Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova droga efficacemente impedisce COVID-19 severo in mouse infettati con SARS-CoV-2

Il diABZI della droga che attiva la risposta immunitaria innata dell'organismo -- era altamente efficace nell'impedire COVID-19 severo in mouse che sono stati infettati con SARS-CoV-2, secondo gli scienziati nella scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania. I risultati, pubblicati questo mese in immunologia di scienza, suggeriscono che il diABZI potrebbe anche trattare altri coronaviruses respiratori.

Poche droghe sono state identificate come cacciagione-commutatori nel blocco dell'infezione SARS-CoV-2. Questo documento è il primo per mostrare quello che attiva una risposta immunitaria iniziale dal punto di vista terapeutico con un d'una sola dose è una strategia di promessa per gestire il virus, compreso la variante sudafricana B.1.351, quale piombo universalmente per interessare. Lo sviluppo di efficaci antivirals è necessario urgentemente per gestire l'infezione SARS-CoV-2 e la malattia, particolarmente poichè le varianti pericolose del virus continuano ad emergere.„

La ciliegia di Sara, PhD, studia l'autore ed il professor senior di patologia e medicina del laboratorio e Direttore scientifico, la memoria della selezione di Alto-Capacità di lavorazione, medicina di Penn

Il virus SARS-CoV-2 inizialmente mira alle celle epiteliali nelle vie respiratorie. Come la prima linea di difesa contro l'infezione, il sistema immunitario innato delle vie respiratorie riconosce gli agenti patogeni virali individuando i loro reticoli molecolari.

La ciliegia ed il suo gruppo di ricerca in primo luogo hanno cercato di capire meglio questo effetto osservando le linee cellulari umane del polmone sotto il microscopio che era stato infettato con SARS-CoV-2. Hanno trovato che il virus può nascondersi, ritardando il riconoscimento iniziale e la risposta del sistema immunitario. I ricercatori hanno predetto che possono potere identificare le droghe -- o piccole molecole con i beni del tipo di droga -- quello ha potuto provocare più presto questa risposta immunitaria nelle celle respiratorie ed impedire l'infezione severa SARS-CoV-2.

Per identificare gli agonisti antivirali che avrebbero bloccato l'infezione SARS-CoV-2, i ricercatori hanno realizzato un'alta selezione di capacità di lavorazione di 75 droghe che mirano a percepire le vie in celle del polmone. Hanno esaminato i loro effetti sull'infezione virale nell'ambito di microscopia ed hanno identificato nove candidati --compreso due dinucleotidi ciclici (CDNs) -- quell'infezione significativamente soppressa attivando STING (la simulazione dei geni dell'interferone).

Poiché CDNs ha potenza bassa e fa le povere droghe, secondo la ciliegia, lei ed il suo gruppo decisivi anche per provare piccolo un diABZI chiamato agonista di recente sviluppato di STING della molecola, che non è approvato da Food and Drug Administration ma corrente sta provando nei test clinici per trattare alcuni cancri. I ricercatori hanno trovato che il diABZI potente inibisce l'infezione SARS-CoV-2 di diversi sforzi, compreso la variante di preoccupazione B.1.351, stimolando la segnalazione dell'interferone.

Per concludere, i ricercatori hanno verificato l'efficacia di diABZI in mouse transgenici che erano stati infettati con SARS-CoV-2. Poiché la droga ha dovuto raggiungere i polmoni, il diABZI è stato amministrato con una consegna nasale. i mouse diABZI-trattati hanno mostrato molto meno perdita di peso che i mouse di controllo, significativo-avevano diminuito i caricamenti virali in loro polmoni e narici e la produzione aumentata di citochina -- interamente supportare l'individuazione che il diABZI stimola l'interferone per immunità protettiva.

La ciliegia ha detto che i risultati dello studio offrono la promessa che il diABZI potrebbe essere un efficace trattamento per SARS-CoV-2 che potrebbe impedire i sintomi severi COVID-19 e la diffusione dell'infezione. Ulteriormente, poiché il diABZI è stato indicato per inibire la replica umana del rhinovirus e del virus parainfluenzale in celle coltivate, l'agonista di STING può essere più largamente efficace contro altri virus respiratori.

“Ora stiamo collaudando questo agonista di STING contro molti altri virus,„ Cherry ha detto. “È realmente importante ricordarsi che SARS-CoV-2 non sta andando essere l'ultimo coronavirus cui vederemo ed avremo bisogno della protezione contro.„

Source:
Journal reference:

Li, M., et al. (2021) Pharmacological activation of STING blocks SARS-CoV-2 infection. Science Immunology. doi.org/10.1126/sciimmunol.abi9007.