Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il gene offre un certo livello di protezione da Covid severo

La prima prova di un collegamento genetico che spiega perché qualche gente che cattura Covid-19 non si ammala è stata scoperta.

Un gruppo di medici scientifico e piombo dall'università di Newcastle, Regno Unito, ha dimostrato che il gene, HLA-DRB1*04: 01, sono trovati spesso tre volte nella gente che è asintomatica. Ciò suggerisce che la gente con questo gene abbia certo livello di protezione da Covid severo.

Lo studio, costituito un fondo per Innovate Regno Unito, l'agenzia per l'innovazione del Regno Unito, gente asintomatica confrontata ai pazienti dalla stessa comunità che ha sviluppato Covid severo ma non ha avuta malattie di fondo ed è pubblicato nel giornale di HLA.

Il gruppo di studio crede che questa sia la prima chiara prova della resistenza genetica perché questo studio ha paragonato la gente severamente commovente ad un gruppo asintomatico di COVID ed ha usato la generazione seguente che ordina per mettere a fuoco dettagliatamente ed al disgaggio sui geni di HLA che sono imballati insieme sul cromosoma 6. Altri studi hanno scandito l'intero genoma ma quell'approccio è meno efficace nel complesso digitante del tessuto.

Gli studi del genoma largamente possono essere paragonati ad un'immagine satellite. L'alta densità e la complessità del complesso e della variazione di istocompatibilità nella variazione significativa differente di mezzi di popolazioni possono essere trascurate. Per esempio, gli alleli differenti o le versioni dello stesso gene hanno potuto avere di fronte agli effetti sulla risposta immunitaria. Questo studio era molto messo a fuoco ed ha confrontato sintomatico ad asintomatico nella stessa popolazione che rivela le qualità “protettive„ dell'allele.

È conosciuto che il gene umano identificato, HLA-DRB1*04 dell'antigene del leucocita: 01, direttamente sono correlati alla latitudine ed alla longitudine. Ciò significa che più nel Nord ed ad ovest di Europa sia probabile gente questo gene.

Ciò suggerisce che le popolazioni di origine europea siano più probabili rimanere asintomatiche ma ancora trasmettere la malattia alle popolazioni suscettibili.

Il Dott. Carlos Echevarria dall'istituto di ricerca di traduzione e clinico, università di Newcastle che egualmente lavora come consulente respiratorio nella fiducia delle fondamenta di NHS degli ospedali di Newcastle ed è un co-author del di carta dice: “Questa è un'individuazione importante poichè può spiegare perché una certa cattura Covid della gente ma non si ammala.

“Potrebbe piombo ad una prova genetica che può indicare a chi dobbiamo dare la priorità per le vaccinazioni future.„

“Ad un livello della popolazione, questo sono importanti affinchè noi sappiano perché quando abbiamo i lotti della gente che è resistente, in modo da essi catturano Covid ma non mostrano i sintomi, poi ripartizione dei rischi il virus mentre asintomatico.„

L'effetto dei geni che sono collegati al geolocation è un concetto scientifico accettato ed è ben noto che i geni di HLA si sviluppano sopra le generazioni in reazione agli agenti patogeni malattia-causanti.

Studi l'autore, David Langton, di cui fondo aiutato ExplantLab della società lo studio attraverso un premio BRITANNICO di ricerca di innovare, aggiunto: “Alcuni dei risultati più interessanti erano le relazioni fra la longitudine e la latitudine e la frequenza genica di HLA. Lungamente è stato conosciuto che l'incidenza della sclerosi a placche aumenta con l'aumento della latitudine. Ciò è stata posata in parte all'esposizione UV diminuita e quindi ai più bassi livelli di vitamina D. Non eravamo informati, tuttavia, che uno dei geni principali di rischio per il ms, che è DRB1*15: 01, direttamente correlano alla latitudine.

“Questo evidenzia l'interazione complessa fra l'ambiente, la genetica e la malattia. Sappiamo che geni di qualche HLA sono vitamina D rispondente e quel i bassi livelli di vitamina D sono un fattore di rischio per COVID severo e stiamo facendo ulteriore lavoro in questa area.„

Lo studio ha usato i campioni da 49 pazienti con Covid severo che era stato ospedalizzato con arresto respiratorio, campioni da un gruppo asintomatico di 69 lavoratori dell'ospedale che avevano verificato il positivo con la prova sistematica dell'anticorpo di sangue e un gruppo di controllo da uno studio nella relazione fra i genotipi di HLA ed i risultati dell'ambulatorio unito della sostituzione.

La ricerca ha usato i sequenziatori della generazione seguente per studiare le versioni differenti, o gli alleli, dei geni di HLA approfonditi che si è combinata con varie competenza e modellistica. Il lavoro è stato limitato ai campioni dall'Inghilterra orientale del nord durante il primo lockdown, questa variazione diminuita nei gruppi di studio ma in più studi sarà necessaria nel Regno Unito ed altre popolazioni come ci possono essere copie differenti dei geni di HLA che forniscono la resistenza in altre popolazioni.

Il lavoro era una collaborazione fra l'università di Newcastle, la fiducia delle fondamenta di NHS degli ospedali di Newcastle, la fiducia delle fondamenta di NHS di sanità di Northumbria come pure i raccordi a T del nord dell'ospedale universitario di James Cook ed e la fiducia delle fondamenta di NHS degli ospedali di Hartlepool.

Il SAR Cov-2 è una di più grandi minacce che l'umanità abbia affrontato. Di più che capiamo perché qualche gente ci ammaliamo, meglio possiamo difenderci contro questo virus ed altri come in futuro.„

Sir John Burn, co-author, il professor della genetica clinica all'università di Newcastle

Source:
Journal reference:

Langton, D.J., et al. (2021) The influence of HLA genotype on the severity of COVID-19 infection. HLA. doi.org/10.1111/tan.14284.