Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova concessione di NIH mira ad attenuare i fattori che inducono i pazienti sottoposti a dialisi a morire

Il tasso di sopravvivenza quinquennale per la gente su dialisi è al di sotto di 50 per cento. I ricercatori dell'università di California stanno sperando di migliorare quella prognosi.

Quando i reni vengono a mancare, l'organismo non può sbarazzarsi delle tossine, dei residui e di eccessivi liquidi. La dialisi o i trapianti è i soli trattamenti per 786,000 persone negli Stati Uniti di cui i reni sono nello stadio finale di errore, chiamati End Stage malattia renale.

I trapianti sono difficili da ottenere, con quasi cinque volte altrettanti pazienti su una lista di attesa che il numero degli organi erogatori disponibili. Purtroppo, il rischio della mortalità per i pazienti sottoposti a dialisi è egualmente alto, anche confrontato ai rischi per cancro ed altre malattie.

Una nuova concessione $3 milioni dagli istituti della sanità nazionali permetterà che gli statistici alla riva del fiume, a Uc Irvine ed al UCLA del UC capiscano ed attenuino meglio i fattori che inducono questi pazienti a morire.

Ci sono approssimativamente 6.000 impianti di dialisi attraverso gli Stati Uniti, che ammontano a gran numero della gente che affronta i risultati molto incerti. Se possiamo aumentare le loro tariffe della sopravvivenza, sarà un servizio enorme a questi pazienti.„

Esra Kurum, ricercatore Co-Principale del progetto e statistico, università di California - riva del fiume

Gli statistici cominciano tipicamente con di un'analisi livella unico, significante che ognuno in una popolazione data è ammassato in singola serie di dati, Kurum ha spiegato. Per questo progetto, lei ed i suoi colleghi svilupperanno i nuovi modelli dell'analisi per raggiungere una comprensione più sfumata.

I modelli rappresenteranno il paziente, la funzione ed i fattori regionali. Questi comprendono i livelli di assunzione di personale agli impianti differenti di dialisi, periodi in cui i pazienti sono la maggior parte a rischio della morte dopo avere iniziato la dialisi e come altre condizioni mediche potrebbero complicare i risultati.

“I pazienti sottoposti a dialisi hanno spesso altre co-morbosità, compreso le malattie cardiovascolari o polmonari di depressione,„ Kurum ha detto. “Vogliamo identificare gli effetti di questi altri fattori di rischio.„

I dati per il progetto stanno venendo dal sistema dati renale degli Stati Uniti, che raccoglie e distribuisce le informazioni su quasi tutti gli impianti di dialisi nel paese. I dati mostrano che la minoranza ed i pazienti a basso reddito della nazione sono influenzati sproporzionatamente dalla malattia renale e quel genere egualmente rappresenta alcune differenze nei risultati.

“Con un insieme di dati questo vasto, potremo fornire una base per l'aiuto delle queste popolazioni più specificamente,„ Kurum ha detto. “Più non stiamo dicendo appena, “se siete femminile, il vostro rischio siamo sempre 10% più. “I risultati possono cambiare col passare del tempo e secondo dove nel paese siete.„