Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia metabolica Ketogenic ha potuto lavorare sinergico con il glioblastoma di IDH1-mutant

Un uomo britannico che ha rifiutato il livello di cura per curare il suo tumore al cervello ha vissuto con il tumore tipico interno di glioblastoma che cresce molto lentamente dopo l'adozione della dieta ketogenic, fornente uno studio finalizzato che i ricercatori dicono riflette i vantaggi di usando il proprio metabolismo dell'organismo per combattere questo cancro particolarmente aggressivo invece del chemo e della radioterapia.

Pubblicato recentemente nelle frontiere del giornale in nutrizione, il rapporto è la prima valutazione dell'uso della terapia metabolica ketogenic (KMT) senza interventi di radiazione o di chemo, su un paziente diagnosticato con il glioblastoma di IDH1-mutant (GBM). La terapia Ketogenic è un approccio nutrizionale non tossico, osservato come complementare o alternativo, che usa una povera di carboidrati, dieta ad alta percentuale di grassi per gestire un intervallo dei cancri, compreso il glioblastoma.

In questo caso particolare, il tumore del paziente ha contenuto una mutazione, conosciuta come il IDH1. Questa mutazione si acquista per caso ed è conosciuta per migliorare la sopravvivenza globale. Così i risultati sono particolarmente pertinenti ad altri pazienti di cui i tumori contengono questa mutazione, secondo professore dell'istituto universitario di Boston di biologia Thomas Seyfried, un co-author del rapporto e di un autorevole ricercatore che lungamente ha sostenuto i vantaggi del KMT per trattare la malattia.

Poichè GBM, come la maggior parte dei cancri maligni, dipende da fermentazione per la sintesi di energia e sopravvivenza, la restrizione simultanea dei combustibili fermentabili, quali glucosio e glutamina, mentre elevando gli enti di chetone non fermentabili, offre una strategia terapeutica non tossica per la gestione del GBM. Ulteriori studi saranno necessari verificare questa ipotesi in altri pazienti diagnosticati con GBM.„

Thomas Seyfried, co-author di studio ed autorevole ricercatore, il professor di biologia, istituto universitario di Boston

Le uccisioni di Glioblastoma circa 15,000 persone ogni anno e rimane in gran parte incontrollabili. Mentre il livello di cura si è spostato alle nuove immunoterapie, il periodo di sopravvivenza mediano di 11 - 15 mesi per GBM non è migliorato significativamente per più di 100 anni, secondo i co-author.

Una serie di casi di gran rilievo hanno illustrato la progressione micidiale di GBM. Il senatore recente John McCain degli Stati Uniti è stato diagnosticato all'età 80 con il glioblastoma nel luglio 2017 ed è morto nell'agosto 2018. Gli Stati Uniti Senatore Edward M. Kennedy ha vissuto per un anno dopo la sua diagnosi con GBM, morendo all'età 77. Il damerino Biden, il figlio di Presidente Joe Biden degli Stati Uniti, è stato diagnosticato all'età 44 con GBM nell'agosto 2013 ed è morto nel maggio 2015.

Il livello di cura corrente per GBM comprende la resezione, la radiazione e la chemioterapia chirurgiche, che sono stati indicati negli studi per provocare la tossicità significativa. Tuttavia, i test clinici su grande scala per le terapie alternative sono difficili da iniziare, autorevoli ricercatori per esaminare con attenzione i diversi casi.

Il paziente in questo caso è stato diagnosticato con il glioblastoma nel 2014 ed ha evitato il livello di cura tradizionale ed invece ha intrapreso una dieta ketogenic auto-diretta -- minimo in carboidrati e su in grasso -- in uno sforzo per gestire il suo cancro.

I ricercatori trovati “il tumore del paziente hanno continuato a svilupparsi molto lentamente su un periodo triennale senza edema vasogenic previsto fino al 2017,„ secondo Seyfried ed i suoi co-author, il ricercatore Purna Mukherjee, Aditya Shivane, MD dell'istituto universitario di Boston, della fiducia di Plymouth NHS dell'ospedale universitario, nel Regno Unito, il dietista basato negli Stati Uniti Miriam Kalamian, il marrone rossiccio di Joseph, MD, dell'università di Pittsburgh e di Giulio Zuccoli, MD, della scuola di medicina di Drexel University

A quel punto, il paziente ha subito “debulking chirurgico„ del suo tumore. L'esemplare di patologia ha confermato la diagnosi di GBM e che il tumore del paziente egualmente ha contenuto la mutazione IDH1.

“A seguito di chirurgia, il paziente ha continuato con una dieta ketogenic autosomministrata a mantenere i valori di indice analitico bassi del chetone (GKI) del glucosio, indicativi della chetosi terapeutica,„ i ricercatori riferiscono. “Alla luce della progressione lenta continuata del tumore residuo, il paziente ha intensificato il suo KMT che comincia nell'ottobre 2018 con l'inclusione delle tecniche di consapevolezza diminuire lo sforzo. Mentre l'imaging a risonanza magnetica (MRI) mostra la progressione lenta del tumore di intervallo, il paziente rimane vivo con una buona qualità di vita ai tempi di questo rapporto.„ È ora a 82 mesi dalla diagnosi originale.

“Siamo stati sorpresi scoprire che il KMT potrebbe lavorare sinergico con la mutazione IDH1 per mirare simultaneamente alle due vie metaboliche principali state necessarie per determinare la crescita di GBM,„ abbiamo detto Seyfried. “Il glucosio determina la via di glicolisi, mentre la glutamina determina la via di glutaminolysis.„

Ha aggiunto: “Nessun tumore, compreso GBM, può sopravvivere a senza glucosio e glutamina. Il nostro studio ha identificato un meccanismo novello da cui una mutazione somatica acquistata agisce sinergico con un carboidrato basso, dieta ad alta percentuale di grassi per fornire la gestione a lungo termine di un tumore cerebrale micidiale.„

Malgrado l'interesse coercitivo in tali diversi studi finalizzati, la nota dei co-author: “Non possiamo predire se la risposta terapeutica al KMT veduto nel nostro paziente di GBM inoltre sarà veduta in altri pazienti similmente curati di GBM. Per quei pazienti di GBM abbastanza fortunati acquistare la mutazione spontanea IDH1 nel loro tumore, la glutamina che mira alle droghe usate con il KMT sarà necessaria da diminuire la crescita del tumore.„

I ricercatori hanno notato che gli studi che supplementari hanno intrapreso hanno indicato che l'ottimizzazione simultanea della disponibilità della glutamina e del glucosio, facendo uso del KMT e di un inibitore pan--glutaminase - conosciuto come 6 diazo-5-oxo-L-norleucine (DON) - può prolungare significativamente la sopravvivenza in glioblastomas syngeneic preclinici in mouse. La ricerca più iniziale ha indicato che le diete ketogenic possono facilitare la consegna delle droghe terapeutiche della piccolo-molecola attraverso la barriera ematomeningea senza tossicità.

Source:
Journal reference:

Seyfried, T. N., et al. (2021) Ketogenic Metabolic Therapy, Without Chemo or Radiation, for the Long-Term Management of IDH1-Mutant Glioblastoma: An 80-Month Follow-Up Case Report. Frontiers in Nutrition. doi.org/10.3389/fnut.2021.682243.