Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I vaccini del mRNA COVID-19 di manifestazioni di studio è sicuri per la riproduzione maschio

I vaccini di Moderna e di Pfizer il mRNA COVID-19 è sicuri per la riproduzione maschio, secondo un nuovo studio dai ricercatori della scuola di medicina di Miller dell'university of miami pubblicati in JAMA, il giornale medico generale il più ampiamente distribuito nel mondo.

I test clinici originali dei vaccini BNT162b2 e mRNA-1273 del mRNA non hanno valutato i vaccini per la tossicità riproduttiva, secondo il Ranjith senior Ramasamy autore, M.D., professore associato e Direttore dello studio del programma riproduttivo dell'urologia del banco di Miller.

La perplessità vaccino è una barriera a cessare la pandemia COVID-19 e crediamo che alcuna di quella perplessità sia dovuto l'opinione pubblica circa se il vaccino potrebbe pregiudicare negativamente la fertilità. Eravamo i primi per dimostrare che il virus di COVID, stesso, può pregiudicare la fertilità maschio ed essere una causa potenziale per disfunzione erettile. Ora siamo i primi da esaminare se c'è dell'impatto del vaccino di COVID su potenziale maschio di fertilità, che non abbiamo trovato.„

Dott. Ranjith Ramasamy, M.D., professore associato e Direttore, programma riproduttivo dell'urologia del banco di Miller

Il Dott. Ramasamy ed i colleghi del banco di Miller hanno studiato 45 volontari maschii in buona salute fra le età 18 e 35. I volontari, che non hanno avuti emissioni di fertilità all'inizio dello studio, se un campione del seme prima della ricezione della prima dose del vaccino di Moderna o di Pfizer e se un altro campione circa 70 giorni dopo la seconda dose.

“Questo è il ciclo di vita completa di sperma e i 70 giorni è tempo sufficiente di vedere se il vaccino urta i parametri del seme,„ hanno detto Daniel C. Gonzalez, B.Sc., uno studente di medicina al banco di Miller ed autore dello studio il primo. “Abbiamo misurato il volume del seme, concentrazione dello sperma e la somma totale di sperma mobile e trovata là non era declini in c'è ne dei parametri rispetto all'analisi del riferimento.„

I risultati suggeriscono che i vaccini di Moderna e di Pfizer non urtino la fertilità maschio, in grado di avere implicazioni enormi per l'abbassamento della perplessità vaccino, secondo il Dott. Ramasamy.

I ricercatori non hanno studiato il vaccino d'una sola dose di Johnson and Johnson COVID-19.

Source:
Journal reference:

Gonzalez, D.C., et al. (2021) Sperm Parameters Before and After COVID-19 mRNA Vaccination. JAMA. doi.org/10.1001/jama.2021.9976.