Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'Africa ha gli più alti tassi di mortalità fra i pazienti criticamente malati COVID-19, studio di manifestazioni

L'Africa ha gli più alti tassi di mortalità nel mondo fra i pazienti criticamente malati COVID-19, con le risorse limitate di terapia intensiva un fattore principale, uno studio dice.

Casi dell'Africa i 2,86 milione di COVID-19 rappresentano circa due per cento del totale globale di 166,35 milione casi, secondo un rapporto situazionale sulla pandemia pubblicata la settimana scorsa dall'organizzazione mondiale della sanità (25 maggio).

I ricercatori, che hanno intrapreso gli studi hanno pubblicato in The Lancet questo mese (22 maggio), dicono che l'Africa manca dei dati sui pazienti criticamente malati con COVID-19 e fattori connessi con la morte o la sopravvivenza nelle impostazioni risorsa-limitate.

Nel tentativo di colmare questa lacuna, hanno intrapreso gli studi d'osservazione dei pazienti che erano unità riferite a di alto-cura o di terapia intensiva da maggio al dicembre 2020 in complessivamente 64 ospedali in dieci paesi africani - Egitto, Etiopia, Ghana, Kenya, Libia, Malawi, Mozambico, Niger, Nigeria e Sudafrica - identificare la morte o tassi di sopravvivenza e fattori associati. I ricercatori egualmente hanno paragonato i loro risultati ai tassi di mortalità regionali e globali.

Dei 3.077 adulti criticamente malati che hanno partecipato allo studio e sono stati continuati per almeno i 30 giorni a meno che morissero o fossero scaricati, 1.483 (48,2 per cento), sono morto, lo studio dice.

Abbiamo preveduto i risultati connessi con COVID-19 per essere peggiori in Africa perché abbiamo una mano d'opera limitata e noi abbiamo limitato gli impianti di terapia intensiva e le risorse critiche di cura attraverso l'Africa per fornire la cura sufficiente.„

Bruce Biccard, co-author di studio ed il professor, ospedale di Groote Schuur, università di Cape Town, Sudafrica

“È inaccettabile che la gente dovrebbe avere un'più alta [probabilità di] mortalità, appena a causa di dove vivono. Dobbiamo sostenere per la sanità di qualità in Africa ed altri ambienti con risorse insufficienti. Il carico di COVID-19 male gestito ha una qualità di vita a lungo termine di impatto [sopra], produttività ed economia,„ aggiunge.

Secondo lo studio, un tasso di mortalità dell'Africa di 48,2 per cento è superiore alla media globale di 31,5 per cento e quello di altre regioni compreso l'Asia (29,6 per cento), Europa (31,5 per cento) e l'America settentrionale (33,8 per cento).

In termini di genere, Biccard dice che gli studi iniziali hanno indicato che gli uomini hanno risultati peggiori che le donne ma questo non era il caso nel nuovo studio.

Spiega che c'è una tendenziosità nella cura d'accesso, con gli uomini che sono più probabili agire in tal modo. Gli uomini stanno permettendo più cura che le donne, quando le risorse sono limitate. “Non c'è associazione del sesso con la mortalità in pazienti severamente malati COVID-19 [in Africa] ed i dati iniziali che mostrano che il più alta mortalità negli uomini è realmente sbagliata,„ lui spiega.

I responsabili della politica africani di salubrità dovrebbero essere interessati circa i risultati dello studio e l'omissione di rispettare gli standard minimi di cura critica, Biccard aggiunge.

“Soltanto una volta che abbiamo regolamento per gli standard minimi, possiamo richiediamo per queste risorse e quindi miglioriamo la qualità dell'assistenza,„ dice SciDev.Net. “C'è appena possibile un'esigenza reale della vaccinazione attraverso l'Africa. Non abbiamo abbastanza letti critici di cura da occuparci dei pazienti severamente malati e la vaccinazione impedisce l'infezione severa. D'importanza, non possiamo permetterci di avere uno scenario simile a che cosa sta accadendo in India, accadiamo in Africa.„

Parecchi fattori, dice, rappresentano l'alto tasso di mortalità dell'Africa fra i pazienti criticamente malati COVID-19. Per esempio, uno studio modellante all'inizio di COVID-19 ha rivelato che l'Africa funziona a circa un letto per popolazione 100.000. Inoltre, non ogni paziente riceve il video adeguato a causa delle risorse limitate e perfino alcune risorse disponibili sono malmesse, non funzionali o ridondanti.

Bruce Struminger, direttore associato dell'ECO del progetto (estensione per i risultati di sanità della Comunità), di un'iniziativa per il miglioramento dell'accesso a cura di specialità per le popolazioni rurali ed underserved, dice che i servizi medici essenziali sono stati interrotti ed i rifornimenti medici e la competenza prima o poi hanno non potuti raggiungere i pazienti che li hanno bisogno di più.

“In tutto la pandemia COVID-19, abbiamo veduto che molti paesi bassi e con reddito medio intorno al mondo, ma particolarmente in Africa, sono con risorse insufficienti e spesso mancano della competenza clinica nelle impostazioni remote,„ Struminger, che è egualmente un professore associato di medicina all'università basato negli Stati Uniti di New Mexico, diciamo SciDev.Net.

Molte nazioni africane affrontano gli più alti carichi di malattia e molte circostanze serie e pericolose che spesso non sono trovati o sono meno comuni nelle nazioni più ricche. L'Africa ha bisogno degli interventi a basso costo, evolutivi ed efficaci per il miglioramento dei risultati di sanità, sia nel contesto corrente di COVID-19 che in futuro, Struminger dice.

Source:
Journal reference:

The African COVID-19 Critical Care Outcomes Study (ACCCOS) Investigators., (2021) Patient care and clinical outcomes for patients with COVID-19 infection admitted to African high-care or intensive care units (ACCCOS): a multicentre, prospective, observational cohort study. The Lancet. doi.org/10.1016/S0140-6736(21)00441-4.