Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra la possibilità di usando la realtà virtuale olfattiva ad ansia, a dolore ed allo sforzo di indirizzo

I risultati da uno studio sulla possibilità di indirizzo l'ansia, il dolore e dello sforzo con realtà virtuale olfattiva (OVR) - un nuovo modulo di VR che comprende l'odorato nella sua realtà aumentata - dipingono una più chiara maschera per gli psichiatri clinici circa come potrebbe essere usata a sicuro e efficacemente disordini di salute mentale e di umore di guida. Che cosa è più, tiene la promessa per accesso e l'inclusione migliori dei pazienti incastrati dalle limitazioni o dai vincoli fisici, quali mobilità, comorbidities e la sicurezza pazienti.

Edilizia sulla ricerca precedente che prova l'efficacia di VR “nella distrazione per dolore e procedure mediche, rilassamento e calmare e terapia di immersione per il trauma, PTSD e le fobie,„ lo studio -; pubblicato dal giornale delle scienze di salubrità e di ricerca medica questa primavera -; fornisce la prova che stimolare il sistema olfattivo via profumo nelle realtà virtuali professionista-amministrate può avviare la memoria, la cognizione e l'emozione e può migliorare i vantaggi terapeutici delle realtà aumentate che mirano ai disordini cronici di dolore, di ansia e di umore.

“Le sessioni di OVR… sono state messe a fuoco sulla creazione del più immersive, realistico, evocativo, significativo e [l'esperienza emozionale di realtà virtuale ed alterata],„ spiega lo studio piombo da David Tomasi - uno psicologo clinico e uno psicoterapeuta al centro medico di UVM (UVMMC) e un insegnante di salubrità integrante all'università di Vermont - “tenendo conto degli oggetti iscritti ivi per entrare calmare ed in un ambiente realistico, per fare diminuire la quantità di ansia, sforzo e per fare soffrire con esperienza.„

Tomasi e un gruppo degli psicoterapeuti all'instituto di psichiatria del ricoverato di UVMMC hanno collaborato con la tecnologia di OVR, Burlington, alla la società basata a Vermont che si specializza nella realtà virtuale olfattiva in questo contesto, per progettare un rilassamento, la foresta virtuale ed il campeggio che potrebbero essere indipendente, completamente sperimentati in una superficie di appena 100 piedi quadrati. Facendo uso di software, scentware e hardware forniti dalla tecnologia di OVR, il gruppo ha creato una simulazione completa con una tenda virtuale, tabella di picnic, pozzo dell'incendio, registri ed altri oggetti per toccare e gli aromi di bacon fresco ed ha tostato le caramelle gommosa e molle.

“a OVR, progettare i nuovi profumi è un trattamento di collaborazione fra cui il risultato desiderato è dell'esperienza, con cui ha significato dato gli stimoli uditivi e visivi,„ dice il vicepresidente di Scentware per la tecnologia Sara Socia di OVR, che ha collaborato sullo studio. “Mettiamo a fuoco sull'intera esperienza -; la miscela di audio, stimoli visivi ed olfattivi che provocano l'esperienza e poi le sensibilità segue il vestito.„

Partecipanti -; tutti i pazienti della psichiatria del ricoverato quell'atto volontario hanno partecipato allo studio -; sono stati immersi nell'ambiente del campo della foresta per 8-12-minutes, nelle sessioni settimanali di OVR che hanno coinciso con le loro pianificazioni cliniche standard del trattamento. A seguito delle sessioni di OVR, i partecipanti hanno riferito i miglioramenti significativi ed immediati ai loro livelli di ansia, di sforzo e di dolore che hanno durato fino a tre ore dopo una sessione.

Fra i forti progressi riferiti dai partecipanti erano i livelli diminuiti di ansia. Chiesto in tutto le sessioni di valutare la loro ansia livella approssimativamente su una scala di 1 - di 10 (con 1 che sono il più basso e 10 il più alto), quasi della metà dei partecipanti (45,6%) stimati i loro livelli di ansia prima di OVR come i 9 o 10. le stesse percentuali dei partecipanti (44,6%) stimati i loro livelli di ansia subito dopo della sessione come un 1 o 2. Fra un'- tre ore più successivamente, la metà dei partecipanti (50%) stimati la loro ansia livella come i 2 o 3. In tutto, l'ansia dei partecipanti ha caduto una mediana di 5 livelli dall'inizio alla fine con il trattamento.

OVR ha permesso i pazienti di cui le circostanze li hanno esclusi da attività fisica e dall'esposizione alla natura virtualmente ad attività fisica di esperienza in natura con i simili suoni, viste ed odori ad uno scenario nell'ambiente. Quelle simili sensazioni hanno evocato le memorie e le risposte che hanno diminuito l'ansia ed hanno migliorato l'umore, appena poichè l'esperienza reale.„

David Tomasi, psicologo clinico e psicoterapeuta al centro medico di UVM (UVMMC) ed insegnante di salubrità integrante all'università di Vermont

Mentre lo studio era anni nella fabbricazione, riflette i dati raccolti sopra una portata di quattro mesi fra settembre e dicembre 2020 -; un punto critico nella pandemia COVID-19. Cronometrare certamente non era ideale, Tomasi dice, ma la circostanza improbabile ha aperto una finestra di lato positivo che ha portato la nuova comprensione al potenziale di OVR nel contesto di isolamento sociale forzato.

“Le restrizioni aggiunte COVID-19, sopra già molto una limitazione della situazione per molte persone che soffrono con i disordini di salute mentale, hanno presentato una sfida molto difficile alla ricerca,„ dice. “Tuttavia, possiamo dire che precisamente a causa di questa situazione, potevamo vedere quanto importante questo approccio è di aiutare la salute mentale in generale.„

Source:
Journal reference:

Tomasi, D., et al. (2021) Olfactory Virtual Reality (OVR) for Wellbeing and Reduction of Stress, Anxiety and Pain. Journal of Medical Research and Health Sciences. doi.org/10.15520/jmrhs.v4i3.322.