Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio identifica i meccanismi da cui COVID-19 può piombo alla demenza del tipo di malattia di Alzheimer

Nuovo da uno studio guidato da clinica di Cleveland ha identificato i meccanismi da cui COVID-19 può piombo alla demenza del tipo di malattia di Alzheimer. I risultati, pubblicati nella ricerca di Alzheimer & nella terapia, indicano che una sovrapposizione fra COVID-19 ed il cervello cambia il terreno comunale in Alzheimer e può contribuire ad informare la gestione dei rischi e le strategie terapeutiche per danno conoscitivo di COVID-19-associated.

I rapporti delle complicazioni neurologiche in pazienti COVID-19 e nei pazienti “del a lungo trasportatore„ di cui i sintomi persistono dopo che le radure di infezione stanno diventando più comuni, suggerenti quel SARS-CoV-2 (il virus che causa COVID-19) possono avere effetti durevoli sulla funzione del cervello. Tuttavia, non è ancora buono capita come il virus piombo alle emissioni neurologiche.

Mentre alcuni studi suggeriscono che SARS-CoV-2 infetti direttamente le cellule cerebrali, altri non hanno trovato prova del virus nel cervello. L'identificazione come COVID-19 ed i problemi neurologici sono collegati sarà critica per sviluppare le efficaci strategie preventive e terapeutiche per indirizzare l'impulso nei danni neurocognitive che pensiamo vedere nell'immediato futuro.„

Feixiong Cheng, PhD, autore principale di studio e personale dell'assistente, clinica di Cleveland, istituto genomica della medicina

Nello studio, i ricercatori hanno sfruttato l'intelligenza artificiale facendo uso dei gruppi di dati attuali dei pazienti con Alzheimer e COVID-19. Hanno misurato la prossimità fra i geni ospite SARS-CoV-2/le proteine e quelle connessi con parecchie malattie neurologiche dove la prossimità più vicina suggerisce le vie relative o comuni di malattia. I ricercatori egualmente hanno analizzato i fattori genetici che hanno permesso a SARS-COV-2 di infettare i tessuti cerebrali e le celle.

Mentre i ricercatori hanno trovato poca prova che il virus mira direttamente al cervello, hanno scoperto le relazioni vicine della rete fra il virus ed i geni/proteine connesse con parecchie malattie neurologiche, specialmente Alzheimer, indicante le vie da cui COVID-19 potrebbe piombo a demenza del tipo di annuncio. Per esplorare questo ulteriore, hanno studiato le associazioni potenziali fra COVID-19 e la lesione microvascolare del cervello e di neuroinflammation, che sono entrambi gli marchi di garanzia di Alzheimer.

“Abbiamo scoperto che l'infezione SARS-CoV-2 ha alterato significativamente gli indicatori di Alzheimer implicati nell'infiammazione del cervello e che determinati fattori virali dell'entrata altamente sono espressi in celle nella barriera ematomeningea,„ abbiamo spiegato il Dott. Cheng. “Questi risultati indicano che il virus può urtare parecchi geni o vie coinvolgere nella lesione microvascolare del cervello e di neuroinflammation, in grado di piombo al danno conoscitivo del tipo di malattia di Alzehimer.„

I ricercatori egualmente hanno trovato che le persone con l'allele APOE E4/E4, il più grande fattore di rischio genetico per Alzheimer, avevano fatto diminuire l'espressione dei geni antivirali della difesa, in grado di rendere questi pazienti più suscettibili di COVID-19.

“Infine, speriamo di aprire la strada per la ricerca che quella piombo a saggiabile e biomarcatori misurabili che possono identificare i pazienti all'elevato rischio per le complicazioni neurologiche con COVID-19,„ ha detto il Dott. Cheng.

Il Dott. Cheng ed il suo gruppo ora sta lavorando per identificare i biomarcatori perseguibili ed i nuovi obiettivi terapeutici per le emissioni neurologiche di COVID-19-associated in a lungo trasportatori di COVID facendo uso delle tecnologie della medicina di avanguardia della rete e di intelligenza artificiale.

Source:
Journal reference:

Zhou, Y., et al. (2021) Network medicine links SARS-CoV-2/COVID-19 infection to brain microvascular injury and neuroinflammation in dementia-like cognitive impairment. Alzheimer's Research and Therapy. doi.org/10.1186/s13195-021-00850-3.