Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il sonno difficile aumenta il rischio di declino conoscitivo a lungo termine in latino-americani/latini

Il sonno difficile urta il rischio di declino conoscitivo a lungo termine adulti diversamente invecchiati e più anziani nel mezzo latino/del latino-americano che fa negli adulti del non Latino-americano, secondo la ricerca piombo dalla facoltà della neurologia della scuola di medicina di Miller dell'university of miami ed il più grande studio a lungo termine del latino-americano/latini degli Stati Uniti fin qui.

Durante i sette anni di seguito, i latino-americani/latini erano più probabili sviluppare i declini conoscitivi nella velocità di trattamento, la flessibilità mentale e memoria verbale, se avessero respirazione disordinata di sonno, quale l'apnea nel sonno ostruttiva e la durata lunga di sonno di nove o più ore. Il rischio era particolarmente alto in adulti di mezza età senza sindrome metabolica ed in donne senza obesità o sindrome metabolica secondo il documento recentemente pubblicato in Alzheimer & nella demenza, il giornale dell'associazione del Alzheimer.

Un'individuazione sorprendente di questo studio degli adulti del latino-americano/latino dei 5.500 Stati Uniti era che i partecipanti senza obesità che ha avuta l'apnea nel sonno e durata lunga di sonno hanno avuti declino conoscitivo peggiore. In parte, questo era come un esperimento naturale dove abbiamo eliminato l'effetto che l'obesità ha su cognizione ed abbiamo veduto “l'effetto puro„ delle difficoltà di sonno, quale apnea nel sonno e la durata lunga di sonno su salubrità conoscitiva.„

Alberto Ramos, M.D., M.S.P.H., studia l'autore senior, il professore associato della neurologia ed il direttore di ricerca del programma di disordini di sonno

Il lavoro indica che i fattori di rischio metabolici che predicono il declino neurocognitive in non Latino-americani non sono generalizzabili ai latino-americani, secondo Sonya Kaur, Ph.D., istruttore nella divisione di neuropsicologia al banco di Miller.

“Generalmente la relazione fra sonno e cognizione non è stata mediata dalla sindrome metabolica ed obesità in latino-americani come è in non Latino-americani,„ il Dott. Kaur ha detto. “Per i latino-americani, sonno sembra essere un preannunciatore molto più forte che l'obesità e la sindrome metabolica che sono pensati tradizionalmente come preannunciatori in termini di che declino conoscitivo di cause in non Latino-americani.„

Ciò è importante poichè, confrontato ai bianchi del non Latino-americano, i latino-americani/latini sono al maggior rischio per la sindrome metabolica e sono a 4 volte il rischio di morbo di Alzheimer e di demenze relative, secondo il Dott. Kaur.

I risultati evidenziano l'importanza di un approccio della medicina di precisione nello studio e nella cura dei pazienti latino/del latino-americano.

“Nella grande maschera, questi risultati hanno implicazioni per a come possiamo personalizzare il trattamento dei disordini di sonno più efficacemente diminuiamo il declino conoscitivo, impedisca i disordini neurocognitive quale il morbo di Alzheimer e conservi la salubrità del cervello,„ il Dott. Ramos ha detto. Il banco di Miller lungamente è stato una guida nell'identificazione i disordini e dei fattori di rischio connessi con demenza e la salubrità del latino-americano e di Alzheimer.

“Stiamo conducendo la ricerca in corso sugli effetti conoscitivi dei fattori di migrazione e fattori di rischio genetici in pazienti ispani, perché è provato che i fattori di rischio genetici nei bianchi del non Latino-americano non predicono il declino di cognizione come in latino-americani,„ il Dott. Kaur ha detto.

Precedentemente, il Dott. Ramos ed i colleghi hanno pubblicato i dati che mostrano un'alta prevalenza dei disordini di sonno connessi con disfunzione neurocognitive, compreso il declino di memoria, in una diversa popolazione dei partecipanti latino/del latino-americano.

“Configurazioni di questo studio sul nostro lavoro precedente,„ ha detto il Dott. Ramos, che recentemente ha ricevuto una concessione quinquennale $13 milioni dall'istituto nazionale su invecchiamento (NIA) per studiare “il sonno nella ricerca di invecchiamento e di Alzheimer di Neurocognitive.„

Source:
Journal reference:

Kaur, S. S., et al. (2021) Modifying pathways by age and sex for the association between combined sleep disordered breathing and long sleep duration with neurocognitive decline in the Hispanic Community Health Study/Study of Latinos (HCHS/SOL). Alzheimer's & Dementia. doi.org/10.1002/alz.12361.