Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati scoprono la risposta difensiva novella a SARS-CoV-2

Gli scienziati dall'università dell'Hokkaido hanno scoperto una risposta difensiva novella a SARS-CoV-2 che comprende il ricevitore virale RIG-I di riconoscimento di forme. L'espressione di Upregulating di questa proteina ha potuto rinforzare la risposta immunitaria nei pazienti di COPD.

Nei 18 mesi poiché il primo rapporto di COVID-19 e la diffusione della pandemia, là è stato un gran numero di ricerca sulla comprensione e sullo sviluppare i menas per trattarla. COVID-19 non pregiudica ugualmente tutte le persone infettate. Molte persone sono asintomatiche; di coloro che è sintomatico, la grande maggioranza ha sintomi delicati e soltanto un piccolo numero ha casi severi. Le ragioni per questa completamente non sono capite e sono un'area importante della ricerca in corso.

Un gruppo degli scienziati dall'università dell'Hokkaido, piombo dal professor Akinori Takaoka dell'istituto per medicina genetica, ha indicato che RIG-I, una molecola biologica che individua i virus a RNA, reprime la replica SARS-CoV-2 in celle umane del polmone. I loro risultati, in grado di contribuire a predire i risultati pazienti COVID-19, sono stati pubblicati in immunologia della natura del giornale.

Fin qui, oltre 162 milione di persone sono stati influenzati da COVID-19. Circa 40% - 45% di queste persone sono asintomatici; per quanto riguarda il resto, intorno 35% - 40% ha avvertito un modulo delicato della malattia, mentre i 19% rimanenti sono stati influenzati dai sintomi che erano abbastanza severi autorizzare l'ospedalizzazione o erano interni, che sono associati solitamente con i comorbidities ed i fattori di rischio quale la malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD). Questo intervallo dei sintomi indica che ci sono vaste differenze fra le diverse risposte al virus.

Gli agenti patogeni microbici nel nostro organismo sono individuati dalle proteine chiamate ricevitori di riconoscimento di forme (PRRs), che egualmente avviano le risposte immunitarie a questi agenti patogeni. Le infezioni virali sono individuate da un sottoinsieme di PRRs; gli scienziati hanno concentrato la loro attenzione sulla proteina RIG-I, che appartiene a questo sottoinsieme. RIG-I è conosciuto per essere critico per la rilevazione e la risposta ai virus a RNA quale il virus dell'influenza.

Negli esperimenti effettuati nelle righe della coltura cellulare, gli scienziati hanno trovato che c'era poca risposta immunitaria innata a SARS-CoV-2 in celle polmonari, suggerenti che la via di segnalazione che piombo alla risposta immunitaria fosse abortita. Tuttavia, la replicazione virale è stata soppressa. Gli scienziati hanno studiato il ruolo di RIG-I ed hanno trovato che la sua carenza causata ha aumentato la replicazione virale. Ulteriori esperimenti hanno confermato che la soppressione della replicazione virale dipendeva da RIG-I.

Un singolo studio precedente ha indicato che l'espressione di RIG-I downregulated in celle polmonari dei pazienti di COPD. Facendo uso delle celle polmonari primarie da due pazienti di COPD, gli scienziati hanno indicato che questo downregulation di RIG-I ha provocato la rilevazione della replicazione virale dopo i 5 giorni.

Egualmente hanno dimostrato quel trattamento di queste celle di COPD con acido retinoico tutto trasporto (ATRA), che upregulates l'espressione di RIG-I, titoli virali significativamente diminuiti nelle celle. Ancora, facendo uso dei mutanti di RIG-I, potevano delucidare i meccanismi da cui RIG-I ha soppresso la replica SARS-CoV-2: Il dominio di helicase, un elemento strutturale in RIG-I, interagisce con il RNA virale, bloccante un enzima virus-derivato responsabile della replica.

Questo studio ha dimostrato un modo virale unico del riconoscimento di RIG-I, definito il meccanismo di difesa segnalazione-abortito Impianto di perforazione-IO-mediato anti-SARS-CoV-2. Egualmente ha indicato che i livelli di espressione di RIG-I sono uno dei parametri potenziali per la previsione dei risultati del paziente COVID-19. Ulteriore lavoro deve essere fatto per scoprire i fattori o le circostanze che modulano i livelli di espressione di RIG-I e può piombo alle nuove strategie per gestire l'infezione SARS-CoV-2.

Source:
Journal reference:

Yamada, T., et al. (2021) RIG-I triggers a signaling-abortive anti-SARS-CoV-2 defense in human lung cells. Nature Immunology. doi.org/10.1038/s41590-021-00942-0.