Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le circostanze più calde non sono abbastanza per impedire COVID-19 la trasmissione, manifestazioni della ricerca

La nuova trasmissione di manifestazioni della ricerca del virus dietro COVID-19 varia secondo la stagione, ma le circostanze più calde non sono abbastanza per impedire la trasmissione.

Lo studio, piombo dai ricercatori imperiali di Londra dell'istituto universitario e pubblicato oggi negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze, è il primo per comprendere i dati ambientali nei modelli epidemiologici della trasmissione di SARS-CoV-2, il virus dietro COVID-19.

La manifestazione del gruppo che la temperatura e la densità demografica sono la maggior parte dei fattori importanti che determinano quanto il virus si sparge facilmente, ma soltanto in assenza delle misure dilimitazione, quali i lockdowns.

I nostri risultati indicano che i mutamenti di temperatura hanno un effetto molto più leggero sulla trasmissione che gli interventi di polizza, in modo da mentre la gente rimane unvaccinated, i governi non devono cadere le polizze come i lockdowns e sociale che distanzia solo perché i mezzi che stagionali di un cambiamento il tempo sta riscaldando.

Tuttavia, il nostro lavoro egualmente suggerisce che le temperature più basse dell'inverno e di autunno possano piombo al virus che si sparge più facilmente in assenza degli interventi di polizza o dei cambiamenti comportamentistici.„

Dott. Tom Smith, primo autore, dipartimento delle scienze biologiche, istituto universitario imperiale Londra

La variazione stagionale è stata una sorgente di incertezza nelle previsioni della trasmissione SARS-CoV-2. Altri virus, come i virus di influenza ed altri coronaviruses, sono conosciuti per essere influenzati dai fattori ambientali. Per esempio, le temperature elevate e la bassa umidità diminuiscono la trasmissione delle goccioline respiratorie, impedente la diffusione di influenza. Le temperature elevate egualmente sono conosciute per inattivare altri coronaviruses nell'aria e sulle superfici.

Tuttavia, quantificando gli effetti dei fattori ambientali compreso la temperatura, l'umidità e la radiazione UV (sole) sulla trasmissione SARS-CoV-2 è stata difficili durante la pandemia, poiché i fattori umani come densità demografica e comportamento sono stati i driver principali della trasmissione.

Le differenze negli interventi e nel caso-conteggio fra i paesi e le regioni egualmente rende confrontando i fattori ambientali su scala globale difficile, particolarmente come alcuni paesi, come il Brasile, l'India e l'Iran, ha alta trasmissione malgrado avere climi più caldi.

Di conseguenza, pochi modelli epidemiologici hanno compreso i dati ambientali e quelli che presuppongono che la risposta di SARS-CoV-2 fosse identica ad altri coronaviruses, poichè c'è una mancanza di dati di SARS-CoV-2-specific.

per riempire questo spazio, il gruppo, dai dipartimenti delle scienze biologiche e della matematica al centro imperiale e come pure imperiale di MRC per analisi globale della malattia infettiva ed all'Utah State University, trasmissione confrontata attraverso U.S.A. Il paese ha una vasta gamma di climi con le polizze ed i numeri comparabili di caso, permettendo che l'impatto dei fattori ambientali sia preso in giro fuori.

Hanno trovato la prova ben fondata che la temperatura più insufficiente e il più alta densità demografica sono entrambe l'associato con il più alta trasmissione SARS-CoV-2.

Piombo il Dott. Will Pearse del ricercatore, dal dipartimento delle scienze biologiche ad imperiale, avuto detto: “Mentre la temperatura e la densità demografica influenzano la trasmissione SARS-CoV-2, i nostri risultati riconfermano che i driver più importanti sono ordine pubblico e comportamento determinato. Per esempio, durante i lockdowns, non c'era impronta significativa della temperatura che influenza la trasmissione.

“Questo mezzi, per esempio, che le regioni più calde non dovrebbero invitare per facilitare le restrizioni di mobilità prima delle regioni più fredde. Ciò è particolarmente vera poichè le regioni più calde tendono ad avere più alte densità demografiche - per esempio, la popolazione in Florida è imballata più densamente che nel Minnesota.„

I ricercatori ora stanno estendendo il loro studio fino le nuove varianti e che dicono che i loro risultati ambientali dovrebbero essere compresi nelle previsioni per migliorare le previsioni della diffusione di malattia.

Studi il Dott. Ilaria Dorigatti del co-author, dal centro di MRC per l'analisi globale della malattia infettiva ad imperiale, ha detto: “Abbiamo trovato la prova che, nelle fasi in anticipo della pandemia, i posti con le temperature più fredde sono stati associati con le più alte intensità della trasmissione SARS-CoV-2. Tuttavia, l'effetto di carattere stagionale climatico sulla trasmissione SARS-CoV-2 è più debole dell'effetto di densità demografica ed a sua volta, degli interventi di polizza.

“Questo implica che, poichè avanziamo verso l'estate nell'emisfero nord, le decisioni di politica sanitaria di salute pubblica rimangano di importanza critica per controllo epidemico e l'aderenza alle raccomandazioni continuerà a svolgere un ruolo chiave contro la trasmissione SARS-CoV-2.„

Source:
Journal reference:

Smith, T.P., et al. (2021) Temperature and population density influence SARS-CoV-2 transmission in the absence of nonpharmaceutical interventions. PNAS. doi.org/10.1073/pnas.2019284118.