Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio esamina le scansioni di cervello dei pazienti COVID-19

In un giornale dell'analisi di Neuroimaging dei dati ottenuti da 193 pazienti con COVID-19 che ha avuto la rappresentazione della spina dorsale e/o del cervello e una foratura lombare a causa dei sintomi neurologici, i ricercatori hanno trovato che i risultati della rappresentazione sono stati collegati con la presenza di SARS-CoV-2 nel liquido cerebrospinale.

I risultati sono stati chiamati lesioni di iperintensa del sistema nervoso centrale e potenziamento leptomeningeal. Dieci per cento dei pazienti con le lesioni di iperintensa nel cervello/spina dorsale hanno fatti un risultato dei test positivo di PCR confrontare per SARS-CoV-2 nel liquido cerebrospinale, senza i pazienti senza lesioni di iperintensa nel cervello/spina dorsale.

Venticinque per cento dei pazienti con il potenziamento leptomeningeal hanno fatti un risultato dei test positivo di PCR rispetto per SARS-CoV-2 nel liquido cerebrospinale, a 5% dei pazienti senza potenziamento leptomeningeal.

La comprensione della relazione fra la rappresentazione ed i risultati del liquido cerebrospinale può migliorare la comprensione dei sintomi neurologici in pazienti con COVID-19. Sebbene le lesioni di iperintensa nel cervello/spina dorsale e nel potenziamento leptomeningeal siano associate con la presenza di SARS-CoV-2 nel liquido cerebrospinale, è importante riconoscere che una PCR positiva SARS-CoV-2 nel liquido cerebrospinale è rara.„

Ariane Lewis, MD, autore principale di studio, centro medico di NYU Langone

“Questi risultati della rappresentazione sono principalmente il risultato di infiammazione, ipossia, o ischemia, piuttosto che infezione, del sistema nervoso centrale,„ ha detto l'autore principale Ariane Lewis, MD, del centro medico di NYU Langone.

Source:
Journal reference:

Lewis, A., et al. (2021) COVID-19 associated brain/spinal cord lesions and leptomeningeal enhancement: A meta-analysis of the relationship to CSF SARS-CoV-2. Journal of Neuroimaging.  
doi.org/10.1111/jon.12880.