Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La melatonina impedisce il danno del rene causato dalle complicazioni metaboliche dell'obesità

Gli scienziati dall'università di Granada (UGR), del La Paz di Universitario dell'ospedale (Madrid) e dell'università del Texas (U.S.A.) hanno catturato una misura importante nella lotta contro danno del rene e la sua progressione verso insufficienza renale, che è strettamente connessa al diabesity (obesità ed il suo diabete di tipo 2) ed alle sue complicazioni.

Specificamente, in due nuovi studi recentemente pubblicati nei giornali scientifici prestigiosi “giornale di medicina clinica„ e “dei prodotti farmaceutici„, i ricercatori lo hanno sviluppato in un modello obeso e diabetico del roditore ed hanno indicato che la melatonina protegge il danno del rene causato dal diabesity.

Gli scienziati hanno indicato che l'amministrazione cronica di melatonina alle dosi (10 mg/kg del peso corporeo/giorno) impedisce la rottura del reticolo endoplasmatico e mitocondriale, che giocano un ruolo critico nello sviluppo e la patogenesi di danno delle cellule del rene (nephron) e la sua progressione ad insufficienza renale.

Quindi, è stato indicato che la melatonina impedisce il danno della funzione e della dinamica dei mitocondri cellulari, facenti diminuire la produzione aumentata dei radicali senza ossigeno (responsabili dello sforzo ossidativo).

Egualmente impedisce l'alterazione patologica nella funzione del reticolo endoplasmatico (un altro organello citoplasmico delle cellule), che negli stati di sforzo ossidativo anormalmente alto è collegato con un aumento nella morte programmata delle cellule (del nephron) che piombo alla perdita di funzionalità renale, come un punto preliminare allo sviluppo di insufficienza renale e l'esigenza di emodialisi o di trapianto.

Gli studi coordinati dal UGR mostrano l'efficacia di melatonina nella fermata della progressione di danno renale mediata dallo sforzo mitocondriale del reticolo endoplasmatico di eccesso e di danno.

Come l'autore principale di questo studio, Ahmad Agil, un ricercatore al dipartimento di farmacologia del UGR, spiega, “danno del rene è causato dalle complicazioni metaboliche dell'obesità, quali il diabete, l'ipertensione, i disordini del lipido di sangue o l'affezione epatica grassa.

Il danneggiamento del rene e ad aumentare continua) sindrome metabolica come riconosciute collettivamente (patologie di queste la prevalenza poichè e la sua progressione di insufficienza renale si è trasformato in col passare del tempo in un problema sanitario che pregiudica milioni di persone universalmente, con un grande costo socioeconomico, richiedendo gli impianti di emodialisi e/o i servizi del trapianto del rene, con la compatibilità corrispondente studia richiesto„.

L'importanza del lavoro si trova non solo nell'efficacia di melatonina nell'opposizione dei due ha proposto i meccanismi di danno renale (basato da un lato sull'alterazione della funzione e della dinamica mitocondriali e d'altra parte sulla funzione del reticolo endoplasmatico (ER)), ma egualmente propongono un trattamento preventivo alternativo che migliorerebbe questa funzione renale con una droga ben esaminata con un profilo di sicurezza molto alto quale melatonina, che è un medicinale che nell'UE deve essere prescritto da un medico e già è amministrata nel trattamento di insonnia.

I nuovi risultati egualmente sono stati associati con un miglioramento nel grado di filtrazione glomerulare e nel danno renale del nephron, manifestati in una diminuzione nei livelli di rimozione della creatinina (il migliore indicatore della funzione renale), nel proteinuria e nel miglioramento della struttura renale, osservato dopo lo studio istopatologico del rene.

Questi risultati sono in conformità con quelli precedentemente pubblicati da questi ricercatori durante i 10 anni ultimi, dimostranti che l'amministrazione farmacologica di melatonina costituisce un'altra nuova strategia nell'approccio terapeutico al diabesity (obesità centrale ed il suo diabete di tipo 2) ed alle sue complicazioni (quali steatosi, ipertensione, l'alterazione del lipido, ecc. epatici).

La nostra sfida principale è l'applicazione di melatonina e di altre strategie come digiuno intermittente nel campo di medicina, per indirizzare particolarmente la possibilità di una prospettiva del trattamento per le patologie suddette (diabesity e le sue complicazioni) che comprende un aumento nello sforzo ossidativo e l'meta-infiammazione associata mitocondriale e di danno (infiammazione dell'origine metabolica),„

Ahmad Agil, autore principale di studio e ricercatore, dipartimento di farmacologia, università di Granada

Secondo i risultati indicati da questi ricercatori, la melatonina potrebbe contribuire a trattare il danno del rene, che stabilisce la necessità di sviluppare i nuovi test clinici per verificare la sua efficacia in esseri umani. I risultati incoraggianti ottenuti in modelli preclinici invitano per catturare la melatonina alla fase prossima, per studiare come aiuta nel mantenimento di omeostasi del reticolo endoplasmatico e mitocondriale ed in maggior misura, se la terapia della melatonina concedesse ritardare o fermare il danno renale progressivo, promuovendo il suo uso farmacologico cronico nella riparazione e nella rigenerazione del rene.

Questo studio è stato costituito un fondo per dal progetto SAF2016-79794-R del Ministero di scienza e di innovazione (Spain) e dal Fondo europeo di sviluppo regionale (ERDF) piombo dal professor Ahmad Agil.

Corrente, il gruppo di ricerca di UGR che ha sviluppato questo lavoro è interessato nella collaborazione con le ditte farmaceutiche che desiderano collaborare alla commercializzazione di un brevetto, un gruppo che egualmente sta conducendo ulteriori prove con un'altra molecola, che funge da agonista della melatonina.

Source:
Journal reference:

Millet-Boureima, C., et al. (2021) Cyst Reduction by Melatonin in a Novel Drosophila Model of Polycystic Kidney Disease. Molecules. doi.org/10.3390/molecules25225477.