Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli sforzi per diminuire il tempo dei pazienti sul ventilatore possono risparmiare la loro sofferenza e liberare le risorse di ICU

Gli sforzi più attivi per diminuire il tempo dei pazienti su un ventilatore in un ICU possono sia risparmiare la loro sofferenza che liberare le risorse di terapia intensiva, una tesi all'università di manifestazioni di Gothenburg.

La ventilazione meccanica (MV) in un'unità di cure intensive (ICU) è spesso necessaria salvare la vita di un paziente. Ma il soggiorno prolungato in ICU egualmente aumenta i rischi di complicazioni severe e di più alta mortalità.

Catturando i pazienti fuori dal ventilatore in moda da potere respirare i pazienti spontaneo è solitamente diretta. Tuttavia, lo svezzamento prolungato dai sistemi MV più di una settimana può essere complicato. Il trattamento richiede le diverse strategie che, a loro volta, richiedono gli infermieri critici di cura (CCN) e le abilità avanzate nella cura team.

La tesi esplora la cura dei pazienti adulti che richiedono i sistemi MV sette o più giorni e, di conseguenza, un periodo più lungo di svezzamento dal ventilatore. Cri Carl-Johan Cederwall, PhD nella salubrità e le scienze di cura all'accademia di Sahlgrenska, è egualmente i CCN all'ospedale universitario di Sahlgrenska.

“I pazienti che ricevono la cura del ventilatore per i lungi periodi sono spesso uomini, ma anche pazienti più anziani con ad alto livello dei comorbidities. Una popolazione di invecchiamento è quindi una sfida alla sanità e sta andando richiedere le risorse di ICU in futuro,„ dice.

La tesi è basata sui dati raccolti dalla registrazione e dai questionari svedesi di terapia intensiva spediti al ICUs di quasi tutta la Svezia. Le interviste approfondite egualmente sono state condotte con 19 CCNs intensivo.

I risultati hanno indicato che terapia intensiva che comprende i sistemi MV i sette giorni o di più caratterizzato in 5% di tutte le ammissioni dell'adulto ICU, ma 32% occupato del numero dei giorni del letto di ICU.

Un altro scopo della tesi era di identificare il gruppo paziente, le routine di cura e la presenza di cura persona-centrata durante lo svezzamento prolungato. Solitamente, questa cura pianificazione determinato e le decisioni di cura sono state prese dal gruppo di cura nella collaborazione.

Il CCN ha svolto un ruolo chiave nella creazione del gruppo lavorante e nel dare la priorità, nell'inizio e nell'azionamento al di andata trattato di svezzamento.„

Carl-Johan Cederwall, autore di PhD, salubrità e scienze di cura all'accademia di Sahlgrenska

In la maggior parte del ICUs esaminato, le routine sono state basate su cura persona-centrata e la partecipazione paziente stava mancando di. Tuttavia, la cura persona-centrata era presente durante il trattamento di svezzamento. Le barriere identificate erano mancanza di lavoro di squadra e mancanza di risorse.

Il tempo della riduzione sui sistemi MV, combinati con cura più efficace, avrebbe un effetto sostanziale nelle risorse acute di ICU. Allo stesso tempo, il ventilatore prolungato che svezza, che richiede il lavoro di squadra correttamente di funzionamento, probabilmente sarebbe facilitato dalla conduzione esclusivamente da terapia intensiva acuta, in una regolazione con le risorse per lo svezzamento prolungato, Cederwall pensa.

Tentando d'ottenere una cura persona-centrata durante la ventilazione meccanica prolungata potrebbe fare ulteriore individualizzazione e partecipazione del paziente possibile, diminuire il soggiorno di ICU ed i rischi di complicazioni più serie,„ conclude.