Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Una rassegna completa sui sistemi diagnostici di COVID-19

La ricerca clinica su COVID-19 ha sviluppato nei 18 mesi da quando la malattia in primo luogo è comparso. I documenti innumerevoli hanno esaminato l'argomento da quasi ogni angolo possibile, compreso i metodi di rilevazione.

Per un nuovo documento ha pubblicato negli esami clinici di microbiologia del giornale, in un gruppo dei ricercatori piombo dagli ingegneri di Concordia setacciati con le centinaia di documenti sugli strumenti di rilevazione COVID-19 e nelle tecnologie. Hanno voluto categorizzare e capire che cosa esiste, che cosa sta mancando di e che cosa può essere migliorato. Il risultato è una valutazione accurata del campo che cita quasi 600 documenti separati che riguardano un esteso organismo di letteratura.

“L'aumento delle pubblicazioni e nuove tecnologie molto in un periodo ridotto lo ha reso molto difficile seguire per chiunque interessato all'argomento,„ dice i Tali primari di Hamid del ricercatore e dell'autore principale dello studio, uno studente di PhD nel dipartimento del prodotto chimico e l'organizzazione dei materiali.

“Il nostro studio esamina le caratteristiche di prestazione di queste tecnologie, le loro sfide e le lacune nelle nostri conoscenze attuali ed orientamenti futuri. Descriviamo le lezioni istruite in tutto la pandemia sui sistemi diagnostici di questo virus, che saranno utili nel caso di una pandemia di futuro.„

Gli autori ritengono che il documento fornisca una risorsa ricca “dello sportello unico„ per la gente interessata all'argomento, compreso gli esperti in microbiologia clinica ed i non esperti che vogliono conoscere più circa i metodi differenti.

Avendo così rassegna completa su questo oggetto gigantesco in un singolo posto è grande valore poichè salverà significativamente il tempo dai ricercatori. Li aiuterà ad afferrare le tecnologie avanzate in questa area il più rapidamente possibile, ad ottenere ispirati e diretti circa le sfide correnti ed a definire meglio i loro obiettivi della ricerca.„

I Tali di Hamid, studiano il ricercatore primario, autore principale e studente di PhD, dipartimento del prodotto chimico e materiali costruenti, Concordia University

Sana Anbuhi, un assistente universitario del prodotto chimico e dei materiali che costruisce, è l'autore senior del documento. Lei e Jason LeBlanc dell'università di Dalhousie sono gli autori corrispondenti. Zubi Sadiq e Oyejide Oyewunmi di Concordia e la Carolina Camargo, Bahareh Nikpour, Narges Armanfard e Selena Sagan della McGill University sono co-author.

RASSICURANTE è lo scopo

Gli autori precisano che l'esplosione delle tecniche e degli strumenti di rilevazione -- alcuna di qualità discutibile -- è venuto dalla necessità di ampliare le prove rapido mentre le catene di fornitura sono state interrotte dalla diffusione globale del virus. Alcune tecniche sono più accurate; altri sono più accessibili. Alcuni richiedono la strumentazione di laboratorio specializzata; altri non fanno.

L'organizzazione mondiale della sanità internazionalmente - i criteri RASSICURANTI riconosciuti per i dispositivi diagnostici di punto-de-cura li hanno aiutati per valutare le varie prove che sono usando. L'acronimo corrisponde ad accessibile, a sensibile, a specifico, a facile da usare, a rapido ed a robusto, a strumentazione strumentazion'ed a consegnabile agli utilizzatori finali. Ciò ha aiutato i ricercatori a determinare le resistenze e le debolezze degli strumenti diagnostici attuali.

“Alcuni sensori sono sensibili e specifici, significando individuano la presenza di COVID-19 ma non sono facili da usare o il macchinario ingombrante di bisogno e la gente altamente formata per gestirlo,„ Anbuhi spiega. Dice che gli strumenti più efficaci in uso ora sono prove di amplificazione dell'acido nucleico, che sono altamente efficaci ad individuare l'acido ribonucleico (RNA).

Ingegneri per salubrità

I ricercatori sperano che quella identificare le debolezze correnti in nostri strumenti diagnostici aiuti per evitare il bisogno di adozione delle misure drastiche come i lockdowns e di shuttering l'economia quando la pandemia seguente emerge.

“Speriamo che questo aiuti i ricercatori della guida verso un'unità ideale che può essere usata da chiunque, dovunque ad un basso costo molto,„ i Tali dice.

Per concludere, gli autori notano che gli ingegneri pubblicano raramente un documento in un giornale per i microbiologi clinici.

“I sistemi diagnostici di COVID-19 è un oggetto interdisciplinare. E così scrivere una rassegna completa ha richiesto la collaborazione attraverso quattro gruppi di ricerca differenti, ciascuna con il suo proprio campo di specializzazione.„

Source:
Journal reference:

Tali, S. H. S., et al. (2021) Tools and Techniques for Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus 2 (SARS-CoV-2)/COVID-19 Detection. Clinical Microbiology Reviews. doi.org/10.1128/CMR.00228-20.