Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I portafili di APOE ɛ4 con i sintomi depressivi di metà della vita possono essere all'elevato rischio di capitalizzazione di tau

La gente di mezza età con i sintomi depressivi che portano una variazione genetica chiamata apolipoprotein (APOE) ε4 può essere più al rischio per sviluppare le capitalizzazioni del proteina tau l'emozione del cervello e nelle regioni memoria-gestenti, un nuovo studio dai ricercatori dal centro di scienza di salubrità dell'università del Texas a San Antonio (salubrità San Antonio di UT) e le istituzioni di collaborazione suggerisce.

Il giornale del morbo di Alzheimer ha pubblicato i risultati nella sua emissione nel giugno 2021 della stampa. La ricerca è basata sulle valutazioni della depressione e sulla rappresentazione (PET) di tomografia a emissione di positroni condotte fra 201 partecipante allo studio multigenerational del cuore di Framingham. L'età media di questi partecipanti era 53.

Decadi prima della diagnosi

Le scansioni dell'ANIMALE DOMESTICO sono condotte tipicamente in adulti più anziani, in modo dagli studi dell'ANIMALE DOMESTICO di Framingham in persone di mezza età sono unici, hanno detto Mitzi M. Gonzales, PhD, autore principale dello studio e un neuropsicologo con l'istituto di Glenn Biggs per Alzheimer e le malattie di Neurodegenerative, che fa parte di salubrità San Antonio di UT.

Ciò ci dà un'opportunità interessante di studiare la gente alla metà della vita e di ottenere un senso dei fattori che potrebbero essere associati con le capitalizzazioni della proteina in persone che sono conoscitivo normali. Queste persone sono decadi probabili prima di qualunque tipo di diagnosi di demenza, se devono sviluppare la demenza in futuro.„

Dott. Mitzi M. Gonzales, PhD, l'autore principale dello studio

Nessun associazioni trovate con amiloide beta

L'amiloide beta (amiloide-β) e la tau sono proteine che cumulano nei cervelli della gente con il morbo di Alzheimer ed egualmente tipicamente aumentano in misura più delicata con invecchiamento normale. Lo studio non ha trovato associazioni dei sintomi e della depressione depressivi con amiloide-β. La sola associazione era con la tau e soltanto in portafili di variante di APOE ε4. Circa un quarto dei partecipanti (47 di 201) era portafili ε4, in virtù di avere almeno una copia dell'allele ε4.

Avere una copia di APOE ε4 aumenta il rischio di sviluppare Alzheimer vicino fino a due a triplo, ma qualche gente con questa variante vive nel loro 80s e 90s e mai non sviluppa la malattia. “È importante da tenere presente che solo perché una persona è identificata come trasporto dell'allele di APOE ε4 non significa che svilupperà la demenza in futuro,„ il Dott. Gonzales ha detto. “Significa appena che il rischio è più alto.„

I sintomi depressivi (e depressione se i sintomi fossero abbastanza severi raggiungere che soglia diagnostica) sono stati valutati con il centro per il disgaggio della depressione di studi epidemiologici ai tempi della rappresentazione dell'ANIMALE DOMESTICO come pure priore otto anni. Le associazioni fra i sintomi e la depressione depressivi con i risultati dell'ANIMALE DOMESTICO ad entrambi i punti di tempo sono state valutate, registranti per ottenere l'età ed il sesso.

Centri di emozione e di cognizione

Lo studio ha mostrato le associazioni fra i sintomi depressivi ed ha aumentato la tau in due regioni del cervello, corteccia di entorhinal e amigdala. “Queste associazioni non arguiscono che la capitalizzazione di tau causa i sintomi depressivi, o vice versa,„ il Dott. Gonzales ha detto. “Notiamo soltanto che entrambi sono presenti nei portafili ε4.„

La corteccia di entorhinal è importante per consolidamento di memoria e tende ad essere un'area dove il deposito della proteina accade nella fase iniziale, lei ha notato. L'amigdala, nel frattempo, è considerata il centro di emozione del cervello.

“Gli studi longitudinali sono necessari più ulteriormente capire che cosa sta accadendo, ma è intrigante pensare al significato clinico dei nostri risultati in termini di cognizione come pure regolamento emozionale,„ il Dott. Gonzales ha detto.

Source:
Journal reference:

Gonzales, M., et al. (2021) Association of Midlife Depressive Symptoms with Regional Amyloid-β and Tau in the Framingham Heart Study. Journal of Alzheimer's Disease. doi.org/10.3233/JAD-210232.