare è usata raramente dai professionisti affiliati con il SUS, sistema nazionale della salubrità del Brasile, ma la messa a fuoco sul interprofessionality e sulla salute mentale dovrebbe essere una priorità nell'ordine pubblico futuro per indirizzare l'epidemia dell'obesità.

La realtà nel SUS ora è molto differente. Abbiamo pochi professionisti di educazione fisica, per esempio. La terapia interdisciplinare costa più ed egualmente richiede la conoscenza del interprofessionality in moda da tutto potere lavorare verso gli stessi scopi ed usare quelle in questione le pratiche di collaborazione. Per quanto l'applicabilità dello studio, questo è un aspetto che deve essere preso dai servizi di sanità e per il trattamento delle malattie croniche.„

Danielle Arisa Caranti, studia il ricercatore Co-Principale, FAPESP    

Nell'articolo, i ricercatori notano l'alto costo di trattamento dell'obesità per i sistemi di salubrità in molti paesi. La federazione dell'obesità del mondo stima che ci siano circa 800 milione di persone con l'obesità nel mondo ed aggetta che le conseguenze mediche della malattia costeranno più di USD 1 trilione nel 2025.

Nel Brasile, il costo delle procedure connesse con il peso eccessivo e l'obesità è stimato ad USD 2,1 miliardo all'anno. Nel 2019 da solo, per esempio, l'ipertensione ha rappresentato 20,6% delle circostanze o dei problemi valutati dentro oltre 105 milione visite pazienti, mentre 8,3% relativi al diabete e 2,5% all'obesità.

Caratteristiche

L'obesità è una malattia cronica caratterizzata da un'eccessiva capitalizzazione di grasso corporeo. Il criterio diagnostico più ampiamente usato per gli adulti è indice di massa corporea (peso sopra altezza quadrata). Secondo l'organizzazione mondiale della sanità (WHO), un BMI nell'ordine di un ² di 25-29.9 kg/m è ² kg/m di 30 ed e di peso eccessivo o più su è obeso.

Un alto BMI è un fattore di rischio importante per la malattia cardiovascolare, i disordini osteomuscolari (particolarmente osteoartrite), i problemi ed il cancro psicologici. Più recentemente è stato associato con i termini gravi in pazienti COVID-19.

Le cause dell'obesità comprendono i fattori genetici, comportamentistici ed ambientali. Altri driver della prevalenza aumentante dell'obesità sono il cibo e mancanza non sani di esercizio regolare.

“Il paradigma il più comunemente accettato relativamente a perdita di peso è stato che uno squilibrio fra l'ingestione di cibo e l'attività fisica è la causa principale del peso eccessivo e dell'obesità. Tuttavia, questa visualizzazione semplice non considera molti altri fattori relativi al problema, quali l'influenza dello stile di vita moderno che stimola l'eccesso di cibo, o il ruolo del tessuto adiposo nell'omeostasi dell'organismo e nel bilancio energetico,„ lo stato degli autori nell'articolo.

Secondo i ricercatori, “è essenziale per sviluppare le strategie più potenti per indirizzare questa obesità epidemica e le persone di guida perdono il peso come pure le assistono nell'adozione e nel mantenimento dello stile di vita sano in un ambiente “tossico„ che promuove l'eccessivo consumo alimentare.„

Una meta-analisi recente che ha esaminato la prevalenza mondiale dei tentativi di gestire il peso ha indicato che 42% della popolazione in genere degli adulti stavano provando a perdere il peso, mentre 23% stavano provando a mantenere il loro peso. Altri studi hanno indicato che una perdita di peso di 5% è sufficiente per migliorare la salubrità.

Metodologia

Gli studi intrapresi dal gruppo brasiliano hanno incluso un quantitativo ed indagine qualitativa come pure un test clinico ripartito con scelta casuale. Ha analizzato e confrontato gli effetti dei tre trattamenti a lungo termine differenti sui profili, abittudine alimentara, ansia e la depressione e qualità di vita antropometrici.

Il gruppo di ricerca dell'obesità al laboratorio interdisciplinare di UNIFESP sulle malattie metaboliche ha reclutato i volontari. Dei 150 chi inizialmente acconsentito per partecipare allo studio, 98 sono stati selezionati in base ai criteri di studio. Sono stati invecchiati fra 30 e 50 ed hanno avuti BMIs fra un ² di 30 e 39,9 kg/m. La maggior parte erano donne, disposte generalmente cercare il trattamento per l'obesità che gli uomini.

I volontari sono stati divisi a caso in tre gruppi: uno per formazione e salubrità (parla basicamente su salubrità), un altro per l'esercizio fisico (secondo un programma di formazione) e un terzo per le terapie interdisciplinari e conoscitivo-comportamentistiche (addestramento compreso di resistenza, orientamento nutrizionale e terapia fisica e psicologica).

Quarantatre volontari sono rimanere fino alla conclusione del programma, che ha durato 30 settimane. Nella formazione e nel gruppo di salubrità, la qualità di vita è migliorato significativamente. Il gruppo di esercizio ha perso una considerevole quantità di peso e la qualità di vita egualmente è migliorato.

Il gruppo interdisciplinare e conoscitivo-comportamentistico di terapia ha raggiunto la maggior parte del progresso sostanziale, con il anthropometrics e la qualità di vita migliori in tutti i domini (fisico, psicologico, sociale ed ambientale) come pure i cambiamenti del positivo nell'abittudine alimentara e nella meno depressione. Questo gruppo ha avuto il tasso di marginalità più basso (42%).

Source:
Journal reference:

Moraes, A. D. S., et al. (2021) Cognitive Behavioral Approach to Treat Obesity: A Randomized Clinical Trial. Frontiers in Nutrition. doi.org/10.3389/fnut.2021.611217.