Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La medicina di precisione può piombo ai trattamenti più efficaci per le circostanze oculari

La soluzione più pratica per la consegna della droga al bulbo oculare è attuale, cioè collirio. Tuttavia, una sostanza naturale in lacrime realmente può interagire con il delivery system della droga (DDS), ostacolante l'assorbimento della droga ed impedente lo entrare nelle celle che deve mirare a.

La mucina, o MUC, è solitamente là di proteggere il vostro occhio, ma quando MUC è esposto ad una molecola quale un lipoplex, un modulo comune della DDS già utilizzata in droghe oftalmologiche, legherà a e diminuirà l'assorbimento nel tessuto mirato a. Così, a scienziati chiesti, c'è un certo modo rubacchiare il lipoplex dopo il MUC?

Con l'uso di una corona costruita e artificiale della proteina (PC), ricercatori potevano vestire i lipoplexes su come qualcosa che MUC trascurasse. Hanno trovato che una proteina ha chiamato Fibronectin (FBN) e un tripeptide degli amminoacidi valina, glicina e l'aspartato (VGA), era entrambe l'efficace a celare il lipoplex, evitando essere ricoperto in MUC e legando alle celle epiteliali corneali per migliore assorbimento della DDS.

Poiché MUC lega alla superficie del lipoplex, altera sia la loro dimensione che la carica superficiale positiva o negativa. Ciò diminuisce l'assorbimento della medicina dalle celle epiteliali corneali primarie. Così, come impediamo MUC interferire? Diamo al liposoma un nuovo rivestimento che è riconosciuto dai ricevitori espressi sulla superficie oculare, aggirante il problema e consegnante la molecola più direttamente al tessuto mirato a.„

Candidato di Carlo Astarita, di Ph.D. che studiano all'istituto di Sbarro per ricerca sul cancro e medicina molecolare, dipartimento di biologia, istituto universitario di scienza e tecnologia, Temple University

I ricercatori fa parte di una collaborazione multi-istituzionale e internazionale fra l'istituto di Sbarro per ricerca sul cancro e di una medicina molecolare alla Temple University, l'università di istituto dell'occhio dello Scheie di Pensilvania e co-author a parecchie università in Italia.

“Poichè uno specialista di occhio asciutto io vede una miriade dei pazienti con le varie emissioni di superficie di malattia,„ dice Giacamina Massaro, M.D., dell'istituto dell'occhio di Scheie, dipartimento dell'oftalmologia nella scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania, “e per raggiungere un efficace trattamento, droghe deve raggiungere il tessuto dell'obiettivo (cioè le celle epiteliali corneali). In molte situazioni le droghe sono bloccate da una miscela complessa di mucosi, dei lipidi, delle proteine e dei liquidi che bagnano la superficie oculare. È di importanza fondamentale che le droghe abbiano la capacità di attraversare questa barriera.„

“Questo studio è un esempio classico dei nostri ricercatori che usando la medicina di precisione per innovare,„ dice Antonio Giordano, M.D., Ph.D., fondatore e Direttore dell'organismo di ricerca di salubrità di Sbarro (SHRO) e l'istituto di Sbarro alla Temple University come pure un programma comune di ricerca con l'università di Siena, Italia. “Identifichiamo un problema che inibisce l'efficacia di determinati tipi di trattamenti e poi chiediamo, “che cosa l'organismo fornisce in questo caso come sua propria soluzione? “In questo caso, la risposta è giusta là sulla superficie delle celle: facciamo la medicina in modo che leghi con il tessuto mirato a. In questo modo, la medicina di precisione apre la porta all'efficacia aumentata per trattare una vasta gamma di stati e di malattia dell'oculare.„

Source:
Journal reference:

Astarita, C., et al. Artificial Protein Coronas Enable Controlled Interaction with Corneal Epithelial Cells: New Opportunities for Ocular Drug Delivery. Pharmaceuticals. doi.org/10.3390/pharmaceutics13060867.