Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra il vantaggio degli spazi naturali per la salute mentale durante il lockdown

Uno studio effettuato dall'istituto di scienza e tecnologia ambientale del Universitat Autònoma il de Barcellona (ICTA-UAB) ed il Instituto de Saúde Pública dell'università di Oporto (ISPUP), conclude che l'esposizione agli spazi naturali durante il primo lockdown COVID-19 nel 2020 era utile per la salute mentale dei cittadini spagnoli e portoghesi.

La ricerca mostra quella, nel Portogallo, durante la prima relegazione, la gente che ha mantenuto o aumentato il contatto con gli spazi pubblici naturali, quali le soste e le zone costiere, o che potrebbe contemplare questi spazi dalle loro case, presentate i livelli più bassi dello sforzo, l'emergenza psicologica ed i sintomi psicosomatici.

In Spagna, coloro che ha mantenuto o aumentato il contatto con gli spazi naturali privati, quali le piante d'appartamento o le aree verdi della comunità, presentate i livelli più bassi dello sforzo e dei sintomi psicosomatici. Ciò potrebbe essere dovuto il fatto che la Spagna ha adottato le misure più restrittive per circolazione non Xeros durante il periodo analizzato.

L'esposizione di ricerca ai risultati di salute mentale e della natura durante il lockdown COVID-19. Un confronto fra il Portogallo e la Spagna, pubblicati nell'internazionale dell'ambiente del giornale, è stato condotto fra marzo e maggio 2020.

Il Dott. Ana Isabel Ribeiro, ricercatore al ISPUP e primo autore del lavoro insieme aTriguero-Mas della margarita dal ICTA-UAB dice che “abbiamo deciso di studiare se gli spazi naturali, pubblici e privati hanno avuti un effetto benefico sulla salute mentale dei cittadini portoghesi e spagnoli, aiutandoli a fare fronte meglio agli effetti negativi del lockdown„. Per la sua parte, il Triguero-Mas della margarita aggiunge che “la gente intorno a noi ed a noi stessi parlato di come abbiamo mancato la sosta che abbiamo attraversato quando siamo andato all'ufficio o alla passeggiata sulla spiaggia con i nostri cani, in modo da noi ha voluto controllare fino a che punto il contatto con gli spazi naturali era un fattore importante durante la relegazione„.

Parecchi articoli precedenti egualmente hanno indicato l'impatto positivo dell'esposizione agli spazi naturali sulla salute mentale, cioè, nella diminuzione lo sforzo, l'ansia e del miglioramento del benessere psicologico complessivamente. “Considerando che cosa è descritto nella letteratura, abbiamo voluto valutare se la gente che ha goduto della maggior esposizione agli spazi naturali durante il primo lockdown COVID-19 avesse migliori indicatori di salute mentale che coloro che non ha avuto contatto con le aree naturali„, spiegano il Dott. Ribeiro. Allo stesso tempo, hanno voluto studiare se l'esposizione agli spazi naturali privati, quali i giardini, frutteti o impianti, fosse più utile fra i cittadini spagnoli che fra il Portoghese, dato che la Spagna applicasse le misure più rigorose per limitare la mobilità che il Portogallo.

Per effettuare la ricerca, gli autori hanno applicato un questionario online, fra il 27 marzo ed il 6 maggio 2020, tesi a tutti i cittadini invecchiati 18 anni o più vecchi, risiedendo in Spagna o nel Portogallo. L'indagine ha riguardato gli aspetti relativi alla frequenza ed il tipo di gente dell'esposizione ha dovuto spazi naturali (pubblici e privati), prima e durante la prima relegazione; problemi sanitari di salute mentale per valutare i livelli di sforzo, disturbi e sintomi mentali di somatization ed emissioni sociodemografiche. Dei più di 3.000 cittadini (N = 3.157) che ha risposto al questionario, 1.638 erano portoghesi e 1.519 Spagnoli.

Sia in paesi, durante la relegazione, c'era una riduzione significativa dell'uso degli spazi naturali pubblici, quali le spiagge, soste che giardini e un aumento in contatto con gli spazi naturali privati, quali i giardini della comunità, giardini urbani ed impianti, particolarmente in Spagna. La gente che vivono nelle case unifamiliari (villetta) e gli appartamenti situati in città erano quelle che minimo mantenessero o aumentassero la loro esposizione agli spazi naturali pubblici in entrambi i paesi.

In Spagna, in cui le misure durante il periodo analizzato erano molto più restrittive ed è stato vietato per lasciare la casa e gli spazi all'aperto pubblici erano chiusi, i vantaggi dell'esposizione agli spazi naturali pubblici non erano pertinenti quanto nel Portogallo, ma era chiaro l'importanza degli elementi naturali privati. Fra i cittadini spagnoli che hanno partecipato allo studio, 66% ha fatto diminuire la frequenza dell'esposizione agli spazi naturali pubblici (confrontati a 54% nel Portogallo).

In Spagna, è notevole che la gente che minimo hanno mantenuto o aumentato la cura delle piante d'appartamento era la gente in 65 anni, coloro che ha vissuto con parecchia gente a casa o coloro che era in una seconda residenza durante la relegazione. Al contrario, la gente che ha mantenuto o aumentato la cura delle piante d'appartamento più era quelle con i bambini, ma senza adulti dipendenti.

Nel Portogallo, coloro che è stato limitato il più lungo e coloro che ha permutato per lavorare erano coloro che minimo hanno mantenuto o aumentato il loro contatto con gli spazi pubblici naturali. A loro volta, coloro che ha praticato l'esercizio fisico hanno indicato la maggior esposizione a questi posti. I cittadini portoghesi che sono riuscito a mantenere o aumentano la loro esposizione agli spazi pubblici naturali hanno mostrato i livelli più bassi dello sforzo confrontati a coloro che non ha fatto. Inoltre, coloro che ha contemplato gli spazi naturali dalle loro case hanno ottenuto i miglioramenti in tutti i risultati di salute mentale analizzati: sforzo, disturbi mentali e somatization.

Questo studio dimostra chiaramente il vantaggio degli spazi naturali per la salute mentale della popolazione in un contesto della crisi di salute pubblica.„

Dott. Ana Isabel Ribeiro, ricercatore, ISPUP

“I poteri pubblici ed i decisori potrebbero applicare le misure che facilitano l'accesso agli spazi pubblici naturali, in un modo sicuro e controllato, nel contesto di una pandemia. Ciò è particolarmente importante per gruppi il più socialmente ed economicamente vulnerabili della popolazione e per coloro che ha poco accesso a questi spazi nel loro contesto privato„, sottolinea.

Inoltre, il Dott. Triguero-Mas aggiunge che “il nostro studio è particolarmente importante per le città come Barcellona, in cui le nuove edilizie hanno raramente i balconi o spazi della comunità con vegetazione. È importante rivalutare come la ricostruzione di costruzione o le case nuove può essere spazi più sani che promuovono ed impediscono il deterioramento nella salubrità della gente che le abita in„.

Source:
Journal reference:

Ribeiro, A.I., et al. (2021) Exposure to nature and mental health outcomes during COVID-19 lockdown. A comparison between Portugal and Spain. Environment International. doi.org/10.1016/j.envint.2021.106664.