Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

MicroRNAs in urina ha potuto essere un biomarcatore di promessa per diagnosticare i tumori cerebrali, studio rivela

Uno studio recente dai ricercatori dell'università di Nagoya ha rivelato che i microRNAs in urina potrebbero essere un biomarcatore di promessa per diagnosticare i tumori cerebrali. I loro risultati, pubblicati nei materiali & nelle interfacce applicati ACS del giornale, hanno indicato che gli esami delle urine regolari potrebbero aiutare l'individuazione tempestiva ed il trattamento dei tumori cerebrali, possibilmente piombo alla sopravvivenza paziente migliore.

La diagnosi precoce dei tumori cerebrali è spesso difficile, parzialmente perché la maggior parte della gente subisce un cervello CT o la scansione di MRI solo dopo l'inizio dei deficit neurologici, quale l'immobilità degli arti e l'incapacità di discorso. Quando i tumori cerebrali sono individuati dal CT o da MRI, in molti casi, già si sono sviluppati troppo grandi completamente per essere eliminati, in grado di abbassare il tasso di sopravvivenza dei pazienti. Da questa prospettiva, i metodi accurati, facili ed economici di rilevazione iniziale di tumore cerebrale sono desiderati forte.

Come biomarcatore diagnostico dei tumori cancerogeni, i microRNAs (molecole minuscole di acido nucleico) recentemente hanno ricevuto la considerevole attenzione. MicroRNAs è secernuto dalle varie celle ed esiste in uno stato stabile ed intatto all'interno delle vescicole extracellulari in liquidi biologici come sangue ed urina. Ricercatori dell'università di Nagoya messi a fuoco sui microRNAs in urina come biomarcatore dei tumori cerebrali.

L'urina può essere raccolta facilmente senza mettere un carico sul corpo umano. a biopsia liquida basata a urina completamente non era stata studiata per i pazienti con i tumori cerebrali, perché nessuno delle metodologie convenzionali possono estrarre efficientemente i microRNAs da urina in termini di varietà e quantità. Così, abbiamo deciso di sviluppare un'unità capace di farla.„

Atsushi Natsume, l'autore corrispondente dello studio, professore associato, università di Nagoya

“a biopsia liquida basata a urina completamente non era stata studiata per i pazienti con i tumori cerebrali, perché nessuno delle metodologie convenzionali possono estrarre efficientemente i microRNAs da urina in termini di varietà e quantità. Così, abbiamo deciso di sviluppare un'unità capace di farla.„

La nuova unità che si sono sviluppati è fornita di 100 milione nanowires dell'ossido di zinco, che possono essere sterilizzati e prodotti in serie ed è quindi adatta ad uso medico reale. L'unità può estrarre una varietà e una quantità significativamente maggiori di microRNAs soltanto da un millilitro di urina confrontato ai metodi convenzionali.

La loro analisi dei microRNAs raccolti facendo uso dell'unità dall'urina dei pazienti con i tumori cerebrali e le persone del non Cancro ha rivelato che molti microRNAs derivati dai tumori cerebrali realmente esistono in urina in uno stato stabile.

Dopo, i ricercatori esaminati se i microRNAs urinarii possono servire da biomarcatore dei tumori cerebrali, facendo uso del loro modello diagnostico basato sull'espressione dei microRNAs in campioni di urina dai pazienti con i tumori cerebrali e le persone del non Cancro. I risultati hanno indicato che il modello può distinguere i pazienti dalle persone del non Cancro ad una sensibilità di 100% e ad una specificità di 97%, indipendentemente dalla malignità e dalla dimensione dei tumori. I ricercatori hanno concluso così che i microRNAs in urina è un biomarcatore di promessa dei tumori cerebrali.

I ricercatori sperano che i loro risultati contribuiscano alla diagnosi precoce dei tipi aggressivi di tumori al cervello, come i glioblastomas come pure ad altri tipi di cancri. Il Dott. Natsume dice, “in futuro, tramite una combinazione di intelligenza artificiale e di telemedicina, la gente potrà conoscere la presenza di cancro, mentre medici potranno conoscere lo stato dei malati di cancro appena con una piccola quantità di loro urina quotidiana.„

Source:
Journal reference:

Kitano, Y., et al. (2021) Urinary MicroRNA-Based Diagnostic Model for Central Nervous System Tumors Using Nanowire Scaffolds. ACS Applied Materials & Interfaces. doi.org/10.1021/acsami.1c01754.