Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I farmaci di ADHD possono ridurre il rischio di suicidio in bambini con l'iperattività, disordini comportamentistici

I farmaci di ADHD possono ridurre il rischio di suicidio in bambini con l'iperattività, la sfida oppositiva ed altri disordini comportamentistici, secondo la nuova ricerca dall'istituto del cervello di durata della vita (LiBI) dell'ospedale pediatrico di Filadelfia (CHOP) e dell'università della Pennsylvania. I risultati, pubblicati oggi nella rete di JAMA aperta, indirizzano uno spazio significativo di conoscenza nel rischio di suicidio di infanzia e potrebbero informare le strategie di prevenzione di suicidio in un momento in cui il suicidio fra i bambini è sull'aumento.

Questo studio è un punto importante nello sforzo tanto necessario della prevenzione di suicidio di infanzia, poichè fa leva i dati raccolti da circa 12.000 bambini degli Stati Uniti per identificare un obiettivo perseguibile per diminuire i suicidi di infanzia. La diagnosi precoce ed il trattamento dei sintomi comportamentistici con il farmaco di ADHD, specialmente fra i bambini con i sintomi di realizzazione severi, possono servire non solo a migliorare i problemi di comportamento e dell'apprendimento, ma anche a fare diminuire il rischio di suicidio.„

Ha eseguito Barzilay, il MD, PhD, studiano l'assistente universitario senior del ADN dell'autore, istituto del cervello di durata della vita

Le tariffe di suicidio fra i bambini stanno aumentando costantemente. Secondo il CDC, il suicidio era nel 2018 la seconda causa della morte principale fra le persone fra le età di 10 e di 24. Eppure le tariffe sono ancora relativamente basse in bambini preadolescenti, rendente lo difficile identificare i fattori a cui può piombo o impedire le tendenze suicide in questo intervallo di età. Ulteriormente, ci sono limitazioni etiche nell'iscrizione della gioventù potenzialmente suicida ai test clinici ripartiti con scelta casuale controllati a placebo.

“In un mondo ideale, vogliamo verificare un effetto del farmaco sul suicidio con una prova futura ripartita con scelta casuale,„ Barzilay ha detto. “Ma dato le sfide di conduzione dei tali studi, siamo costretti come società e come scienziati a generare le comprensioni cliniche facendo uso dei dati raccolti negli studi d'osservazione su grande scala dei bambini.„

I ricercatori di LiBI, di concerto con il gallone Shoval, MD dell'università di Tel Aviv, hanno aggirato questa barriera facendo leva i dati dallo studio conoscitivo dello sviluppo del cervello (ABCD) adolescente. Come il più grande studio a lungo termine sullo sviluppo e sulla salubrità del cervello nel paese, il campione di studio di ABCD include un gruppo di 11.878 bambini fra le età di 9 e di 10 chi sono stati reclutati attraverso i sistemi scolastici.

Il gruppo misura 21 sito attraverso gli Stati Uniti, comprendendo più di 20% della popolazione degli Stati Uniti in questo gruppo d'età e comprende i dati completi sullo sviluppo di bambino, compreso i dati su salubrità mentale, sociale ed emozionale. La grandezza e la larghezza dei dati raccolti nello studio di ABCD hanno permesso che il gruppo di ricerca gestisse per i confounders multipli e dividesse specificamente l'associazione dei farmaci di ADHD con le tendenze suicide.

Eseguendo un'analisi secondaria dei dati di studio di ABCD, i ricercatori di LiBI hanno trovato quello dei 11.878 bambini nello studio, 8,5% sono stati trattati con il farmaco di ADHD, quali metilfenidato, Adderall o clonidina e 8,8% hanno riferito il suicidio passato o corrente. I ricercatori hanno trovato che i bambini che esprimono le tendenze suicide hanno avuti più sintomi di realizzazione ed erano più probabili ricevere il farmaco di ADHD che i bambini non suicidi.

Tuttavia, fra i bambini che hanno dimostrato i comportamenti di realizzazione significativi, quelli che catturano i farmaci di ADHD hanno avuti poche probabilità per il suicidio, suggerenti un ruolo di moderazione per i farmaci di ADHD in questi bambini.

per studiare se questo effetto resistito a, i ricercatori ha analizzato i dati dalle valutazioni di un anno di seguito dei partecipanti. Hanno trovato che i bambini con gli alti sintomi di realizzazione che sono stati trattati con i farmaci di ADHD al riferimento erano meno probabili essere un anno suicida più successivamente. I bambini che non stavano ricevendo i farmaci di ADHD al riferimento ma hanno avuti sintomi di realizzazione di livello erano più probabili essere suicidi a seguito di un anno.

“Dato la connessione fra il suicidio di infanzia e la salute mentale adulta del povero, questi risultati sottolineano l'importanza di migliore e selezione più accurata dei bambini banco-vecchi per la realizzazione dei sintomi comportamentistici,„ Barzilay ha detto. “Questi sintomi sono trattabili ed indirizzarli presto hanno il forte potenziale di impedire più successivamente ed attenuare le emissioni di salute mentale serie nella vita.„

Source:
Journal reference:

Shoval, G., et al. (2021) Evaluation of ADHD medications, externalizing symptoms, and suicidality in children. JAMA Network Open. doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2021.11342.