Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo cuore artificiale può registrare i bisogni cambianti dei pazienti curati per ottenere l'infarto di stadio finale

Un cuore artificiale sperimentale comprende un meccanismo di controllo dell'autoregolamento, o il Automatico-Modo, che può regolare alle esigenze cambianti dei pazienti curati dell'infarto di stadio finale.

I risultati in prima serie di pazienti gestiti con la nuova pompa della sostituzione del cuore nel Automatico-Modo sono presentati nel giornale di ASAIO, Gazzetta ufficiale della società americana per gli organi interni artificiali. Il giornale è pubblicato nel portafoglio di Lippincott da Wolters Kluwer.

Lo studio riferisce sulla risposta “all'autoregolamento connesso alla strumentazione di pressione di flusso sanguigno„ in dieci pazienti per fino a due anni dopo impianto del cuore artificiale totale di Carmat (C TAH).

“Il Automatico-Modo di C TAH con i sensori incorporati di pressione efficacemente produce le risposte fisiologiche appropriate riflettenti dei bisogni del quotidiano dei pazienti cambianti e così fornisce la terapia quasi fisiologica della sostituzione del cuore,„ secondo la nuova ricerca. L'autore principale è Ivan Netuka, MD, dell'istituto per medicina clinica e sperimentale, Praga.

Il Automatico-Modo può aumentare l'indipendenza e la qualità di vita in infarto severo

Le pompe della sostituzione del cuore possono riparare il volume del sangue arterioso in pazienti con stadio finale, infarto a due ventricoli (che pregiudica entrambi i lati del cuore) di cui solo l'altra opzione è trapianto cardiaco. Tuttavia, per permettere ai pazienti di andare a casa dall'ospedale e per ritornare alle loro attività usuali, la pompa dovrebbe emulare la funzione normale del cuore, con esigenza minima di adeguamento.

Per incontrare quello scopo, la C TAH comprende un Automatico-Modo che adatta automaticamente il pompaggio a destra e a sinistra dei ventricoli in risposta ai sensori di pressione situati dentro l'unità, in base ai parametri fissati dal medico. Lo scopo è di imitare le risposte fisiologiche normali ai bisogni cambianti - specialmente attività fisica.

Il Dott. Netuka e colleghi ha analizzato la prestazione dei Automatico-Modi nei primi 10 pazienti che subiscono l'impianto di C TAH nell'esperienza clinica europea iniziale. I pazienti erano tutti gli uomini, età media 60 anni. La C TAH è stata utilizzata come un ponte a trapianto cardiaco in sei pazienti e come unità permanentemente impiantata in quattro.

In tutti i pazienti, il cuore artificiale è stato passato con successo da controllo manuale al Automatico-Modo nella sala operatoria. Il Automatico-Modo piombo “ad una risposta appropriata immediata del volume del sangue arterioso„ alle impostazioni mirate a. I dati emodinamici registrati dalla C TAH indicata hanno preveduto le variazioni nell'output di pompaggio dei ventricoli destri e sinistri, in risposta ai cambiamenti nelle pressioni e nella frequenza cardiaca. La frequenza cardiaca ha stato in media 78 - 128 battiti per minuto; la pressione sanguigna era normale pure.

In quasi cinque anni di seguito aggregato, i gruppi di medici hanno reso a cambiamenti nelle impostazioni del Automatico-Modo appena 20 volte. La maggior parte dei adeguamenti sono stati realizzati durante i primi 30 giorni dopo il collocamento dell'unità. Soltanto quattro sono stati fatti dopo che il paziente è andato a casa dall'ospedale: una tariffa di circa 1 cambiamento a 11 mese.

“L'esigenza diminuita dei cambiamenti della gestione di unità può contribuire a maggior autonomia per i pazienti fuori dell'ambiente dell'ospedale ed il miglioramento nella loro qualità di vita,„ il Dott. Netuka e co-author scrive. Riconoscono che il loro studio è un'esperienza iniziale di numero relativamente piccolo dei pazienti.

“Tuttavia,„ aggiungono, “rappresentano un salto significativo verso la terapia più fisiologica seguente della sostituzione del cuore della fase. L'esperienza globale in più di quattro anni di prestazione dell'unità rappresenta un positivo e un risultato di promessa per i pazienti mentre richiedendo soltanto intervento minimo dai clinici.„

I ricercatori pianificazione perfezionamenti ulteriori basati sui risultati preliminari; gli studi futuri forniranno i dati sulla risposta all'esercizio fisico le tariffe di riammissione dell'ospedale e. Un test clinico degli Stati Uniti della C TAH è preveduto per cominciare presto.

Source:
Journal reference:

Neyuka, I., et al. (2021) First Clinical Experience With the Pressure Sensor–Based Autoregulation of Blood Flow in an Artificial Heart. ASAIO Journal. doi.org/10.1097/MAT.0000000000001485.