Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

“I buoni„ batteri dimostrano il potenziale clinico per il trattamento della colite ulcerosa, morbo di Crohn

Un nuovo studio pubblicato nelle comunicazioni della natura dimostra che un consorzio dei batteri ha progettato per complementare mancante o le funzioni sottorappresentate del microbiome della colite immune-mediata cronica impedito (IBD) e trattato infiammatoria squilibrata dei pazienti di malattia di viscere, in mouse umanizzato modella.

L'autore senior dello studio, Balfour Sartor, il MD, professore distinto minuscolo di medicina, di microbiologia e dell'immunologia, co-direttore del centro pluridisciplinare di UNC IBD, ha detto che i risultati sono incoraggianti per uso futuro che cura i pazienti di colite ulcerosa e del morbo di Crohn.

L'idea con questo trattamento è di riparare la funzione normale dei batteri protettivi nell'intestino, mirante alla sorgente di IBD, invece di trattamento dei sui sintomi con i immunosoppressori tradizionali che possono causare gli effetti secondari come le infezioni o i tumori.„

Balfour Sartor, MD, studia l'autore senior ed il professor distinto minuscolo di medicina, di microbiologia e dell'immunologia

I consorzi in tensione dei batteri, chiamati GUT-103 e GUT-108, sono stati sviluppati dallo slancio della ditta di Biotech globale. GUT-103 è compreso 17 sforzi dei batteri che funzionano insieme per proteggersi ed alimentarsi. GUT-108 è una versione raffinata di GUT-103, facendo uso di 11 isolato umano relativo ai 17 sforzi.

Queste combinazioni permettono i batteri di restare nel colon per un lasso di tempo esteso, rispetto all'altro probiotics che non sono capaci di vivere nell'intestino ed attraversano il sistema rapidamente.

GUT-103 e GUT-108 sono stati dati oralmente a tre volte un i mouse “esenti da germi„ di settimana (nessun batteri presenti) che specialmente era stato sviluppato e trattato stato con i batteri umani specifici, creanti un modello umanizzato del mouse. I consorzi terapeutici dei batteri lavorati indirizzando gli obiettivi verso l'alto, piuttosto che mirando ad una singola citochina per bloccare le risposte a valle di infiammazione ed infiammazione stabilita invertita.

“Egualmente ha fatto diminuire i pathobionts - batteri che possono causare il danno - mentre batteri protettivi residenti espandentesi e metaboliti prodotti che promuovono le risposte curative ed immunoregulatory mucose,„ Sartor ha detto. “Messo semplicemente - il trattamento ha aumentato i bravi ragazzi ed ha fatto diminuire i ragazzi cattivi.„

A causa dei risultati robusti veduti in questo studio e dell'esigenza delle terapie più alternative del morbo di Crohn, Sartor vorrebbe vedere GUT-103 e GUT-108 studiati nei test clinici di fasi 1 e 2 in futuro. Pianificazione continuare il suo lavoro con lo slancio globale più ulteriormente per esplorare gli usi dei consorzi batterici.

Source:
Journal reference:

Lelie, D. V. D., et al. (2021) Rationally designed bacterial consortia to treat chronic immune-mediated colitis and restore intestinal homeostasis. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-021-23460-x.