Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca propone la nuova teoria di evoluzione conoscitiva umana

Il periodo che precede l'emergenza degli esseri umani relativamente al comportamento moderni è stato caratterizzato dalla variabilità climatica ed ambientale drammatica - è queste pressioni, accadenti sopra le centinaia di migliaia di anni che hanno modellato l'evoluzione umana.

La nuova ricerca pubblicata oggi nel giornale archeologico di Cambridge propone una nuova teoria di evoluzione conoscitiva umana intitolata “cognizione complementare„ che suggerisce che nell'adattamento alle variabilità che ambientali e climatiche drammatiche i nostri antenati si sono evoluti per specializzarsi in differente, ma complementare, modi di pensare.

Dott. Helen Taylor dell'autore principale, socio di ricerca all'università di Strathclyde e studioso affiliato all'istituto per ricerca archeologica, università di McDonald di Cambridge, spiegata:

“Questo sistema di cognizione complementare funziona in un modo che è simile ad evoluzione al livello genetico ma invece di adattamento fisico di fondo, può essere alla base della capacità immensa delle nostre specie di creare gli adattamenti comportamentistici, culturali e tecnologici. Fornisce le comprensioni nell'evoluzione degli adattamenti unicamente umani come il linguaggio che suggerisce che questo si sia evoluto di concerto con specializzazione nella cognizione umana.„

La teoria di cognizione complementare propone che le nostre specie in cooperazione si adattino e si evolvano culturalmente attraverso un sistema della ricerca conoscitiva collettiva accanto alla ricerca genetica che permette all'adattamento fenotipico (la teoria dell'evoluzione di Darwin con la selezione naturale può essere interpretata come trattamento “di ricerca„) ed alla ricerca conoscitiva che permette all'adattamento comportamentistico.

Il Dott. Taylor continuato, “ciascuno di questi sistemi di ricerca è essenzialmente un modo di adattamento facendo uso di una miscela di edilizia sopra e di sfruttamento delle soluzioni passate e dell'esplorazione per aggiornarli; di conseguenza, vediamo col passare del tempo l'evoluzione in quelle soluzioni. Ciò è il primo studio per esplorare la nozione che i membri individuali delle nostre specie neurocognitively sono specializzati nelle strategie di ricerca conoscitive complementari.„

La cognizione complementare ha potuto trovarsi alla memoria di spiegazione del livello eccezionale di adattamento culturale nelle nostre specie e fornisce una struttura esplicativa per l'emergenza del linguaggio. Il linguaggio può essere osservato come evoluzione delle entrambe al fine della facilitazione della ricerca cooperativa e come meccanismo di eredità per la divisione dei risultati più complessi della ricerca conoscitiva complementare. Il linguaggio è osservato come parte integrante del sistema di cognizione complementare.

La teoria di cognizione complementare riunisce le osservazioni dalle discipline disparate, indicanti che possono essere osservate come varie fronti di taglio dello stesso fenomeno di fondo.

Il Dott. Taylor è continuato: “Per esempio, un modulo di cognizione corrente osservato mentre un disordine, dislessia, è indicato per essere una specializzazione neurocognitive di cui la natura a sua volta predice che le nostre specie si sono evolute in un ambiente altamente variabile. Ciò concorda con le conclusioni di molte altre discipline compreso prova palaeoarchaeological che conferma che il crogiolo dell'evoluzione delle nostre specie era altamente variabile.„

Come la carità principale per dislessia, accogliamo favorevolmente la ricerca dirottura del Dott. Helen Taylor sull'evoluzione di cognizione complementare. Mentre i nostri ambienti correnti del lavoro e di formazione non sono destinati spesso per fare il la maggior parte di pensiero dislessia-associato, speriamo che questa ricerca fornisca un punto di partenza per ulteriore prospezione dell'economico, culturale e prestazioni sociali il tutto della società può trarre dalle abilità uniche della gente con dislessia.„

Nick Posford, CEO, associazione britannica di dislessia

Allo stesso tempo, questo può anche fornire le comprensioni nella comprensione del genere di evoluzione culturale cumulativa veduta nelle nostre specie. La specializzazione nelle strategie di ricerca complementari ed in cooperazione adattarsi avrebbero aumentato notevolmente la capacità dei gruppi umani di produrre la conoscenza adattabile, permettendoci di adattarsi continuamente alle circostanze altamente variabili.

Ma nei periodi di maggiori stabilità ed abbondanza quando la conoscenza adattabile non è diventato obsoleta ad una tal tariffa, invece si sarebbe accumulata e come tale cognizione complementare può anche essere un fattore chiave nella spiegazione dell'evoluzione culturale cumulativa.

La cognizione complementare ci ha permesso di adattarsi agli ambienti differenti e può essere al centro del successo delle nostre specie, permettendoci di adattarsi molto più velocemente e più efficacemente di qualunque altro organismo altamente complesso. Tuttavia, questa può anche essere la più grande vulnerabilità delle nostre specie.

Il Dott. Taylor ha concluso: “L'impatto di attività umana sull'ambiente è stampare e l'esempio rigido di questo. La sfida di collaborazione ed in cooperazione di adattamento al disgaggio crea molte difficoltà e possiamo stabilire involontario una serie di sistemi e pratiche culturali, specialmente nella formazione, che stanno insidiando la nostra capacità di adattarsi. Queste limitazioni assunte volontariamente interrompono la nostra capacità conoscitiva complementare di ricerca e possono limitare la nostra capacità di trovare ed agire sopra le soluzioni innovarici e creative.„

“La cognizione complementare dovrebbe essere veduta come punto di partenza nell'esplorazione dell'area ricca di evoluzione umana e come strumento apprezzato nel contribuire a creare una società adattabile e sostenibile. Le nostre specie possono dovere i nostri risultati tecnologici e culturali spettacolari a specializzazione neurocognitive ed alla ricerca conoscitiva cooperativa, ma il nostro successo adattabile finora può alterare l'importanza di raggiungimento dell'equilibrio degli approcci. Se questo sistema è disadattato, può piombo rapidamente alle omissioni ugualmente spettacolari di adattarsi - e sopravvivere a, è critico che questo sistema è esplorato e capito più ulteriormente.„

Source:
Journal reference:

Taylor, H., et al. (2021) The Evolution of Complementary Cognition: Humans Cooperatively Adapt and Evolve through a System of Collective Cognitive Search. Cambridge Archaeological Journal. doi.org/10.1017/S0959774321000329.