Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il sottotipo molecolare di cancro pregiudica preferenziale la gente con l'ascendenza indigena

Oncotarget ha pubblicato “il reticolo globale di hypermethylation del DNA e l'impronta unica di espressione genica nel cancro di fegato dai pazienti con l'ascendenza americana indigena che ha riferito che contrapponendo con questo reticolo, la struttura della popolazione in relazione all'età di HCC in gente andina video una distribuzione bimodale con la metà dei pazienti che sviluppano HCC nell'adolescenza e nell'età adulta iniziale.

Per approfondire la comprensione dei fattori determinanti molecolari della malattia in questa popolazione, gli autori hanno condotto un'analisi integrante di espressione genica e di metilazione del DNA in HCC sviluppato da 74 pazienti peruviani, compreso 39 adolescenti ed i giovani adulti.

Mentre il hypomethylation genoma di ampiezza è considerato come paradigma in essere umano HCCs, l'analisi ha rivelato che i tumori peruviani sono associati con un hypermethylation globale del DNA.

Notevolmente, lo sviluppo di questo sottotipo di HCC si presenta in pazienti con uno dei quattro haplogroups mitocondriali A-D del nativo americano.

Per concludere, la caratterizzazione integrante ha rivelato che il peruviano HCC è gestito apparentemente dal complesso PRC2 che media la cella che riprogramma con l'espressione genica di modulazione di metilazione massiccia del DNA e dalla segnalazione retinoid segnata come obiettivo potenziale per la terapia epigenetica.

Il Dott. Pascal Pineau dall'organizzazione Nucléaire et Oncogenèse ed il Dott. Stéphane Bertani di Unité dal Université de Tolosa ha detto:

Il carcinoma epatocellulare (HCC), il modulo principale del cancro di fegato primario, è una delle cause di piombo della morte in relazione con il tumore universalmente.„

Questa classificazione molecolare di HCCs conta quasi esclusivamente sui dati genomica dai pazienti di HCC dell'America settentrionale, Pacifico asiatico e di Europa.

La gente con l'ascendenza indigena rimane rigido sottorappresentata negli studi di genomica del cancro, che finalmente limita l'utilizzabilità delle classificazioni molecolari disponibili per queste popolazioni.

Di conseguenza, la presentazione peculiare di HCC nelle popolazioni autoctone andine del Perù supporta l'idea che la patogenesi del cancro di fegato potrebbe essere modulata dai precedenti americani indigeni dei pazienti, con la loro architettura genetica o dai fattori determinanti antropologici che condizionano exposome determinato.

Complessivamente, i risultati scoprono un ruolo principale per lo sfondo antropologico in oncologia molecolare con la caratterizzazione di un sottotipo molecolare clinicamente pertinente di HCC in pazienti con l'ascendenza americana indigena.

Lo studio presente rappresenta la prima caratterizzazione integrante di genomica di un sottotipo molecolare di cancro che pregiudica preferenziale la gente con l'ascendenza indigena.

Il gruppo di ricerca di Pineau/Bertani ha concluso nel loro output della ricerca di Oncotarget che i risultati hanno implicazioni per lo sviluppo di terapeutica adeguato a questo sottotipo molecolare recentemente identificato di HCC.

Alcuni autori hanno discusso il ruolo di atto del RA nella prevenzione e nel trattamento delle cellule staminali MYCN-positive del cancro di fegato ed è evidente che un'alterazione profonda della segnalazione retinoid è una caratteristica cruciale del peruviano HCC.

Qui, le analisi clonogenic hanno dimostrato in vitro la capacità di RA di bloccare la proliferazione delle celle di HCC che hanno un difetto costitutivo della via retinoid di segnalazione.

Questo risultato preliminare rappresenterebbe un nuovo viale nella terapia molecolare-mirata a: l'inversione ed il mantenimento delle celle di HCC in un fenotipo innocuo metastabile da attivo, riprogrammare Ra-mediato dell'epatocita di metilazione del DNA.

Lo studio presente stabilisce le fondamenta per la dissezione di importanza funzionale di controllo epigenetico Ra-mediato in HCC e di terapeutica adeguata ai pazienti con l'ascendenza americana indigena.

Source:
Journal reference:

Cerapio, J. P., et al. (2021) Global DNA hypermethylation pattern and unique gene expression signature in liver cancer from patients with Indigenous American ancestry. Oncotarget. doi.org/10.18632/oncotarget.27890.