Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le Filippine pronte male per occuparsi di COVID-19, rapporto dice

Malgrado una risposta iniziale di malattia di coronavirus (COVID-19) contro il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo, le Filippine continua ad affrontare with i casi d'ascesa, che hanno raggiunto oltre 1,3 milione casi totali il 15 giugno 2021.

Studio: Risposta iniziale a COVID-19 nelle Filippine. Credito di immagine: aldarinho/Shutterstock.com

I ricercatori all'istituto universitario di medicina all'università delle Filippine Manila, con i collaboratori alla scuola di medicina e la salute pubblica all'università di Ateneo de Manila, hanno descritto le sfide e la risposta iniziale delle Filippine a COVID-19. A questo scopo, i ricercatori hanno messo a fuoco sulle restrizioni di viaggio, sugli interventi della comunità, sulla comunicazione di rischio e sulla prova fra il 30 gennaio 2020 che era quando il primo caso nel paese è stato riferito e 21 marzo 2020.

In questo pari-ha esaminato lo studio, che è stato pubblicato nella sorveglianza (WHO) dell'organizzazione mondiale della sanità e nel giornale pacifici occidentali di risposta (WPSAR), gli autori discutono la sorveglianza di e la risposta agli eventi di salute pubblica nella regione pacifica occidentale. Infine, i ricercatori hanno concluso che la risposta iniziale delle Filippine alla preparazione organizzativa mancata di pandemica COVID-19.

Emergenze di salute pubblica nelle Filippine

Come paese in via di sviluppo, le Filippine hanno avvertito alcuni miglioramenti in suo sistema sanitario negli ultimi dieci anni. Malgrado questo, il paese continua ad affrontare le varie sfide nella sua risposta alle emergenze di salute pubblica.

È stimato che le Filippine abbia circa 10 letti di ospedale e sei medici per 10,000 persone che, catturate insieme, ammontano a soltanto 2.335 letti critici in tutta la nazione. Pricipalmente, le risorse disponibili di sanità sono messe a fuoco nelle aree urbane, mentre le zone rurali avvertono una mancanza di medici disponibili. All'interno di queste zone rurali, soltanto un medico è disponibile per una popolazione di 20,000 persone, con soltanto un letto disponibile per una popolazione di 1.000.

Sebbene i centri sanitari della comunità ed i lavoratori locali di sanità comprendano il sistema di pronto intervento nella nazione, spesso resourced male con la capacità limitata dell'impulso. Ancora, mentre l'ente locale ha pianificazioni di preparazione di disastro, queste pianificazioni sono progettate per le calamità naturali, che il paese avverte spesso, piuttosto che per gli scoppi di malattia.

Restrizioni di viaggio

Il primo caso COVID-19 nelle Filippine è stato riferito il 30 gennaio 2020. Da ora a marzo, i casi sono aumentato significativamente, che hanno spinto il governo a mettere la parte settentrionale del paese, Luzon, in una quarantena o in un lockdown (ECQ) migliorata della comunità dal 15 marzo.

Il governo filippino ha applicato le restrizioni di viaggio già 28 gennaio 2020. Mentre questo ha impedito la diffusione del virus, i viaggiatori dalle aree che non erano incluse sulla lista dei paesi limitati non erano conforme ai protocolli rigorosi di quarantena e della selezione. Nel frattempo, quelli dai paesi limitati sono stati sottoposti ad una quarantena dei 14 giorni, alla prova ed al tracciato del contatto.

Nelle settimane primissime dopo che queste restrizioni sono state stabilite, la diffusione COVID-19 è stata ritardata. Tuttavia, come il tempo passato, i casi COVID-19 ha cominciato ad aumentare dovuto la trasmissione virale all'interno delle comunità, specialmente dalla gente che non ha avuta cronologia priore di viaggio.

Interventi della Comunità

Quando il lockdown o il ECQ è stato applicato in Luzon, che metropolitana inclusa Manila, le famiglie sono state collocate su quarantena domestica rigorosa. Questa quarantena ha consistito della quarantena domestica rigorosa in tutte le famiglie, ad eccezione di quando persone state necessarie per acquistare l'alimento essenziale ed i servizi sanitari.  

Misure supplementari che sono state applicate durante questo tempo hanno compreso gli schemi della lavoro-da-casa, la sospensione delle classi e dell'istruzione di apprendimento a distanza, la chiusura di trasporto pubblico e degli stabilimenti industriali non indispensabili come pure il fisico medica che distanzia e la proibizione delle riunioni pubbliche.

Queste misure hanno rallentato con successo la diffusione del virus; tuttavia, era difficile affinchè il governo applichi queste restrizioni per i periodi estesi a causa dei loro impatti economici severi.

Sebbene l'ordine del lockdown sia appena per l'isola di Luzon, i sistemi di salubrità non sono stati sopraffatti. Infatti, i regolamenti di quarantena hanno dato alle Filippine l'opportunità di mobilizzare le risorse ed organizzare la sua risposta pandemica.

Comunicazione di rischio

Durante il lockdown, il governo filippino si è assicurato che tutte le pianificazioni ed informazioni sulla pandemia COVID-19 si distribuissero a tutti i residenti e cittadini. Il governo egualmente ha rinforzato le sue pianificazioni nazionali di comunicazione di rischio con le conferenze stampe, le pubblicità di Internet, le pubblicità di televisione correlate con la salute e il infographics sui media sociali.

Malgrado questi sforzi, l'informazione sbagliata e le teorie di cospirazione circa COVID-19 sono emerso nelle Filippine.

Prove

Molti paesi che riuscivano nel contenere la pandemia COVID-19 hanno applicato la prova diffusa. Mentre provare sono chiave a gestire la pandemia, le Filippine hanno eseguito soltanto la prova COVID-19 su una piccola scala. Specificamente, gli autori del documento corrente hanno scoperto che che dal 19 marzo 2020, meno che 1,200 persone in questa nazione erano stati provati a COVID-19, con l'istituto di ricerca per medicina tropicale in metropolitana Manila è la sola istituzione che era capace dell'esecuzione delle queste prove. dovuto la capacità limitata del sistema sanitario condurre la prova di massa, il ministero della sanità (DOH) raccomandato ha razionato la prova, in cui i protocolli rigorosi sono stati applicati.

Takeaways di studio

Gli autori dello studio corrente hanno concluso che le Filippine non erano pronte per una pandemia. Il sistema di sorveglianza di malattia potrebbe condurre il tracciato del contatto e, per parecchi mesi all'inizio del pandemico, solo un laboratorio era disponibile per la prova COVID-19. Ancora, il sistema sanitario primario non ha servito da linea di difesa primaria, che piombo la gente infettata affollarsi agli ospedali in città, così sopraffacendo il sistema sanitario e la capacità critica di cura.

“La mancanza di preparazione pandemica aveva lasciato il paese difeso male contro il nuovo virus ed i sui effetti devastatori. Investendo diligente e nella pandemia ha preparato coerente.„

Catturati insieme, i ricercatori hanno notato che la mancanza di preparazione pandemica aveva lasciato le Filippine male protette dagli effetti di SARS-CoV-2. La pandemia, quindi, ha insegnato alle Filippine come pure a molte altre nazioni intorno al mondo, che aumentare il suo investimento nell'ammodernamento degli ospedali e delle cliniche è cruciale per la protezione dei sui cittadini contro gli scoppi di malattia in futuro. Questo investimento dovrebbe anche essere accompagnato dallo sviluppo di sorveglianza adeguata, della prova e dei servizi di rintracciamento del contatto.

Journal reference:
Angela Betsaida B. Laguipo

Written by

Angela Betsaida B. Laguipo

Angela is a nurse by profession and a writer by heart. She graduated with honors (Cum Laude) for her Bachelor of Nursing degree at the University of Baguio, Philippines. She is currently completing her Master's Degree where she specialized in Maternal and Child Nursing and worked as a clinical instructor and educator in the School of Nursing at the University of Baguio.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Laguipo, Angela. (2021, June 13). Le Filippine pronte male per occuparsi di COVID-19, rapporto dice. News-Medical. Retrieved on September 16, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20210613/Philippines-poorly-prepared-to-deal-with-COVID-19-report-says.aspx.

  • MLA

    Laguipo, Angela. "Le Filippine pronte male per occuparsi di COVID-19, rapporto dice". News-Medical. 16 September 2021. <https://www.news-medical.net/news/20210613/Philippines-poorly-prepared-to-deal-with-COVID-19-report-says.aspx>.

  • Chicago

    Laguipo, Angela. "Le Filippine pronte male per occuparsi di COVID-19, rapporto dice". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210613/Philippines-poorly-prepared-to-deal-with-COVID-19-report-says.aspx. (accessed September 16, 2021).

  • Harvard

    Laguipo, Angela. 2021. Le Filippine pronte male per occuparsi di COVID-19, rapporto dice. News-Medical, viewed 16 September 2021, https://www.news-medical.net/news/20210613/Philippines-poorly-prepared-to-deal-with-COVID-19-report-says.aspx.