Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo progetto mira a sviluppare le tecnologie per la misura il cancro e dei biomarcatori virali

La biopsia liquida, la rilevazione dei biomarcatori di circolazione di malattia in liquidi corporei quale sangue, è un metodo non invadente, alternativa a rimozione del tessuto, che ha catturato le andature importanti verso l'entrata in vigore di medicina personale, particolarmente nel caso dei tumori e dei virus a RNA. Tuttavia, il metodo ancora soffre dalla sensibilità bassa ed è altamente costoso, che rende la sua entrata in vigore clinica non pratica o accessibile.

Lo scopo di ANFIBIO (identificazione libera di amplificazione da cancro e da biomarcatori virali via le nanoparticelle plasmonic e la biopsia liquida) - un progetto coordinato dal professor Laura Fabris del dipartimento di scienza e tecnologia applicata ai Di Torino di Politecnico - è rendere questo metodo più preciso e meno costoso, con l'uso delle nanoparticelle dell'oro con la capacità intrinseca di amplificazione per la spettroscopia di Raman migliorata superficie.

La tecnica è basata sul potenziamento dello scattering di Raman, quello è lo scattering anelastico dei fotoni da un campione della materia, che fornisce le informazioni sulla composizione chimica e sulla struttura molecolare dell'analito.

Oltre allo sviluppo (cioè, risuonando all'illuminazione con l'indicatore luminoso di vicino infrarosso e visibile, grazie alle oscillazioni collettive del plasma dell'elettrone - plasmon) di oro plasmonic e delle nanoparticelle a forma di stella, ANFIBIO userà le tecniche di intelligenza artificiale per rendere l'analisi dello spettro elettromagnetica più veloce e più precisa. Praticamente, l'idea centrale del progetto è di sviluppare le tecnologie della nuova lettura del RNA e del DNA con l'interpretazione degli spettri di SERS per le piccole sequenze dei nucleobases (cioè, “lettere genetiche„), che può poi essere fatto leva per leggere più lungamente “le parole genetiche„ ed usato così per interpretare e decodificare i dati reali.

Il progetto utilizzerà il DNA del carcinoma della prostata ed il RNA virale di influenza A nel sangue, in urina e nella saliva come studi finalizzati. Il risultato sarà “un pacchetto„ dei sensori avanzati e delle tecnologie per individuare e quantificare il tumore ed i biomarcatori virali in liquidi corporei.

ANFIBIO svilupperà gli approcci tecnologici con un più ampio impatto sul settore biomedico. Effettivamente, i risultati raggiunti ed i metodi applicati nel progetto si applicheranno ad altri tumori ed all'altro virus facendo uso di RNA come materiale genetico, quale SARS-CoV-2, il virus COVID-19.